kinG Saudi Arabia

solo chi ha vissuto, sulla propria pelle la tirannia dell'ISLAM, ci può fare capire, quale minaccia mortale l'islam e la sharia rappresentino per la nostra civiltà occidentale!
===================
TUTTO IL MALE CHE GLI USA STANNO FACENDO AL MONDO. perché è obbligo di ogni saudita turco e islamici TUTTI, di sterminare, soprattutto ebrei e, in conseguenza di sottomettere in schiavitù i cristiani, perché sono tutti idolatri, i non islamici! Ma per i salafiti tutti i popoli del modo sono idolatri, anche i musulmani laici son idolatri. CORANO sura 5,82 Troverai che i più acerrimi nemici dei credenti sono i Giudei e politeisti e troverai che i più prossimi all'amore per i credenti sono coloro che dicono: «In verità siamo nazareni», perché tra loro ci sono uomini dediti allo studio e monaci che non hanno alcuna superbia. E QUINDI NON è UN PROBLEMA IL SOTTOMETTERLI ALLA CONDIZIONE DI DHIMMI SCHIAVI, CORANO sura 5,60. Say, "Shall I inform you of [what is] worse than that as penalty from Allah ? [It is that of] those whom Allah has cursed and with whom He became angry and made of them apes and pigs and slaves of Taghut. Those are worse in position and further astray from the sound way." Italian. Di': «Posso forse annunciarvi peggior ricompensa da parte di Allah? Coloro che Allah ha maledetto, che hanno destato la Sua collera e che ha trasformato in scimmie e porci, coloro che hanno adorato gli idoli, sono questi che hanno la condizione peggiore e sono i più lontani dalla retta via.
=============
che Turchia e ARABIA SAUDITA con la copertura di USA sovvenzionino i terrorismo internazionale? questo è nella logica dei fatti! QUINDI NON ESISTE PIù UNA SPERANZA PER LE NAZIONI del pianeta! ... L’Arabia Saudita fa i conti delle sue guerre, 30.12.2015 La guerra in Yemen è costata all'Arabia Saudita 5,3 miliardi di dollari. I 260 miliardi di dollari investiti nella difesa dal Paese nel 2015 rivelano il sotegno anche a Daesh in Siria.
La guerra in Yemen è costata all'Arabia Saudita 5,3 miliardi di dollari. Secondo i dati del ministro delle Finanze, Adel Fakeih, la petromonarchia guidata dalla famiglia Saud ha aumentato nel 2015 il budget della difesa del 13%, raggiungendo i 260 miliardi di dollari.
La cifra rivela il sostegno che Ryad ha fornito a Daesh e agli altri gruppi terroristici in Siria, inviando denaro, armi, uomini, supporto logistico.
Nel 2014 — rileva lo Stockholm International Peace Research Institute — solo Stati Uniti, Cina e Russia avevano speso di più dell'Arabia Saudita nella difesa.
Cambio di linea? Niente affatto, il ministro degli esteri saudita, Adel al-Jubeir, incontra a Ryad il suo omologo turco, Mevlüt Cavusoglu, per la creazione di un consiglio di cooperazione strategica bilaterale in ambito militare, politico ed economico, cioè per continuare come prima: http://it.sputniknews.com/mondo/20151230/1811384/Arabia-saudita-guerra-in-yemen.html#ixzz3vrgYRbPf
CIA 666 NAWO ] grazie per avermi aggiornato alcune ore fa, windows10 CIRCA, 31/12/2015. IL TUO NUOVO AGGIORNAMENTO DI WINDOWS10, perché In "gestione attività", io ho notato due vocy di telemetria windows, e poi come, tu hai intuito, che, io ne avrei parlato le hai fatte sparire entrambe. tu prendi il controllo della posizione geografica, e della videocamera del PC, in questo modo? CHI TI DA IL PERMESSO DI PRENDERE il CONTROLLO DELLA TELEMETRIA?
==========================
YOUTUBE ] come è questa storia che: 1. in questo mio canale il commento più recente risale a tre mesi fa, e proprio sulla tua pagina di: https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion tu mi hai fatto trovare questo commento di due mesi fa? [ politicalUniusREI 2 mesi fa le lodi di Dio è sulla loro bocca, MENTRe la spada a due tagli è nelle loro mani, per compiere la vendetta tra i popoli e per punire le genti per stringere in catene i loro capi, e i loro nobili in ceppi di ferro! QUESTO è IL GIUDIZIO GIà SCRITTO PER TUTTI I SUOI FEDELI! AMEN ALLELUIA]
e, 2. NON è LA PRIMA VOLTA CHE, TU TI PERDI LA MEMORIA DELLE MIE STESSE AMICIZIE! come è possibile che sulla mia pagina non avevo dato la amicizia al mio stesso canale di [ drinkYpoisonJHWHwins 3 mesi fa OK, SE AVETE FATTO Snowden premiato dall'accademia norvegese? ADESSO PUNITE OBAMA! CHIUDETE SUBITO TUTTE LE BASI USA IN EUROPA! La cerimonia si è svolta a Molde e la "talpa" del Datagate vi ha partecipato in collegamento video dalla Russia. Gb: accogliere 15.000 siriani e bombardare l'Isis. Secondo il Sunday Times, Cameron l'ingenuo, vuole anche un'offensiva militare e d'intelligence contro i trafficanti di esseri umani. ] ma ISIS SHARIA NON ESISTE è UNA UTOPIA, e tu non puoi bombardare una utopia! per fermare questa infestazione demoniaca, di complotto contro il genere umano, è necessario bombardare: USA, Turchia e Arabia Saudita!
