Allontanati satana

/user/YouTube/discussion [google CIA 666 youtybe NSA] [ non mi importa, se, voi chiudete per la terza volta, questa pagina.. io non so come fanno, ma, i miei ebrei mi seguiranno sempre, ovunque, io andrò! ] amen. C. S. P. B. +. Amen!
Crux Sancti Patris Benedecti
Croce del Santo Padre Benedetto
amen. C. S. S. M. L. +. Amen!
Crux Sacra Sit Mihi Lux
Croce sacra sii la mia Luce
amen. N. D. S. M. D.
Non draco sit mihi dux
Che il dragone non sia il mio duce
amen. V. R. S. +. Amen!
Vadre Retro satana
Allontanati satana!
amen. N. S. M. V. +. Amen!
Non Suade Mihi Vana
Non mi persuaderai di cose vane
amen. S. M. Q. L. +. Amen!
Sunt Mala Quae Libas
Ciò che mi offri è cattivo
amen. I.V. B. +. Amen!
Ipsa Venena Bibas
Bevi tu stesso i tuoi veleni:  DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF!
IN NOMINE PATRIS, ET FILII ET SPIRITUI SANCTO +
Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
attuale governo golpista in carica, il quale non vuole aprire un'indagine sugli eventi ei cecchini di Bush 322 Kerry . [ma guarda che strana coincidenza ] I CECCHINI DI MAYDEN IN KIEV ERANO SICARI DEL GOVERNO FANTOCCIO PRO-EURO-NATO, IN CARICA per il golpe. Intercettata conversazione telefonica tra Catherine Ashton e il ministro degli esteri dell'Estonia (che ha poi ufficialmente confermato). Ministro degli esteri dell'Estonia: "I cecchini che hanno sparato e ucciso sia manifestanti che poliziotti (oltre 100 morti e circa 1000 feriti) a Kiev erano sicari dei leader dell'attuale governo, il quale non vuole aprire un'indagine sugli eventi". [ma guarda che strana coincidenza ] VIDEO ORIGINALE IN LINGUA INGLESE
Breaking: Estonian Foreign Minister Urmas Paet and Catherine Ashton discuss Ukraine over the phone
altri video sull'argomento al link
http://syrianfreepress.wordpress.com/2014/03/05/leaked-phone-conversation-between-catherine-ashton-and-estonian-foreign-minister-snipers-who-shot-killed-protesters-and-policemen-in-kiev-were-hitmen-of-the-euro-maydan-leaders/
Jezebel II queen IMF-NWO
king saudi arabia [ dove sei troia? io ti aspetto in Siria! ] Ultime dalla #Siria: Nel #Video (Ing, Fra), L'esercito #Bonifica la località roccaforte Al-Zarah in sobborgo Homs,
- #Comando Generale dell'Esercito: il successo di al-#Zarah è significativo per la sua posizione geografica e la sua importanza per i #terroristi
- Unità dell'esercito uccidono decine di terroristi a #Yabroud, sobborgo #Damasco Campagna
- Un'unità dell'esercito sequestra un pick-up carico di armi e munizioni nella zona di Douma a diretto ai terroristi nella Ghouta orientale di Damasco.
- Al-#Jaafari: La Siria è impegnata a rispettare i trattati sui diritti dei bambini e l'infanzia
- In occasione della #Giornata mondiale della #donna, l'Unione Generale delle donne ha organizzato un sit-in davanti alla sede #UN contro l'ingerenza straniera negli affari siriani
- Marcia popolare a Damasco in sostegno all'esercito e alla leadership siriana
- #Lavrov: Dialogo con i partner occidentali sull'#Ucraina dovrebbe essere equo
- #Idleb: #Attacco terroristico con colpi di mortaio sul parco Al-Zir provoca vittime e ferimenti di bambini
- Il #presidente venezuelano Nicolas #Madura chiede agli Stati Uniti di non coinvolgersi nell'America Latina
http://youtu.be/_J5ITyZRPbs
http://youtu.be/16B2-ulpep4 #Siria, Comando generale dell'esercito annuncia la bonifica totale della località roccaforte dei terroristi in sobborgo #Homs #Zarah
#Siria, l'esercito riprende il pieno controllo sulla località Hasrajyah in sobborgo Homs, 2km distante dalla loro roccaforte Zarah
#Siria, l'esercito avanza in Qalamoun controlla frutteti di Rima e le colline orientali che si affacciano sulla città di Yabroud
#Siria, l'esercito avanza in #Qalamoun riprende il controllo su Mujamma, Talet Katari che si affaccia sulle colline orientali di #Yabroud
Telegramma dal Pt. #Assad a Pt. #Putin esprime solidarietà della Siria a suoi sforzi nel ripristinare la sicurezza e la stabilità in Ucraina
#Siria, esplosione terroristica con autobomba all'ingresso sud di #Hama, informazioni preliminari indicano vittime,feriti e danni materiali
Jezebel II queen IMF-NWO
ex Inviato dell'UN x la Siria, Kofi Annan: ha detto: "Qatar, ArabiaSaudita e Turchia fornivano armi e denaro all'opposizione nonostante miei appelli!" 8 MARZO, FESTA DELLE DONNE. UN OMAGGIO DI TG24Siria. (anche se in ritardo, causa lavoro, accettate i nostri auguri). Per la festa delle donne, facciamo gli auguri a tutte le signore e signorine, affinchè possano acquisire (coloro che non l'hanno giá) tutta la sua forza, tenacia, dolcezza e capacità di resistenza... (nella foto la moglie del Presidente bashar al-Assad, First Lady of Syria, Asma al-Assad, Dio protegga sempre lei e la sua faliglia )
Jezebel II queen IMF-NWO
TG 24 Siria. 41 minuti fa [ questa guerra manifesta le vere intenzioni di Maometto l'anima dannata insieme ad Hitler all'inferno, una delle tre facce di satana ]
#Siria, Arrivate a #Damasco, Quartiere Qassa'a, le suore di San Tecla di Ma'aloula, liberate ieri dai terroristi. #Libano: il convoglio della delegazione della sicurezza generale libanese riceve le suore a Arsal: stanno bene, tra poco arrivino in #Siria. Libano: l'arrivo del convoglio, che trasporterà le Suore di Maloula alla Valle Atta sul confine libanese siriano come prevede l'oro accordo. Siria, +18: terroristi mercenari perpetrano nuovo massacro, fucilano 10 civili a Daraa tra cui bambino e anziano
إرهابيون مرتزقة يرتكبون مجزرة مروعة بدرعا بحق عشرة مواطنين بينهم شيخ مسن وطفل, Cambio Piano, Le suore rapite saranno consegnate a Shtura in Libano, e sarà la loro decisione se tornare a Damasco o a Beirut
Jezebel II queen IMF-NWO
Good Deeds Day (63 foto). Domenica 9 marzo, giornata mondiale del Volontariato (Good Deeds day), alcuni studenti israeliani dell'Università di Padova hanno prestato il loro aiuto e sostegno, mediante azioni concrete di solidarietà. L'iniziativa è stata realizzata a Vo', grazie al supporto del Comune di Vo' e del Museo della Shoah e del Paesaggio. Cristiani per Israele-Italia
7 marzo. Domenica 9 marzo, giornata mondiale del Volontariato (Good Deeds day) alcuni studenti israeliani dell'Università di Padova presteranno il loro aiuto e sostegno, mediante azioni concrete di solidarietà. L'iniziativa viene realizzata a Vo', grazie al supporto del Comune di Vo' e del Museo della Shoah e del Paesaggio.