politicalUniusREI
NATO TU SEI IL DEMONIO! TUTTO UN SOLO COMPLOTTO USA CIA TURCHIA ARABIA SAUDITA [ The Free Syrian Army (Arabic: الجيش السوري الحر , al-Jaysh as-Sūrī al-Ḥurr, FSA) is a group of defected Syrian Armed Forces officers and soldiers, No-comment Prigioniero Isis: "Sono stato reclutato e addestrato in Turchia" in un campo millitare del "free syrian army" https://youtu.be/1F7pwo1B2uc PandoraTV Pubblicato il 30 dic 2015. Abdurrahman Abdulhadi, militante ISIS siriano, è stato imprigionato dalle Kurdish People's Protection Units (YPG) l'1 novembre 2015 nel villaggio di Heresta, nei pressi di Al-Hasakah, in Siria. L'intervista è stata condotta da un giornalista. accreditata da Sputnik in un prigione nel Rojava, in cui Abdurrahman Abdulhadi è attualmente detenuto. Video diffuso da Ruptly.
politicalUniusREI
Ambasciatore Siria all'ONU svela piani di Erdogan per far rinascere Impero Ottomano, [se USA sono sotto il controllo dei sacerdoti di satana, poi, assassini maniaci religiosi, mostri infernali islamici ipocriti come demoni farisei, poi, tutto questo si chiama IRAN TURCHIA e LEGA ARABA MECCA CAABA! sharia geocidio a tutti ] [ 12:24 30.12.2015(Il presidente turco sogna "di far rivivere l'eredità coloniale dell'Impero Ottomano." In molti modi Ankara interferisce negli affari interni della Siria e favorisce l'ingresso dei terroristi nel Paese, ritiene il rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite. Damasco ha chiesto alla comunità internazionale di porre fine alle "violazioni e crimini" commessi dalle autorità turche nei confronti della Siria e dei rifugiati siriani, così come ha parlato dei piani del presidente turco Erdogan per far rinascere l'Impero Ottomano. Il rappresentante permanente della Siria presso le Nazioni Unite Bashar Jaafari ha detto che i gruppi armati che a partire dal 2011 conducono "una guerra terroristica senza precedenti" contro la Siria sono appoggiati dagli Stati della regione e di altre parti, in particolare dal regime di Erdogan." La lettera indirizzata al segretario generale delle Nazioni Unite e al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è stata diffusa all'interno dell'ONU martedì.
"Durante la crisi, l'ingerenza turca negli affari interni della Siria ha preso una varietà di forme, tra cui il coinvolgimento diretto del regime di Erdogan e delle forze armate turche in operazioni militari offensive a sostegno dei terroristi," — si legge nella missiva di Jaafari.
Ha inoltre affermato che la Turchia ha contribuito alla penetrazione dei terroristi in Siria assicurando "fuoco di copertura durante il passaggio dei terroristi in Siria lungo il confine."
"Per quanto riguarda il caccia russo abbattuto dalle forze armate turche, abbattuto nello spazio aereo siriano dopo aver bombardato le posizioni del Daesh (ISIS), non servono ulteriori chiarimenti in proposito perché il fatto stesso parla da sé," — è scritto nel testo.
Il rappresentante diplomatico della Siria ha inoltre sottolineato che Ankara sta commettendo crimini contro i profughi siriani in Turchia, "in fuga dal terrore e dalla tirannia di organizzazioni terroristiche come il Daesh," Al-Nusra ","Esercito di Conquista" e "Fronte Islamico", che il governo della Turchia copre nel suo territorio."
Secondo Jaafari, la tratta di esseri umani in cui sono impegnati i terroristi avviene "con il placet e la partecipazione diretta di organizzazioni controllate dal regime di Erdogan".
Jaafari ha osservato che qualche anno fa Erdogan aveva "sollevato la questione della tutela dei popoli di origine turca, nonostante il fatto siano cittadini di Stati sovrani": è la prova che indica come Erdogan voglia "far rivivere l'eredità coloniale dell'Impero Ottomano."
La Siria ha esortato la comunità internazionale a "prendere una posizione forte per porre fine a queste violazioni e crimini" di Ankara.
In Siria dal marzo 2011 è in corso un conflitto armato in cui, secondo le Nazioni Unite, sono rimaste uccise più di 220mila persone. Le truppe governative si oppongono a diversi gruppi armati islamici radicali, tra cui i terroristi del Daesh e del "Fronte Al-Nusra": http://it.sputniknews.com/mondo/20151230/1807271/Jaafari-Turchia-Daesh-AlNusra-terrorismo-Medioriente-profughi-Assad.html#ixzz3voEcmnx0
politicalUniusREI
GRANDE FRATELLO, NON è SOLTANTO, RETRO INGEGNERIA ALIENA, E NON SOLO, LA CIA COLLABORA CON GLI ALIENI ed USAre LA INGEGNERIA ALIENA PER LE TELECOMUNICAZIONI NEuRONALI! E QUESTO è UN FATTO CHE IO HO DIMOSTRATO SU DI ME! lui il GRANDE FRATELLO, lui sa sempre dove sei ] A.I. BIOLOGIA SINTETICA, ENTITà SIMBIOTICO COLLETTIVA ALIENA. LUI SA SEMPRE COSA HAI DECISO DI FARE! lui sa sempre cosa tu stai facendo, EPPURE, LA CIA PERMETTE CHE I DELITTI SI COMPIANO: ugualmente! PARIGI, 30 DIC - Il ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, ha confermato la notizia dell'uccisione dell'estremista islamico francese Charaffe Al Mouadan (nome di battaglia 'Souleyman'), legato agli attentati di Parigi, annunciata ieri in un briefing della coalizione anti-Isis. "Sì, posso confermarlo", ha detto Le Drian, interpellato durante un incontro con un gruppo di militari a Parigi, aggiungendo di non avere "altri commenti" sulla vicenda.
politicalUniusREI
LA TURCHIA, COME TUTTI GLI ISLAMICI FANNO DI TUTTO, PER AUMENTARE LE CONDIZIONI SFAVOREVOLI, E PER POTERLI AMMAZZARE! PERCHé POI, DICONO ALL'EUROPA, IN FONDO IN FNDO ANCHE VOI SIETE ASSASSINI COME NOI! ED IN QUESTO MODO FANNO LA INVASIONE ISLAMICA, BOMBA DEMOGRAFICA, CHE PRETENDERà LA SHARIA ANCHE DA NOI E POI, NOI MORIREMO, E SUBIREMO IL GENOCIDIO CHE LA LEGA ARABA HA FATTO SUBIRE A TUTTI I POPOLI PRECEDENTI! Turchia, traffico di uomini: traversate a prezzi stracciati con il mare grosso. 30.12.2015
=========================
BISOGNA RIMUOVERE A SOGGETTI, SPA, PRIVATI, AZIONISTI, DI IMPOSSESSARSI DELLA SOVRANITà MONETARIA DI UN PAESE, PERCHé è IN QUESTO MODO, CHE LA DEMOCRAZIA DIVIENE UN DELITTO DI ALTO TRADIMENTO! Referendum in Svizzera contro la rendita frazionata. 18:23 30.12.2015. Il referendum mira a impedire che le banche private creino credito, cioè debito in quantità superiore a quello che hanno in cassa. Un referendum per consentire alla sola Banca centrale di emettere moneta: è quello che accadrà in Svizzera, entro sei mesi, dopo la raccolta di oltre 110mila firme. Attualmente il 90% del denaro è moneta elettronica che le banche private creano quando aprono linee di credito. Il referendum mira a impedire che le banche private creino credito, cioè debito in quantità superiore a quello che hanno in cassa. Le banche private, attraverso i prestiti, di fatto concorrono alla creazione di moneta poiché sono tenute a mantenere un rapporto solamente frazionario fra i propri depositi e i crediti che erogano.Tale rapporto in Europa è del 2%. Il risultato è che gran parte della moneta, quella elettronica, non è emessa direttamente dalla banca centrale, bensì dal sistema bancario privato attraverso il fenomeno del moltipliplicatore monetario. Fautore del referendum è il Movimento svizzero per la moneta sovrana, che intende togliere il potere di speculazione da parte delle banche private imponendo un rapporto di riserva pari al 100%. Precludere alle banche private questa possibilità, secondo i promotori, impedirebbe il presentarsi di bolle conseguenti a flussi abnormi di credito. L'Islanda ha già preso una tale decisione. Negli anni Trenta alcuni economisti, tra cui Irving Fisher, erano dello stesso avviso: http://it.sputniknews.com/economia/20151230/1811616/svizzera-contro-rendita-frazionata.html#ixzz3vpC60Blu
COSA è LA SHARIA? ECCOLA! Il sultano del piccolo Stato del Borneo mette al bando i festeggiamenti per il Natale. Cinque anni di carcere a chi festeggia il Natale in Brunei. E' questa la decisione del sultano del piccolo Stato del Borneo per il 25 dicembre, giorno in cui non si potranno "indossare simboli come croci, accendere candele, addobbare alberi di Natale, cantare inni religiosi, montare decorazioni". La nuova legge, era stata annunciata un anno fa al momento della reintroduzione della Sharia, la legge coranica, da parte del sultano Hassanal Bolkian. Il ministro degli affari religiosi del Paese ha spiegato che la scelta di vietare i festeggiamenti del Natale è dettata dalla necessità di "preservare il credo della comunità musulmana", adducendo come motivazione la prevalenza della fede musulmana sulle altre nel piccolo Stato, diffusa nel 65% della popolazione: http://it.sputniknews.com/mondo/20151222/1770325/brunei-divieto-natale.html#ixzz3vpDRXHHi
2016: nuovi rischi finanziari globali, La Federal Reserve, come previsto, ha chiuso il 2015 con un aumento del tasso di interesse dello 0,25%. Evidentemente si intenderebbe dare il messaggio di fine della crisi negli Stati Uniti: http://it.sputniknews.com/mondo/20151222/1770325/brunei-divieto-natale.html#ixzz3vpDtd24x
Trentatrè motivi per lasciare la Turchia fuori dall'Europa
Ogni Paese candidato a diventare membro dell'Unione Europea ha dovuto rispettare determinate condizioni per essere ammesso e in tutto sono trentatré i "capitoli" che vanno approfonditi e negoziati tra i Governi e i rappresentanti della Commissione: http://it.sputniknews.com/mondo/20151222/1770325/brunei-divieto-natale.html#ixzz3vpE2flZl
politicalUniusREI
TUTTE LE PROVE DELLA RUSSIA, DI COME USA E NATO SONO I COMPLICI DEL CALIFFATO ISIS SAUDITA ] [ Secondo il portavoce del Cremlino, le informazioni che la Russia possiede sul presunto acquisto da parte di Ankara di petrolio dal Daesh potranno contribuire al contrasto del terrore: http://it.sputniknews.com/mondo/20151201/1642061/turchia-daesh-petrolio-commercio-terrorismo.html#ixzz3vpEfyvUP
30.12.2015. Negli ultimi 2 giorni gli aerei dell'Aviazione russa hanno effettuato 121 missioni di combattimento in Siria, colpendo 424 obiettivi dei terroristi, ha riferito il generale Igor Konashenkov, rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo.