L'iniziativa ha un grande valore sociale, ma anche storico: dove 70 anni prima, durante il regime fascista, questa Villa e questo Comune erano diventati luogo di detenzione per gli ebrei di Padova, il 9 marzo viene portato un messaggio di pace e di solidarietà dai giovani studenti israeliani. Alcuni ragazzi andranno nelle famiglie bisognose e, in collaborazione con i servizi sociali, porteranno il loro sostegno, mentre altri rimarranno a svolgere lavori pratici nel Museo.
La giornata inizierà alle 9 in Piazza Santimaria con i saluti delle autorità della città e la distribuzione dei compiti ai volontari.
Jezebel II queen IMF-NWO
Amnesty: le autorità siriane usano la fame come l'arma.. è una totale bugia! [ Amnesty, ONU, USA UE, massoni Illuminati Bildenberg satanisti, sono per la LEGA aRABA, sharia imperialismo, perché loro sono i nazisti che odiano la civiltà ebraico-cristiana! ecco perché lasciano sterminare: 300 dhimmi, ogni giorno.. e per loro è bono tutto questo! ] Amnesty International ha accusato il governo siriano di far morire di fame i civili e di usare la fame come modo di conduzione della guerra. secondo i dati dei difensori dei diritti umani, nel campo profughi di Yarmouk a Damasco sono morte di fame almeno 128 persone. L'organizzazione afferma che migliaia di persone rimaste nel campo vivono in condizioni di “crisi umanitaria catastrofica”. Gli abitanti di Yarmouk praticamente non ricevevano gli aiuti umanitari da luglio scorso fino a gennaio di quest'anno, perché la consegna di aiuti umanitari è fallita più di una volta: gli operatori umanitari non avevano il permesso di avvicinarsi al campo.                        
Jezebel II queen IMF-NWO
Yanukovich interverrà con una dichiarazione. [ la sua dichiarazione è inutile.. lo sappiamo tutti che è stato un golpe di USA UE ] Martedì Viktor Yanukovich interverrà a Rostov sul Don con una dichiarazione, comunicano le agenzie di stampa russe, riferendosi ad fonte del suo entourage.
Al momento non sono stati resi noti l'orario e il luogo. 22 febbraio la Verkhovna Rada ha destituito Yanukovich e ha cambiato la Costituzione, nominando Presidente ad interim lo speaker del Parlamento Aleksandr Turchinov.
Le elezioni presidenziali in Ucraina sono state indette per il 25 maggio.
Jezebel II queen IMF-NWO
MrMiddleburg 08/mar/2014. Sim, mas o Inferno existe. E é muito dificil alcançar o purgatorio. Quem será salvo ? Choose the straight and narrow path that leads to eternal life. For many are those who choose the wide road that leads to destruction. ( And nowadays it looks even worse, not better). PEACE. [answer]  i farisei Bildenberg Spa, FMI, massoni, prendono gli uomini per la lussuria e la avidità, effimero, menzogne e satanica menzogna gender, ecc.. quindi.. si pentiranno di avere fatto entrare satana nella loro vita! ma, sarà troppo tardi per loro, perché, la paglia brucerà velocemente!
Jewish Satanists and pedophiles bce fed nwo imf imf
Jezebel II queen IMF-NWO
traditori vigliacchi nemici del Regno di Dio! complici dei satanisti farisei salafiti, per la rovina di Israele! ] New York, proteste contro la leva degli ebrei ultra-ortodossi: parassiti usurai strozzini Illuminati, i parassiti del mondo!
 New York il 9 marzo si è tenuta la manifestazione contro il servizio di leva nell'esercito israeliano degli ebrei ultra-ortodossi. Alle proteste hanno partecipato oltre 50 mila persone. L'iniziativa è stata organizzata in forma di preghiera, perciò uomini e donne protestavano separatamente.
A marzo il Parlamento israeliano esaminerà il disegno di legge, secondo il quale gli ebrei ultra-ortodossi di Israele dovranno fare il sevizio di leva nell'esercito come tutti gli altri. Nel caso di approvazione la legge entrerà in vigore nel 2017.
Domenica scorsa le proteste di massa si sono tenute a Gerusalemme.
Jezebel II queen IMF-NWO
Le nuove autorità di Kiev dipendono dai nazionalisti radicali. [ ma, chi comanda è il popolo! quindi siano i vari popoli della Ucraina a fare le loro scelte.. la violenza in questo caso è inutile! ]
La Russia invita i suoi partner a non considerarla come una delle parti coinvolte nel conflitto in Ucraina,- è quanto ha dichiarato il Ministro degli Esteri Serghey Lavrov al termine del suo incontro con il collega tagico Sirodgiddin Aslov. Gli interlocutori hanno discusso i problemi della cooperazione bilaterale ed importanti problemi internazionali.                                                                                                                                 L’Ucraina: le autorità illegittime di Kiev e l’autodeterminazione della Crimea. Il Consiglio della Federazione della Russia sosterrà la decisione del Parlamento della Crimea sullo svolgimento di un referendum. Il capo del Consiglio Valentina Matvieenko lo ha dichiarato ai parlamentari della Crimea che venerdì sono stati a Mosca. Jezebel II queen IMF-NWO
non tutti possono avere tutto! Quindi chi vuole abitare da qualche parte, si metta in cammino per la parte del suo destino! .. ] Il 16 marzo il voto per l'annessione alla Russia [ da quando Bush 322 Kerry, hanno mandato i cecchini ad uccidere i poliziotti, per fare il colpo di Stato.. l'unica cosa che resta da fare è assecondare la volontà delle divere anime della Ucraina.. ma, forse il vero obiettivo di Obama Bildenbeg, è la guerra mondiale che Rothschild ha chiesto! ] Crimea braccio di ferro Russia-Ucraina. Usa e Cina: rispettare identità territoriali. Kiev avverte: non cederemo. Ricompare il presidente deposto Yanukovich che domani parlerà a Rostov sul Don. Giovedì il leader ucraino Yatseniuk parteciperà al Consiglio di sicurezza dell'Onu. A Sebastopoli la lingua russa sostituisce già l'ucraino nei documenti. Ma l'etnia tatara in Crimea non molla: "Boicotteremo il referendum" Crimea, Putin: "Referendum legittimo". Manifestazione a Simferopoli: "I russi sono fratelli". Ucraina, il premier Iatseniuk: “Non cederemo un centimetro alla Russia”. Scontri a Sebastopoli. Khodorkovsky a Kiev: Mosca complice delle violenze. 10 marzo 2014A meno di una settimana dal referendum, non si allenta il braccio di ferro sulla Crimea. Ucraina e Russia non arretrano. Putin difende le misure adottate dalle autorità della penisola, come quella del sindaco di Sebastopoli che ha già introdotto il russo al posto dell'ucraino nei documenti ufficiali.