"Negli ultimi 2 giorni 28 velivoli dell'Aviazione russa di stanza in Siria hanno completato 121 missioni ed hanno colpito 424 infrastrutture terroristiche tra le province di Aleppo, Idlib, Latakia, Hama, Homs, Damasco, Dar, Raqqa e Deir ez-Zor," — ha riferito Konashenkov.
A seguito dei raid aerei sono state distrutte 6 infrastrutture petrolifere del Daesh (ISIS) e una colonna di autocisterne cariche di petrolio dirette verso il confine con la Turchia.
"Nei bombardamenti sono state distrutte 20 autocisterne, sfruttate dal Daesh per contrabbandare il petrolio verso la Turchia, così come 2 jeep con mitragliatori Zu-23", — ha aggiunto Konashenkov: http://it.sputniknews.com/mondo/20151230/1808829/Russia-Raid-Daesh-Terrorismo.html#ixzz3vpFWBlwB
politicalUniusREI
Questar Entertainment: 1. AVRESTI POTUTO CHIEDERMI DI RIMUOVERE IL VIDEO TUO, INVECE DI FARMI PRENDERE LA PENALITà, CIOè, INVECE DI DENUNCIARMI! 2. TUTTE LE VOLTE CHE TI HO SCRITTO? NON MI HAI MAI RISPOSTO! 3. SARà DIO IL GIUDICE NEL NOSTRO CONTENZIOSO: INFATTI TU FAI IL MALE AI SITI CHE PROTEGGONO I MARTIRI CRISTIANI! 4. CHE C'è, FORSE NON TI PIACEVA IL COMMENTO CHE STAVA SOTTO IL VIDEO? PER ESSERE TU IL VIGLIACCO CHE SI NASCONDE DIETRO AL COMPUTER!
Descrizione sistema bancario truffa, massoni, voi siete demoni! Banca di Italia Spa, ladri, voi avete rubato il futuro! C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. La Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. La Croce santa sia la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Non sia il demonio il mio condottiero. BURN! V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Numquam Suade Mihi Vana. Non mi attirare alle vanità. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Sono cattive le tue bevande. I.V. B. Ipse Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! io sono rivestito di Cristo, quindi, tu non mi convinceri di peccato, perché, il mio debito è stato pagato! VATTENE SATANA NEL NOME DI GESù! BURN SATAN, DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF, AMEN IN JESUS'S NAME, ALLELUIA, BURN SATAN SCHIT U SANG DA NGAN, AMEN AMIN, ALLELUJAH Obama, il tuo dialogo con Netanyahu? è definitivamente perso, come tu lo hai perso ANCHE, con Putin! Quindi sarai tu a perdere il dialogo, anche, con tutte le nazioni del mondo... perché, io ho detto che, tu sei un satanista! INFATTI ESSERE TUO AMICO, SIGNIFICA FINIRE SUBITO, SOTTO I CINGOLI DELLA GUERRA MONDIALE.. NOI SAPPIAMO TUTTI CHE, I ROTHSCHILD SPA, HANNO CONDANNATO ISRAELE E TUTTO IL MEDIO ORIENTE ALLA DISTRUZIONE! JHWH HALLELUJAH c'è qualcuno, proprio il sacerdote di satana Ihatenewlayout, dipendente youtube CIA, che cancella questa frase: "hallelujah burn satan, scit u sang da ngan, drink your poison made by yourself, in Jesus's name, amen alleluia" da sotto i commenti dei miei video non soltanto io ho accettato tutte le corrispondenze di terze parti, ma, io ho anche incollato sotto ogni video questa frase: "burn satan, scit u sang da ngan, drink your poison made by yourself, in Jesus's name, amen alleluia" ma, c'è qualcuno, che è proprio il sacerdote di satana Ihatenewlayout, dipendente youtube CIA, che cancella e rimuove, questa frase: "hallelujah burn satan, scit u sang da ngan, drink your poison made by yourself, in Jesus's name, amen alleluia" da sotto i commenti dei miei video, e non contento di questo crimine lui mi riattiva, molte delle "Note sul copyright", che io avevo in precedenza accettato... è chiaro in questo modo lui blocca i miei video sui motori di ricerca!
politicalUniusREI
Questar Entertainment: DIO RIMUOVERà TE DAL LIBRO DELLA VITA SEPOLCRO IMBIANCATO! CHE C'è SEI UN CRISTIANO MASSONE ANCHE TU? Email dell'autore del reclamo: breynolds@questarentertainment.com Opera presumibilmente violata Web "Exodus Revealed" Exodus Revealed part 4.
io sono quì, per coordinare le forze terrestri del Regno di Dio, contro le forze sovrumane, soprannaturali di Farisei SpA NWO Salafiti Massoni, del Regno di SATANA! io quindi, io sono quì, PERCHé IO SONO L'ESERCITO DEL SIGNORE JHWH, e sono quì, per confortare e incoraggiare tutti i figli di ISRAELE! MI DISPIACE CHE LA LEGA ARABA, essa, si SIA VOLUTA donare a SATANA USA, per dire: anche il nostro Dio Allah è il demonio, mentre le Chiese cristiane fingono di non vedere e di non sapere: che anche questo è tradimento, ma, non vera complicità, ma, tuttavia, LE LORO FORZE PREPONDERANTI E LA LORO SUPERIORE TECNOLOGIA aliena? NON POSSONO PREVALERE CONTRO DI ME!