Yatseniuk: "Non cederemo nemmeno un centimetro alla Russia"
Ma da Kiev, il premier ad interim Yatseniuk - che mercoledì incontrerà il presidente Obama e giovedì interverrà davanti al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, riunito per "considerare la situazione" nel Paese orientale - fa sapere: "Non cederemo nemmeno un centimetro alla Russia". E ricompare il presidente deposto Victor Yanukovich che domani parlerà dalla località russa di Rostov sul Don.
Etnia tatara in Crimea: "Boicotteremo il referendum". "Boicotteremo il referendum", ha fatto invece fatto sapere Andrei Krisko, presidente della sezione crimeana, che rappresenta il principale gruppo dell'etnia tatara in Crimea, in una conferenza stampa a Simferopoli. "Non vogliamo l'annessione alla Russia", ha detto, e "non accetteremo il risultato perché la consultazione non ha regole chiare".
Soldati filorussi occupano base in un villaggio tataro
La tensione resta alta. Soldati filorussi armati a volto coperto hanno fatto irruzione in una base militare ucraina nei pressi di Bahk Cisarai, un villaggio tataro a pochi chilometri dalla capitale della Crimea, Simferopoli. Sono in corso trattative con i militari ucraini della base ai quali è stato chiesto di "aderire alla Crimea indipendente". Usa e Cina: rispettare identità territoriale dell'Ucraina
Stati Uniti e Cina sono sulla stessa lunghezza d'onda. Concordano sulla necessità di una "soluzione pacifica" della disputa tra Russia e Ucraina. Lo hanno affermato il presidente americano, Barack Obama, e quello cinese Xi Jinping nel corso di un colloquio telefonico, di cui riferisce la Casa bianca. Obama e Xi hanno anche sottolineato il loro sostegno al rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina. Pechino finora era rimasta defilata nelle trattative e poco interessato a partecipare agli aiuti, in linea con il basso profilo del paese negli scenari internazionali. Si era detto anche contrario a possibili sanzioni contro la Russia.
Merkel minaccia sanzioni.
Il presidente cinese ha anche parlato con la cancelliera Angela Merkel, che oggi è tornata a minacciare sanzioni se la Russia non si muoverà per un allentamento della tensione e l'istituzione di un Gruppo di contatto. La cancelliera domenica ha parlato anche con il presidente Putin tornando a definire "illegale" il voto della Crimea per l'annessione alla Russia. E c'è stata anche una telefonata tra il presidente russo e il premier britannico David Cameron. L'unione europea continua a lavorare per un "gruppo di contatto", che veda faccia a faccia, allo stesso tavolo, neoziatori russi e ucraini.
Trenta tonnellate di aiuti dalla Russia.
Crimea: sì alla missione Osce ma senza Nato.
Sebastopoli: il russo è già lingua ufficiale.
A Sebastopoli il russo diventa lingua ufficiale prima ancora del referendum sull'adesione della Crimea alla Russia, previsto per domenica prossima: Dmitri Belik, sindaco ad interim della città, dove oltre il 70% dei residenti è russo, ha decretato che il russo sia la lingua ufficiale per i documenti di circolazione, finora compilati in ucraino.
Crimea blindata. Russi occupano base aeronautica.
Jezebel II queen IMF-NWO
ma esiste un solo abominevole idolo pietra MECCA, un solo califfato mondiale, imperialismo sharia NAZI, sotto egida Onu Amnesty.... tutto il resto? è hollywood! ma, poiché Israele non ha capito questo presto sarà ucciso! ] 10 marzo 2014
Gli Emirati Arabi Uniti hanno preso posizione a sostegno della decisione della confinante Arabia Saudita di classificare i Fratelli Musulmani come organizzazione terroristica.
10 marzo 2014
Iraq. Un attentatore suicida alla guida di un minibus imbottito di esplosivo ha ucciso almeno 32 persone e ferite quasi 150, domenica, nella città meridionale a maggioranza sciita di Hilla. Lo hanno detto fonti mediche e di polizia specificando che almeno 50 auto sono andate a fuoco con i passeggeri intrappolati all’interno.
10 marzo 2014
L’emiro del Qatar, lo sceicco Tamim Bin Hamad, ha parlato con il “primo ministro” di Hamas a Gaza, Islmail Haniyeh, e ha detto che “il Qatar continuerà a sostenere e aiutare Gaza”. La conversazione si è svolta dopo la decisione dei paesi del Golfo di richiamare i loro ambasciatori da Doha a causa del sostegno del Qatar ai Fratelli Musulmani e a Hamas.
10 marzo 2014
Un alto funzionario della sicurezza egiziana di stanza nel Sinai ha detto a YnetNews che il carico di missili sequestrato da Israele la scorsa settimana nel mar Rosso era destinato a militanti o nella penisola del Sinai e nella striscia di Gaza       
Jezebel II queen IMF-NWO
il periodo finale del genere umano è iniziato (coraggio, sono soltanto altri 300 circa!), è stata realizzata l'alleanza naturale tra Ebrei e cristiani! ma, massoni Bildenberg Farisei e IIlluminati Spa, Fmi, OGM,  hanno costruito: una inimicizia artificialmente, per sterminare e predare entrambi! ] Dhimmitudine: l’inizio della fine?
Si profila un cambiamento culturale e politico rivoluzionario per Israele, il Medio Oriente e la scena mondiale. Di Mordechai Nisan.
Mordechai Nisan, dell’Università di Gerusalemme, autore di questo articolo
Stiamo assistendo di questi tempi a uno degli sviluppi più straordinari nella configurazione storica dei rapporti tra ebrei, cristiani e musulmani. I cristiani in Galilea (la regione settentrionale d’Israele) stanno coraggiosamente recuperando e promuovendo la loro identità non-araba e pre-islamica
come una vecchia/nuova narrazione collettiva mediorientale aramea/aramaica. Si tratta di una novità culturale e politica dirompente che riveste un significato rivoluzionario per Israele, per il Medio Oriente e per la scena mondiale.
Sotto la guida di padre Gabriel Nadaf, un sacerdote ortodosso originario di Yafia, presso Nazareth, e di Shadi Khalloul, un attivista cristiano maronita di Gush Halav, ufficiale riservista dell’esercito israeliano, è stato costituito il “Forum Cristiano per l’arruolamento nelle Forze di Difesa israeliane”. Mentre tutti i cittadini non-ebrei in Israele, eccetto drusi e circassi, sono esonerati dalla leva militare obbligatoria, con il Forum è stata intrapresa un’inedita operazione promozionale volta a incoraggiare un maggior numero di giovani cristiani ad arruolarsi volontariamente. Questa iniziativa esprime il desiderio sia di servire lo Stato che di integrarsi appieno nella società israeliana, diffondendo l’idea che i cristiani si sentono impegnati in prima persona per la sicurezza e il benessere dello Stato ebraico d’Israele di cui sono cittadini a pieno titolo. Mentre gli arabi cristiani fuggono da Iraq, Siria, Egitto, Autorità Palestinese, in Israele vi sono arabe cristiane arruolate volontarie che comandano unità delle forze armate. Motivazione e significato di questa campagna cristiana hanno un valore di grande rilievo. Dai primi giorni della guerra araba contro il sionismo, più di cento anni fa, sino al rifiuto palestinese, oggi, di uno stato ebraico, il grosso della comunità cristiana si era sempre allineata con i musulmani in quanto “fratelli arabi”. I partiti nazionalisti arabi, dal precursore partito comunista all’attuale Balad, sono stati guidati e rappresentati sia da cristiani che da musulmani. In effetti, anzi, il generale movimento moderno di rinascita nazionale araba in tutto il Medio Oriente fu spesso ispirato da alcuni audaci ideologi e politici cristiani come Michel Aflaq e Costantino Zurai. In Israele, le città e le borgate miste musulmano-cristiane come Turan e Ibelin, Eilaboun e Nazareth, sono state tradizionalmente dipinte come bastioni di fratellanza e solidarietà araba, nonostante il divario religioso in fatto di matrimoni e costumi. Ora invece il Forum Cristiano ha iniziato a diffondere un messaggio chiaro e pressante che demolisce l’edificio della (presunta) unità araba.
La struttura religiosa e giuridica che si è imposta durante e sotto l’islam ha stabilito il predominio musulmano su ebrei e cristiani, definiti e squalificati come residenti dhimmi: tollerati, ma di rango inferiore. Pur preservando fede e integrità delle rispettive comunità, i dhimmi erano sottoposti ad una esorbitante e umiliante rapacità fiscale e a una precaria dipendenza dai capricci di califfi, sultani, emiri e wali musulmani. Episodi di stragi e conversioni forzate hanno fatto parte per molti secoli della condizione di vittime sotto supremazia musulmana subita dagli ebrei nello Yemen, in Marocco, in Libia, in Iraq. Lo stesso vale per i cristiani in quelle che erano state, prima dell’inizio delle conquiste arabe, popolazioni a maggioranza cristiana sia in Egitto che in Siria. Un’insegna che accoglie i non musulmani a Nazareth: “Chi vuole una religione diversa dall’islam, il suo culto non sarà accettato, e nell’altra vita sarà tra i perdenti. Sacro Corano [3:85]”. Sulla destra, la Basilica cristiana dell’Annunciazione. Il movimento sionista e lo Stato di Israele rappresentano, in epoca moderna, il movimento di liberazione nazionale ebraico contro il colonialismo musulmano in Palestina e l’imperialismo arabo in Medio Oriente. [Ideologie come il pan-arabismo e il pan-islamismo più che movimenti di liberazione nazionale incarnano moderne versioni della millenaria tradizione imperiale del Medio Oriente. Cfr. Efraim Karsh, Inari Karsh, Empires of the Sand. The Struggle for Mastery in the Middle East, 1789-1923, Cambridge, Harvard University Press, 1999]. Il successo di Israele rappresenta la vittoriosa resistenza del movimento nazionale ebraico nella sua patria storica. In quanto tale, essa ha significato la scomparsa di quel debilitante complesso mentale fatto di paura e senso di inferiorità che è stato appropriatamente definito “dhimmitudine”, e che aveva sfregiato l’animo di generazioni di ebrei mediorientali, ed anche di cristiani mediorientali. Dai villaggi di Yafia e Gush Halav è suonata la campana della libertà. Una nuova coscienza di sé si diffonde tra i 160.000 cristiani d’Israele: costituiscono solo il 2% della popolazione israeliana, ma il loro numero è in aumento, in netto contrasto con l’uccisione e la fuga in massa dei cristiani da Iran, Iraq, Siria ed Egitto. Storicamente i cristiani sono stati massacrati dai musulmani in Turchia e Sudan. In Israele sono cittadini rispettati e vivono una vita sicura e prospera, tanto che godere di questa situazione suscita il senso di un debito morale di ripagare. Nessuno può dubitare che, se vi fosse una Palestina araba al posto di un Israele ebraico, i cristiani di Mei’liya e Fassuta verrebbero cacciati, nel migliore dei casi, al di là dei confini. Già adesso, com’era prevedibile, gli arabi musulmani hanno avviato una campagna di intimidazione contro l’emergente mutamento delle alleanze cristiane in Israele. Lina Mahoul, 19 anni, araba cristiana di Acco, ha vinto nel 2013 la seconda edizione della popolare competizione canora israeliana “The Voice”. Il Forum Cristiano in Israele, benché abbia una valenza soltanto locale, offre tuttavia un precedente convincente e una orgogliosa novità per l’Occidente che deve promuovere la cooperazione ebraico-cristiano contro le forze musulmane più estremiste, come in Europa. Come ha sostanzialmente distrutto i grandi centri storici cristiani in Medio Oriente, allo stesso modo l’islam minaccia il carattere culturale e l’indipendenza politica dell’Europa cristiana. Un’ombra di dhimmitudine si sta diffondendo sull’Europa, ma la valorosa posizione assunta da alcuni cristiani in Galilea indica la direzione per coltivare un’autentica sintonia ebraico-cristiana globale, rompendo il vecchio patto islamo-cristiano che nasceva delle aspirazioni universalistiche dell’islam e dalla sua sete di potere. E’ un momento della verità e di riconciliazione in Israele, con i cristiani che iniziano a vedere negli ebrei la legittima sovranità e dei  fratelli nella lotta.