    20:15 L’Arabia Saudita fa i conti delle sue guerre
    19:28 La Moldavia verso un nuovo esecutivo
    18:23 Referendum in Svizzera contro la rendita frazionata
    17:32 Turchia, traffico di uomini: traversate a prezzi stracciati con il mare grosso
    16:45 Apple pagherà 318 milioni di euro al Fisco italiano
Putin: rapporti tra Russia e USA sono fattore chiave per la sicurezza internazionale
Il presidente russo Vladimir Putin ha porto gli auguri di Natale e Capodanno al presidente Barack Obama, sottolineando che i rapporti tra Mosca e Washington sono un fattore chiave per assicurare la sicurezza internazionale, ha riferito oggi l'ufficio stampa del Cremlino.

Combattenti del Daesh. "Razzismo" occidentale e Stato Islamico sono gemelli siamesi
Lo Stato Islamico è una conseguenza. Il motivo della sua comparsa è stato il monopolio americano sul mondo, cresciuto dopo la fine dell'URSS e continuato per gli ultimi 25 anni.

Jeroen Dijsselbloem, capo del eurogruppo di ministri di Finanze e il ministro di Finanze greco Yanis Varoufakis
2016: nuovi rischi finanziari globali
La Federal Reserve, come previsto, ha chiuso il 2015 con un aumento del tasso di interesse dello 0,25%. Evidentemente si intenderebbe dare il messaggio di fine della crisi negli Stati Uniti.
La politica russa “Pivot to Asia” rende marginale l'area europea attanagliata da una grave crisi economica a vantaggio del più dinamico estremo oriente
Il “Pivot to Asia” della Russia
Appare sempre più chiaro che la risposta della Russia alle sanzioni occidentali si sta rivelando non come una strategia di contenimento del danno ma come un`occasione di sviluppo delle regioni del profondo est della Russia e del partenariato con le nazioni asiatiche.
Angela Merkel - Recep Tayyip Erdoğan. Trentatrè motivi per lasciare la Turchia fuori dall'Europa
Ogni Paese candidato a diventare membro dell'Unione Europea ha dovuto rispettare determinate condizioni per essere ammesso e in tutto sono trentatré i "capitoli" che vanno approfonditi e negoziati tra i Governi e i rappresentanti della Commissione.
Nel frattempo nel Donbass la guerra continua
Esistono conflitti di serie A e di serie B, vittime di cui vale la pena parlare, morti di cui la stampa tace. Non sarà di certo la scoperta del secolo o una novità, ma una triste regola che si riconferma. Perché alcune guerre vengono dimenticate?
======================================
Get Involved. Show your support for Israel. http://int.icej.org/about/get-involved
The ICEJ stands at the forefront of a growing mainstream movement of Christians worldwide who share a love and concern for Israel and an understanding of the biblical significance of the modern in-gathering of the Jews to the land of their forefathers.
Join us as we endeavor to support Israel, teach truth and promote justice.
Ways to get involved:
Support Israel. Support Israel Financially
Support the extensive ongoing work and witness of the ICEJ by helping us fund our core activities in fulfilling our mandate to support Israel, educate the Church and promote justice. Donations allow us to maintain funding for emergency projects, and embark on new initiatives to support Israel in these critical days.
Pray for Israel
The ICEJ was literally birthed in prayer in the late 70s by a group of Christians from some six countries who met regularly to pray for Israel. We have always appreciated the importance of prayer and intercession and continue to encourage and organize prayer for Israel all around the world.
Free Magazine. Stay Informed with Our Free Magazine
Sign up to receive your copy of our free flagship monthly magazine Word from Jerusalem... Your window into a deeper understanding of Israel, the Bible and the ICEJ's extensive worldwide ministry.   
Leave a Lasting Legacy for Israel
Many of us wish we could give more to support Israel, but there are things we can do beyond simply writing a cheque that allow us to give more both now and in the future. With proper planning it is possible to save on taxes, provide for loved ones and also bless Israel in far greater measure than most of us ever imagined
ICEJ Events. Host an ICEJ Event at Your Church
The ICEJ is committed to telling the truth about Israel, and helping the church to understand the wonderful faithfulness of God through the fulfillment of His promises to the Jewish people. Contact us to host an ICEJ event at your church.
Volunteer at the ICEJ
The International Christian Embassy in Jerusalem is always on the lookout for committed believers who are interested in volunteering in Israel.
==============================
MA IO SONO IL REGNO DI ISRAELE ] [  Cari Amici, La restaurazione del moderno Israele è un messaggio globale di speranza per ogni nazione del pianeta, perchè afferma la fedeltà di Dio al patto sia con la Chiesa che con Israele. E' anche un forte promemoria ad attendere il prossimo ritorno del nostro Re. Ringraziamo fin d'ora tutti quelli che ci sosterranno in preghiera e finanziariamente. Scorrendo questo sito, prendete in coinsiderazione su come potreste compartecipare accanto a noi in questa grande opera di Dio.