(Da: Jerusalem Post, 4.1.14)
Si veda anche:
Araba, cristiana, israeliana, fiera di difendere il suo paese e la sua casa
Jezebel II queen IMF-NWO
perché qualcuno si offende per quello che io ho detto di ANSA?
quando ANSA ha detto: che la lingua russa è stata abolita in Ucraina?
quando ANSA ha detto: che il governo golpista si rifiuta di fare una inchiesta, circa i cecchini di Bush 322 Kerry, che hanno ucciso tante persone a Madian?
Lega Araba e Abu Mazen: «No al riconoscimento dello stato ebraico!» [ non si vergognano neanche formalmente, di negare che il loro obiettivo di sempre è il genocidio degli israeliani e di tutti i popoli del loro mondo! si, perché Allah è il vero diobestia, ed il mondo è tutto loro! .. però 4 mogli, sono meglio di una.. quasi quasi.. perché no? ] Netanyahu: «Riconoscendo lo stato ebraico voi palestinesi mettereste finalmente, in chiaro, che siete veramente disposti a porre fine al conflitto» 9 marzo 2014: incontro al Cairo dei ministri degli esteri della Lega Araba. La Lega Araba ha formalmente approvato domenica il rifiuto del presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) di riconoscere Israele come stato nazionale del popolo ebraico, una richiesta del governo israeliano che gli Stati Uniti vorrebbero che Abu Mazen accettasse nel quadro degli sforzi e delle concessioni, che, le due parti devono fare per arrivare a un “accordo-quadro” e prolungare oltre la scadenza di aprile i negoziati per risolvere gli annosi nodi del conflitto israelo-palestinese. “Il Consiglio della Lega Araba – hanno affermato i ministri degli esteri dei paesi arabi in una dichiarazione diffusa dal Cairo – conferma il proprio sostegno alla dirigenza palestinese nel suo sforzo di porre fine all’occupazione israeliana sulle terre palestinesi e rimarca il suo rifiuto di riconoscere Israele come stato ebraico”. Negli ultimi tempi i governi arabi, evidentemente assorbiti dalle convulsioni delle rivolte arabe che sconvolgono la regione dal 2011, hanno preso poche volte posizione sulle trattative di pace mediate dagli Stati Uniti. Il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen). “Riconoscendo lo stato ebraico voi palestinesi mettereste finalmente in chiaro che siete veramente disposti a porre fine al conflitto – aveva detto martedì scorso il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu parlando negli Stati Uniti – Per cui, riconoscete lo stato ebraico senza pretesti e senza ritardi. È ora che lo facciate”. Alla fine sella scorsa settimana il presidente palestinese Abu Mazen aveva dichiarato che “in nessun modo” avrebbe riconosciuto Israele come stato ebraico, né accettato che la capitale palestinese possa essere solo in una parte di Gerusalemme est. Le dichiarazioni di Abu Mazen, pronunciate durante un discorso a giovani attivisti di Fatah, sono state diffuse venerdì dall’agenzia di stampa palestinese Wafa. Abu Mazen ha aggiunto d’aver resistito in passato a pressioni internazionali e che continuerà a resistere con fermezza, in particolare sulla richiesta che i palestinesi riconoscano Israele come stato ebraico. “Continuano a fare pressione – ha detto Abu Mazen, pur non specificando esattamente chi – e ci dicono: non c’è pace senza stato ebraico. Ma non esiste: noi non accetteremo”. Un particolare della mappa della spartizione del mandato Britannico allegata alla Risoluzione Onu n. 181 (1947): nella legenda, come nel testo della risoluzione, la locuzione “Jewish State” (stato ebraico)
Intervistato venerdì dal Canale 10 della tv israeliana, Netanyahu ha detto: “Sono pronto a procedere, sono pronto ad arrivare alla fine del conflitto: ma deve essere davvero la fine del conflitto. Non permetteremo la creazione di uno stato palestinese fatta in modo che possa continuare il conflitto. Ecco perché devono riconoscere lo stato degli ebrei, esattamente come a noi viene chiesto di riconoscere lo stato dei palestinesi”. Dal canto suo, il capo negoziazione palestinese Saeb Erekat ha affermato domenica a radio Galei Tzahal d’aver esortato il presidente palestinese Abu Mazen ad abbandonare i negoziati di pace con Israele. Stando a quanto riferito da Erekat, Abu Mazen ha risposto di non aver intenzione di lasciare il tavolo negoziale prima che venga completato, alla fine di questo mese, il quarto rilascio di detenuti palestinesi (che Israele ha accettato di effettuare proprio per ottenere che i palestinesi si presentassero al tavolo delle trattative). “Il divario tra le due parti è ancora molto ampio” ha spiegato Erekat nell’intervista di domenica aggiungendo che il principale ostacolo ai colloqui è la questione del riconoscimento di Israele come stato nazionale del popolo ebraico. (Da: YnetNews, Jerusalem Post, Ha’aretz, 9.3.14)
Jezebel II queen IMF-NWO
senza un attacco nucleare preventivo, contro, tutta la LEGA ARaBA, non rinunceranno mai al loro terrorismo! ] 10 marzo 2014 [ tutto il terrorismo sotto egida Onu, Amnesty per sterminare i dhimmi, con amore, by, i nazista sharia della LEGA ARABA! ] Dal cargo iraniano catturato dalla Marina israeliana la scorsa settimana nel mar Rosso è stato sbarcato domenica nel porto di Eilat il carico di armi clandestine: 40 missili M-302 con una gittata fra i 90 e i 160 km, 181 proiettili di mortaio da 22 mm, 400.000 proiettili calibro 7,62. Israele intercetta missili siriani spediti dall’Iran a Gaza. Bloccato in acque internazionali un cargo di armi clandestine che avrebbe messo in pericolo la maggior parte della popolazione israeliana La Marina israeliana ha intercettato mercoledì mattina, al largo di Port Sudan (nel mar Rosso), una nave cargo implicata nel traffico iraniano di armi clandestine, carica di decine di missili a lungo raggio diretti alla striscia di Gaza.
Jezebel II queen IMF-NWO
ma, il terrorismo non nasce: come un fungo, esso viene dalla religione corrotta dei wahhabiti, e dagli islamisti che sono un progetto imperialistico sharia nazi.. ecco quale è la vera ottica di lettura del problema: palestinese, Boko Haram, Talebani ecc.. il califfato mondiale sotto egida ONU Amnesty UE USA.  ] Peres: «Sempre di più gli arabi che vedono il terrorismo, e non Israele, come il loro vero nemico». Il presidente israeliano ha risposto on line alle domande di arabi d’Israele e dell’intero Medio Oriente. Intervistato in diretta da Panet, il sito web di notizie in arabo collegato al settimanale arabo-israeliano Panorama, il presidente d’Israele Shimon Peres si è rivolto giovedì alla comunità degli arabi israeliani e dell’intero Medio Oriente esprimendo la speranza in una migliore cooperazione dal momento che “sono sempre più numerosi i paesi arabi che vedono il terrorismo come il loro vero nemico, e hanno ragione”.