Dio vi benedica da Sion! Dr. Jürgen Büler Direttore esecutivo ICEJ
===========================
 IL MANDATO. "Confortate, confortate il Mio popolo” - la citazione è presa in parte da Isaia 40:1-2. Era il "mandato dal cielo", dato all’ Ambasciata Cristiana Internazionale di Gerusalemme tre decenni fa. Comprende anche un'esortazione che sembra essere una contraddizione, almeno se viene applicata al contesto moderno di oggi. Questa esortazione dice: “Parlate al cuore di Gerusalemme e proclamatele che il tempo della sua schiavitù è compiuto…” (Isaia 40:2). Da oltre trent'anni la ICEJ ha intrapreso un viaggio nel dare conforto a Israele. Questo viaggio ha coinvolto azioni e compassione ed ogni città, paese e villaggio è stato influenzato, in qualche modo, dal nostro ministero di amore che ha aiutato i poveri, guarito i malati, ospitato il solitario, incoraggiato i bambini e curato gli anziani.
La nostra celebrazione della festa dei Tabernacoli ha toccato più di centomila cristiani con la prospettiva biblica di riconoscere la mano di Dio nella restaurazione moderna di Israele e la necessità di lavorare con ciò che Dio sta facendo per benedirLo. Come ho scritto prima, siamo grati a Dio per la sua fedeltà. Non abbiamo fatto il nostro lavoro perfettamente, ma lo abbiamo fatto sinceramente. Quel “giorno” presso il trono del giudizio Cristo determinerà il suo valore reale! Anche di questo siamo consapevoli e tutti dovremmo esserlo!
In qual modo poi comprenderemo il comando di dire a Israele che il suo stato di guerra è finito? Chiaramente non lo è ancora! Credo che dobbiamo capire questo nei seguenti modi:
Una chiamata profetica
Il restauro moderno dello stato ebraico è stato caratterizzato da guerre e conflitti. Tuttavia, il Dio che ha portato il Suo popolo a tornare dalle nazioni  lo ha fatto con la benedizione e la redenzione in mente. È l'incoraggiamento di e l'aspettativa di un glorioso futuro che porta perseveranza, speranza e conforto a Israele.
Le scritture prevedono un tempo di gioia impareggiabile e pace alla presenza di Israele. Le notevoli profezie messianiche di Isaia nei capitoli 2, 11 e 60 lo rivelano. "Lo stato di guerra di Israele" sta infatti quasi per finire e quando lo farà, tutta la terra sarà stupita. Soprattutto, Dio solo otterrà la gloria perché Lui  risolverà un problema che è stato troppo grande da affrontare per il mondo . Nemmeno la chiesa è stata in grado di risolverlo! Infatti gran parte della Chiesa oggi non vede alcun significato biblico nella restaurazione di Israele. Credono che sia solo un incidente politico orchestrato dalle Nazioni Unite.
Una dichiarazione teologica
Cioè, gran parte delle sofferenze di Israele sono state legate alla sua chiamata. Esso, per scelta di Dio, diventa il veicolo della redenzione del mondo. La benedizione redentrice di Dio è venuta su tutte le famiglie della terra attraverso Israele.
Questo veicolo è stato costantemente sfidato dal potere delle tenebre. Per esse l'equazione è stata semplice; distruggere Israele e distruggere efficacemente lo scopo di Dio per il mondo. Fortunatamente Isaia dichiara che questo "giorno" della guerra sta arrivando alla fine. Quel "giorno" tutto il mondo saprà che Israele è esistito per la sua benedizione e non per la sua maledizione.
Una riposta pietosa
Il profeta Isaia dice: “Pronunciate parole di conforto a Gerusalemme”. Un’altra traduzione dice: “Parlate dolcemente a Gerusalemme”. Parole di conforto o tenerezza non sono necessarie ad un popolo in pace, gioia, vittoria e benedizione. No, è un popolo in perpetui traumi e conflitti che ha bisogno di conforto e tenerezza. Purtroppo la storia della Chiesa è stata tutt’altro che questo! Le parole sono state dure, amare e insultanti. Per fortuna abbiamo sentito all’Ambasciata Cristiana Internazionale di Gerusalemme un'esortazione dal cielo venti-cinque anni fa che ci ha chiamato a parlare di conforto a Gerusalemme". Mentre Israele procede costantemente, ma sicuramente verso il suo destino dato da Dio, siamo determinati a "percorrere la strada" con lei. Essa sarà guidata dalle parole di Isaia 40 e i principi di cui sopra che escono da esse. Siamo sempre consapevoli che il nostro viaggio non è stata la nostra storia. Infatti migliaia di cristiani di tutto il mondo hanno fatto loro viaggio e pure la storia . Noi vi salutiamo per unirvi a noi e vi ringrazio per sostenerci con la preghiera e il sostegno. Dr. Juergen Buehler
Direttore Esecutivo International Christian Embassy Jerusalem
================================
TUTTO IL MALE CHE GLI USA STANNO FACENDO AL MONDO. ISLAM è INTRINSECAMENTE VIOLENTO E NEGA IL DIRITTO ALLA RECIPROCITà, QUINDI LA SHARIA DEVE ESSERE CONDANATA A LIVELLO MONDIALE. perché è obbligo di ogni saudita turco e islamici TUTTI, di sterminare, soprattutto ebrei e, in conseguenza di sottomettere in schiavitù i cristiani, perché sono tutti idolatri, i non islamici! Ma per i salafiti tutti i popoli del modo sono idolatri, anche i musulmani laici son idolatri. Sahih International
The Jews say, "Ezra is the son of Allah "; and the Christians say, "The Messiah is the son of Allah ." That is their statement from their mouths; they imitate the saying of those who disbelieved [before them]. May Allah destroy them; how are they deluded?