Jezebel II queen IMF-NWO
si, per il prossimo viaggio? ]  [ Iran manderà le testate nucleari ad Amas! ] [ i politici massoni israeliani, hanno deciso di distruggere Israele.. solo chiacchiere sanno dire! ] Israele intercetta missili siriani spediti dall’Iran a Gaza. Bloccato in acque internazionali un cargo di armi clandestine che avrebbe messo in pericolo la maggior parte della popolazione israeliana. La Marina israeliana ha intercettato mercoledì mattina, al largo di Port Sudan (nel mar Rosso), una nave cargo implicata nel traffico iraniano di armi clandestine, carica di decine di missili a lungo raggio diretti alla striscia di Gaza.
Jezebel II queen IMF-NWO
di fronte d ogni artificio giuridico: è sempre: il popolo: che: ha l'ultima parola.. ma, europeisti e russofoni, si vogliono dividere, e contro, questa realtà non ci sono argomenti validi, ad eccezione della tirannia! ] Quel che può insegnare all’Ucraina il negoziato di pace israelo-palestinese. I confini non sono sacri: semmai lo solo le persone e il loro diritto all'autodeterminazione. Gli storici discutono ancora animatamente sulle origini della prima guerra mondiale, ma per lo più concordano sul fatto che il sostegno incondizionato che Gran Bretagna, Francia e Russia diedero alla Serbia nell'estate del 1914 contribuì a trascinare il continente europeo nella più sanguinosa conflagrazione militare che avesse mai conosciuto. [ io dico, che, quando gli europeisti si accorgeranno, di che cazzo nel culo, sono i massoni Bildenberg?, loro vorranno di nuovo diventare russofoni e non potranno.. perché, le false democrazie massoniche, del signoraggio bancario rubato. ed i suoi poteri occulti, Bush 322 Kerry, sono il più pernicioso regime nazista della storia ]
quando, noi riusciremo a vedere delle notizie che non siano ideologicamente colorate in ANSA massonica bildenberg?
ma, io credo in un mondo senza imperialismi.. e se, voi mi seguite tutti questo è possibile!
 10 marzo 2014 il diritto al terrorismo nucleare della LEGA ARABA ] [ come perché? i massoni bildenberg e i farisei Spa, Illuminati, hanno deciso di ucciderti! ] “L’Iran, che nega qualsiasi coinvolgimento nella vicenda (del cargo di missili sequestrato da Israele mercoledì nel mar Rosso), mente spudoratamente”. Lo ha affermato domenica il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aprendo domenica la riunione settimanale del governo. Netanyahu ha parlato anche della visita a Teheran della responsabile esteri dell’Unione Europea, Catherine Ashton. “Vorrei chiederle – ha detto Netanyahu – se, ha fatto domande ai suoi ospiti a Teheran in merito alle forniture di armi ad organizzazioni terroristiche, e se no, perché, non lo ha fatto”. [ come perché? i massoni bildenberg e i farisei Spa, Illuminati, hanno deciso di ucciderti! ]

Netanyahu, irresponsabile ignorare Iran. [ e perché, è responsabile ignorare la Arabia SAudita? sono tutti assassini seriali. maniaci religiosi, sharia imperialismo.. ed anche tu sei un ipocrita, se, tu pensi al tuo interesse personale, invece, che pensare alla verità, perché, tu non puoi vedere, tutto il percorso delle radici occulte del male, quindi tu ignori il tuo vero pericolo! ] Il premier israeliano mostra armi a bordo navi intercettata. 10 marzo, #EILAT, [] "La volontà di ignorare la vera politica dell'Iran è da irresponsabili". Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu alla stampa internazionale a cui ha mostrato il carico della nave proveniente dall'Iran intercettata di fronte alla costa del Sudan. "Quelli che cadono in questo inganno - ha aggiunto - devono svegliarsi". "Ho sentito poche condanne da parte della comunità internazionale sull'episodio della nave: e' l'epoca dell'ipocrisia".

Netanyahu, [ tutti sanno della Arabia Saudita, ma, tutti tacciono! perché, tu chiami ipocriti gli altri, quando tutti sanno, che, è la Arabia SAudita che gestisce la galassia jihadista? e anche tu come ipocrita taci.. ma, questo non ti gioverà! ] Ancora strage in Nigeria. Padre Lombardi: «Orribile violenza». La preoccupazione del portavoce vaticano per il nuovo attacco che ha colpito il Nord del Paese: «Una situazione drammatica. Preghiamo per le vittime e speriamo che i responsabili trovino vie per uscirne» di R. S. È ancora strage di cristiani nella Nigeria settentrionale, dove nella notte tra sabato e domenica, nel villaggio di Izghe, sono morte oltre 100 persone, in un attacco attribuito a miliziani del movimento estremista islamico Boko Haram. «Una situazione drammatica di terribile e orribile violenza - ha commentato il portavoce vaticano padre Federico Lombardi -, che colpisce tantissimi innocenti tra cui molti cristiani». A raccontare la vicenda, un testimone, a cui ha dato voce la stampa, secondo il quale gli autori dell’azione terroristica, camuffati con uniformi delle forze di sicurezza, avrebbero radunato gli abitanti in un unico luogo prima di cominciare il massacro. I miliziani, riferisce il testimone, sarebbero anche andati in cerca delle loro vittime casa per casa, bruciando alcune abitazioni e saccheggiando vari negozi prima di abbandonare il villaggio. Centinaia di civili sono stati costretti alla fuga. Nel villaggio, secondo le prime ricostruzioni, non erano presenti uomini delle forze di sicurezza, malgrado nello stato di Borno sia in vigore da maggio dello scorso anno uno stato d’emergenza, con frequenti operazioni militari contro gli islamisti. «Preghiamo per le vittime - l’invito di padre Lombardi - e speriamo che i responsabili trovino le vie per fermare tanta assurda violenza». 17 febbraio 2014

Famiglia: Manuale di autodifesa dall'aggressione del gender nelle scuole. Il Forum famiglie scende in campo. Francesco Beleltti: l'iniziativa nata dall'esigenza dei genitori di non essere estromessi dalle scelte educative nei confronti dei propri figli di Giovanna Pasqualin Traversa (Agenzia Sir). Mentre avanza nelle scuole italiane l’offensiva dell’ideologia del “genere” con gli opuscoli “Educare alla diversità” e le diverse iniziative collegate, il Forum delle associazioni familiari dell’Umbria corre ai ripari e predispone un manuale per genitori con figli da 0 a 18 anni, intitolandolo “Dodici strumenti di autodifesa dalla teoria del gender”. Indicazioni pratiche contro il rischio indottrinamento, come verificare i piani di offerta formativa prima dell’iscrizione scolastica, tenersi informati sui contenuti proposti, segnalare eventuali abusi al dirigente scolastico o addirittura denunciare, in alcuni casi, il verificarsi di veri e propri episodi di violenza privata nei confronti dei figli. Francesco Belletti, presidente nazionale del Forum, spiega che è in corso una discussione su come rilanciare a livello nazionale uno strumento «che riflette l’esigenza dei genitori di non essere estromessi dalle scelte educative nei confronti dei propri figli», e sottolinea che la scuola «ha oggi bisogno di una nuova alleanza educativa tra tutte le sue componenti»; di una «coprogettazione» in cui «non può essere ignorato il punto di vista dei genitori» ai quali l’articolo 30 della Costituzione «attribuisce il diritto-dovere di educare i figli». Per Belletti «sono da respingere iniziative che arrivino dall’alto con la vecchia logica della circolare ministeriale». Sul tema dell’identità sessuale e dell’educazione alla sessualità, avverte, «non si può viaggiare per ricette approssimative. Il fatto stesso che alcuni di questi percorsi chiedano ai docenti di uscire dall’aula, e il materiale venga gestito dalle associazioni di riferimento senza la custodia di chi è titolare della responsabilità educativa, dice che si tratta di un’iniziativa ideologica». Del progetto umbro abbiamo parlato con Simone Pillon, responsabile del Forum regionale e consigliere nazionale della Commissione relazioni familiari e diritto.