Italian
Dicono i giudei: «Esdra è figlio di Allah»; e i nazareni dicono: «Il Messia è figlio di Allah». Questo è ciò che esce dalle loro bocche. Ripetono le parole di quanti già prima di loro furono miscredenti. Li annienti Allah. Quanto sono fuorviati!
Sahih International
O you who have believed, do not take the Jews and the Christians as allies. They are [in fact] allies of one another. And whoever is an ally to them among you - then indeed, he is [one] of them. Indeed, Allah guides not the wrongdoing people.
Italian
O voi che credete, non sceglietevi per alleati i giudei e i nazareni, sono alleati gli uni degli altri. E chi li sceglie come alleati è uno di loro. In verità Allah non guida un popolo di ingiusti.
=============================
Perché i jihadisti decapitano i loro nemici? Perché Maometto ha dato l'esempio! I MARTIRI DI OTRANTO SONO STATI DECAPITATI, perché, hanno riufiutato di convertirsi all'istante, E DURANTE LA LORO STORIA, PER VIOLAZIONE DI LIBERTà DI COSCIENZA E DI LIBERTà DI RELIGIONE GLI ISLAMICI HANNO SEMPRE DECAPITATO LE PERSONE! QUINDI ONU HA AMMESSO LA PRATICA LEGALE NAZISTA DELLA LEGA RABA, E HA INTRODOTTO NEL SUO CONSESSO TUTTe LE NAZIONI ISLAMICHE, VIOLANDO I DIRITTI FONDAMENTALI! Quindi gli islamici ritengono reato di morte, quello che il diritto internazionale approva. James Foley è stato decapitato dall'Is. Oggi quattro presunte "spie del Mossad" sono state decapitate da estremisti del Sinai. Pochi giorni fa la decapitazione di un cristiano in Kenya per mano di Al Shabaab. L'anno scorso il soldato Lee Rigby è stato decapitato a Londra da fanatici islamici. Nel 2004 il regista Theo Van Gogh venne ritualmente sgozzato in pieno centro di Amsterdam per "un film blasfemo". Stessa fine per il giornalista americano Daniel Pearl. La domanda è: perché gli estremisti islamici decapitano i loro "nemici"? E c'è un legame tra Islam e decapitazioni sommarie, con tanto di efferati e cruenti video?
========================
Perché i jihadisti decapitano i loro nemici? Perché Maometto ha dato l'esempio. l'unico che ancora contempla la decapitazione nei suoi codici penali è effettivamente un paese islamico (più precisamente wahabita, una branca estremista del sunnismo) come l'Arabia Saudita (e fino al 2005 hanno fatto lo stesso altri stati musulmani come Yemen, Iran e Qatar). Il primo biografo di Maometto, Ibn Ishaq (704-767), ha scritto che nel 627 il Profeta, durante la Battaglia del Fossato, approvò la decapitazione di centinaia di ebrei della tribù dei Banu Qurayza alla periferia di Medina. FORSE CHE CI IMPRESSIONEREMO, soltanto, PERCHé, LA LEGA ARABA HA LA PENA DI MoRTE PER APOSTASIA E BLASFEMIA? E QUALI ABUSI AI DIrITTI UMANI FONDAMENTALI, si SOTTENDOnO a QUESTA STRUTTURA DELL'ISLAM SHARIA CRIMINALE?
=============================
Perché i jihadisti decapitano i loro nemici? Perché Maometto ha dato l'esempio. lui Maometto rappresenta l'apice di ogni atrocità, di ogni abuso delitti e peccati, nella Battaglia del fossato nel 627 d.C. Maometto attaccò l'ultima tribù ebraica rimasta a MEDINA, poi, decapitò tra 600 e 900 uomini, mentre le donne e i bambini furono fatti schiavi! soprattutto, nel Corano ci sono alcuni riferimenti che possono far pensare alla decapitazione del nemico. Alla sura 8, versetto 12 si legge: "E quando il tuo Signore ispirò agli angeli: 'Invero sono con voi: rafforzate coloro che credono. Getterò il terrore nei cuori dei miscredenti: colpiteli tra capo e collo, colpiteli su tutte le falangi!'". E poi, sura 47, verso 4: "Quando incontrate i miscredenti, colpiteli al collo finché non li abbiate soggiogati, poi legateli strettamente".