Come nasce questo “manuale” di autodifesa?
Nasce in risposta alla necessità di molti genitori, emersa un mese fa in un convegno a Collevalenza, di avere indicazioni pratiche su come fronteggiare questa emergenza, insieme a diverse segnalazioni di quello che sta accadendo in alcune scuole. Dodici punti che tentano di tenere insieme l’alleanza con la scuola ma anche la libertà di scelta educativa dei genitori.
In concreto, che cosa vi è stato segnalato?
Anche qualche episodio di violenza privata. Proprio qualche sera fa, nel corso di un incontro a Perugia, una mamma ha raccontato che con la minaccia di un brutto voto o di una bocciatura, la figlia quattordicenne è stata costretta, insieme ad altri compagni, ad assistere ad una “lezione” sul “gender” e a vedere spezzoni di film pornografici, nonostante avesse manifestato il desiderio di non farlo. A mio avviso ci sono tutti gli estremi per una denuncia di violenza privata.
Come è stata la recezione del vademecum?
Il Forum nazionale sta studiando come assumerlo, e anche la Manif pour tous ci ha chiesto di utilizzarlo, ma abbiamo avuto una sorprendente diffusione anche in Spagna.
Che cosa c’è dietro l’iniziativa dell’Unar, protagonista assoluta della campagna pro gender?
Non certo il rispetto del diverso o la necessità di superare le discriminazioni, bensì la volontà di imporre un’ideologia mascherandola come difesa dei diritti, lotta contro il bullismo e la violenza. Basta che una persona riesca a fare passare in Consiglio d’istituto l’iniziativa come meritevole, e il gioco è fatto, anche perché il contenuto delle “lezioni” è sempre lasciato all’iniziativa di chi le svolgerà. Interpellato sui motivi per i quali l’Arcigay avesse tenuto corsi di questo tipo, un preside ha ammesso di non averne verificato i contenuti.
Come intervenire?
Anzitutto con l’informazione e la formazione, smascherando queste manovre e affermando la verità: l’ideologia di “genere” è fondata su falsi presupposti di carattere antropologico, scientifico e morale. Una volta consapevoli della posta in gioco, i genitori sono i primi a mobilitarsi. Per questo, il 23 marzo terremo un incontro interregionale a Perugia, nel corso del quale svilupperemo, con l’aiuto di esperti, un discorso multidisciplinare: antropologico, scientifico, giuridico e teologico. Ci arrivano richieste da tutta Italia, da genitori e docenti. E non si può più perdere tempo.
Che risposta ha avuto dalla Chiesa locale?
Dal cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti viva soddisfazione e pieno appoggio. Potrei parlare di una “santa condivisione”. Il problema però non riguarda solo i cattolici. Ieri alcuni genitori “agnostici” ci hanno avvertito che sul sito del Miur, la maschera per le iscrizioni scolastiche online prevede, oltre alla voce “genitore 1” e “genitore 2”, che per il primo sia obbligatorio specificare il sesso, per il secondo si possa scegliere l’opzione “annulla” e procedere oltre.
Secondo lei, i genitori hanno ancora fiducia nella scuola?
La gente era abituata a fidarsi, anche se forse con eccessive deleghe in bianco. Oggi percepiamo che molti genitori si sentono “traditi” dalla scuola, si sta diffondendo il sentimento di una fiducia malriposta. È anche vero che alcuni docenti ci riferiscono di avere tentato una battaglia contro l’ideologia “gender” ma di essere stati lasciati soli, sia dai colleghi, sia dai genitori, probabilmente non consapevoli della posta in gioco.
6 marzo 2014.

In città: Sì della Regione alla legge contro la violenza sulle donne. [ corruzione morale assoluta, la teoria del gender, farà collassare la Chiesa nella apostasia ed aprirà il dominio dei satanisti sul pianeta! ] tra gli obiettivi del testo anche la prevenzione e la promozione della cultura del rispetto. Accolti gli emendamenti a firma Tarzia, che hanno eliminato i termini che rimandavano alla teoria del gender di R. S. Soddisfazione, da parte del consigliere d’opposizione Olimpia Tarzia, vice presidente della commissione Cultura della Regione e presidente del Movimento PER, per l’accoglienza degli emendamenti presentati, «finalizzati a eliminare i termini che rimandavano alla teoria del gender», e che hanno consentito di «liberare la legge dalla malcelata ideologia che surrettiziamente apriva al mondo lgbt». Approvati anche gli emendamenti presentati da Tarzia che estendono la collaborazione con tutto l’associazionismo di volontariato e quelli che eliminavano l'attribuzione della violenza solo agli uomini, come prevedeva il testo base, «evitando così una legge “sessista” e discriminatoria al contrario». Eppure al voto finale Tarzia si è astenuta. Il motivo: il no dell’Aula a due emendamenti relativi all’istigazione all’aborto e alla pratica dell’utero in affitto quali forme di violenza. Il bilancio, per la presidente di PER, è comunque positivo: «Ritengo - afferma - che sia stata una grande vittoria, culturale prima ancora che politica». 7 marzo 2014

08 febbraio 2012 [ solo la Arabia Saudita ha il potere di controllare gli jihadisti terroristi.. non dipende da Assad fermare le operazioni millitari! Quindi il lavoro saudita salafita è quello di distruggere ogni diversità.. è colpa degli USA, se tutte le Nazioni del mondo sono costrette ad essere ipocrite! ] Ancora violenze in Siria. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha chiesto nuovamente che gli scontri «cessino immediatamente» affermando che «la mancanza di accordo all’interno del Consiglio di sicurezza dell’Onu non dà la licenza alle autorità siriane di intensificare le violenze contro la popolazione». In base a fonti degli attivisti, ieri, nelle violenze sono stati uccisi quasi cento civili, per la maggior parte nell’area della città di Homs. Scontri anche nella provincia nordoccidentale di Idlib e in varie città, tra cui Aleppo. Le autorità di Damasco hanno smentito queste notizie. Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, è atteso oggi in Siria per colloqui con le autorità di Damasco, mentre — stando alle notizie diffuse dalla Bbc — sono ripresi i disordini a Homs. Dall’ufficio di Lavrov hanno fatto sapere che il ministro è stato inviato a Damasco perché Mosca lavora per una «rapida stabilizzazione della situazione in Siria». Nella capitale siriana Lavrov avrà un incontro con il presidente Bashar Al Assad. In base a quanto riferito nei giorni scorsi dall’agenzia di stampa russa Interfax, ad accompagnare il capo della diplomazia russa a Damasco ci sarà il responsabile dell’intelligence estera, Mikhail Fradkov. Ieri Lavrov ha definito la reazione della comunità internazionale, dopo il veto di Russia e Cina alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu sulla Siria, «al limite dell’isteria». Intanto, gli Stati Uniti hanno chiuso la loro ambasciata a Damasco, richiamando i diplomatici in Siria. Anche la Gran Bretagna, attraverso il ministro degli Esteri, William Hague, ha annunciato di aver richiamato «per consultazioni» il proprio ambasciatore in Siria. Il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi di Sant’Agata, ha sottolineato che l’invito a espellere gli ambasciatori siriani e a richiamare i rappresentanti diplomatici a Damasco è «in questo momento oggetto di concertazione tra Paesi europei».

imbecilli, ma i palestinesi sono gli alleati di Assad, quindi, chi li ha fatti morire di fame è il re della arabia saudita! [ questi palestinesi sono strumentalizzati da tutti! ] [ e questa è: la dimostrazione, come, tutte le massoniche informazioni di hollywood Bildenberg, sono una totale bugia! ] Siria: Amnesty,128 morti di fame a Yarmuk. Campo palestinese a sud di Damasco circondato da luglio. 10 marzo, 17:24, #BEIRUT, Sono 128 le persone morte di fame dal luglio scorso nell'assedio da parte delle forze governative del campo palestinese di Yarmuk, a sud di Damasco, secondo un rapporto di Amnesty International. Le forze siriane "usano la fame dei civili come arma di guerra", ha detto Philip Luther, direttore del programma Medio Oriente e Nord Africa.
ordine esecutivo 11110 Unius REI
Netanyahu, irresponsabile ignorare Iran [ ma king saudi arabia ha detto: "ragazzo, se tu non mi uccidi? certo sharia io ti ucciderò! " e questo vero proprio.. infatti lui è il primo nazista senza libertà di religione! ] Il premier israeliano mostra armi a bordo navi intercettata. [ ma in tutta risposta, il jihadi sharia imperilismo sotto egida Onu Amnesty ] Gaza, Hamas inaugura monumento a "razzo". Cerimonia in concomitanza con visita media a nave Iran a Eilat

ordine esecutivo 11110 Unius REI

2 palestinesi uccisi da soldati Israele. Entrambi in Cisgiordania, uno a valico Allenby con la Giordania [ la tragedia è insita ad un Islam Coranico nazista, ipocrita bugiardo, di dogmatici maniaci religiosi, assassini seriali sotto egida Onu Amnesty, per il califfato mondiale] very very crazy full

ordine esecutivo 11110 Unius REI

Russo è lingua ufficiale a Sebastopoli. Lo decide sindaco città Crimea con 70% popolazione russa [ il fatto che Kiev ha abolito il Russo, in precedenza?, questo denota, dimostra: tutta la loro cattiva fede, infatti, loro si ostinano a non fare una inchiesta, circa, i cecchini di Kerry 322 bush, che, hanno ucciso così tante persone a Madian ] oltre ad essere golpisti? sono massoni Bildenberg, Illuminati farisei!
ordine esecutivo 11110 Unius REI
Corea nord: sorella Kim,new entry regime. Kim Yo-jong, quasi 27/enne, guadagna l'appellativo di "compagna". 10 marzo, #TOKYO, [ e per che cosa vanno a votare quelle rane gonfiate? per la libertà di religione di Unius REI? li manderò a vivere nei loro gulak lager, per far loro apprezzare il lato umoristico della vita. io so che quel criminale legge sempre i miei articoli su di lui! ] Esordio in pubblico, con tanto di ingresso nella nomenklatura del regime, per la sorella minore del leader nordcoreano Kim Jong-un, la quasi 27enne Kim Yo-jong. I media statali di Pyongyang la hanno menzionata per la prima volta in occasione del voto legislativo e suggerendo un suo buon posizionamento nelle stanze del potere. La tv di Stato Kctv ha riferito della visita del giovane leader al seggio elettorale insieme alla "compagna Kim Yo-jong", ripresa mentre deposita la scheda nell'urna
ordine esecutivo 11110 Unius REI

/user/YouTube/discussion [google CIA 666 youtube NSA] [ non mi importa, se, voi chiudete, per la terza volta, questa pagina.. io non so come fanno, ma, i miei ebrei mi seguiranno sempre, ovunque, io andrò! ] amen. C. S. P. B. +. Amen!
Crux Sancti Patris Benedecti, Croce del Santo Padre Benedetto
amen. C. S. S. M. L. +. Amen! Crux Sacra Sit Mihi Lux
Croce sacra sii la mia Luce. amen. N. D. S. M. D.
Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce
amen. V. R. S. +. Amen!
Vadre Retro satana Allontanati satana!
amen. N. S. M. V. +. Amen!
Non Suade Mihi Vana
Non mi persuaderai di cose vane
amen. S. M. Q. L. +. Amen!
Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo, amen. I.V. B. +. Amen!
Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni:  DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! IN NOMINE PATRIS, ET FILII ET SPIRITUI SANCTO +
Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!