=========================
ECCO PERCHé DI FATTO è LA LEGA ARABA CHE HA PRESO LA DECISIONE POLITICA DI STERMINARE TUTTI I POPOLI DEL MONDO! forse, VOI credete che la più grande minaccia per la democrazia, i diritti umani, e la libertà di poter credere il Dio, di poter affermare la propria identità, sia rappresentata dalla minaccia dell'ISLAM? niente di tutto questo! Noi abbiamo sempre combattuto e sempre abbiamo fronteggiato questa minaccia islamica, e le sue dinamiche assassine e genocidarie le conosciamo molto bene dai libri di storia. MA, MAI ERANO GIUNTI, prima d'ora, AL POTERE mondiale, I FARISEI Bildenberg PD ex-comunisti, SATANISTi MASSONI delle BANCHE CENTRALI, la NATO, di cui la LEGA ARABA si è fatta, prontamente alleata, perché spera di vincere lo scontro mortale contro di loro con la Potenza di Allah, ma, loro non sanno però, degli alieni che collaborano con la CIA, e che non esiste più per nessuno, una speranza in questo pianeta! Questo è un potere demoniaco Darwin GENDER usura Banche CENTRALI, che non potrà essere spezzato senza una alleanza di tutti i popoli e di tutte le religioni! ECCO PERCHé DI FATTO è LA LEGA ARABA CHE HA PRESO LA DECISIONE POLITICA DI STERMINARE TUTTI I POPOLI DEL MONDO!
=====================================
PERCHé GLI ISLAMICI SONO GLI STORICI ALLEATI DEL NAZISMO, COME OGGI SONO GLI ALLEATI DEI SATANISTI mASSONI DELLA CIA regime Bildenberg NATO? PERCHé, ambito naturale di ISLAM SHARIA è IL REGNO DI SATANA! Per noi un nemico mortale ] Amin al-Husseini saluta a braccio teso le SS bosniache musulmane [ Era questa, in breve, la posizione degli Arabi di Palestina quando l’Assemblea Generale della Nazioni Unite, con la risoluzione del 29 Novembre 1947, aveva stabilito la costituzione di due Stati indipendenti, uno Ebraico e uno Arabo, in Palestina. Se gli Arabi avessero accettato e dato seguito alla decisione, si sarebbero assicurati il controllo sovrano su metà del paese, sarebbero potuti rimanere tutti nelle loro case e  avrebbero ottenuto i maggiori benefici materiali derivanti dall’Unione Economica proposta dallo Stato di Israele. Tutto questo non accadde. Non appena venne annunciata la decisione dell’Assemblea Generale, gli Arabi la rifiutarono e presero le armi contro i loro vicini Ebrei. Il Supremo Comitato Arabo guidò la campagna con il supporto attivo e passivo della maggior parte della popolazione Araba. I membri del Comitato residenti al Cairo e a Damasco si presero in carico il finanziamento, i rifornimenti e l’equipaggiamento, nonché le relazioni con la Lega Araba e diversi Stati Arabi. Quelli che rimasero a Gerusalemme assunsero la direzione tattica e strategica delle operazioni, la distribuzione dell’equipaggiamento e dei fondi ricevuti dai paesi Arabi, lo spiegamento delle forze e l’esecuzione delle direttive ricevute dal Cairo e da Damasco. I comandanti supremi in sul campo erano: Abd al-Kader al-Husseini nel distretto di Gerusalemme e Hassan Salama della regione di Jaffa-Ramle. Al nord, dove non c’erano leader locali, il comando fu preso dal siriano Fawzi al-Qawuqji, che si mise alla testa del cosiddetto “Esercito di Liberazione” costituito da volontari provenienti da Palestina, Siria e Libano. http://zweilawyer.com/2014/07/17/gli-arabi-israele-un-documento-del-1952-i/
World Watch List 2016, picco dei cristiani uccisi. Notizia inserita il 23/12/2015 alle 20:49 nella categoria: Chiesa Perseguitata. VERONA - Sarà l'impressionante aumento dei cristiani uccisi a causa della loro fede e delle chiese attaccate per lo stesso motivo a segnare la World Watch List 2016, la classifica dei cinquanta Paesi del mondo dove la persecuzione dei cristiani è più intensa. L'uscita della nuova WWList è prevista in contemporanea in tutto il mondo il prossimo 13 gennaio, anticipa un comunicato di Porte Aperte, l'organizzazione internazionale evangelica a sostegno della chiesa perseguitata.
Il periodo esaminato dalla WWList 2016 prenderà in considerazione, come di consueto, i dodici mesi precedenti, da novembre 2014 a tutto ottobre 2015. Dalla mattina del 13 gennaio saranno disponibili nel sito di Porte Aperte l'elenco, il commento e anche gli aggiornamenti di tutti i profili dei Paesi compresi nella WWList.
Prodotta ogni anno dal 1993 sulla base di un minuzioso lavoro di ricerca condotto sul campo nei Paesi dove i cristiani sono perseguitati e confrontata con altre fonti attendibili esistenti, la WWList è certificata da un organo internazionale indipendente, l'International Institute for Religious Freedom, che l'ha riconosciuta come uno «strumento affidabile e credibile» per "l'accurata metodologia", "la trasparenza delle scelte" e "la preparazione degli esperti" coinvolti. «Proprio per la sua autorevolezza - spiega Porte Aperte - il rapporto viene usato da anni e in misura sempre maggiore da organizzazioni non governative, Stati ed enti nazionali e internazionali come punto di partenza per ricerche e analisi». [gp]
(nella foto: un particolare della World Watch List 2015): http://www.evangelici.net/notizie/1450900171.html#sthash.i4C3p1PG.dpuf
AL di la, della ipocrisia e dissimulazione, quì c'è una religione demoniaca ISLAM ummah sharia, che pensa che è giusto vivere lei, continuando a fare il genocidio di tutti gli altri! PERCHé LORO NON SANNO FARE ALTRO! SARANNO GLI ISLAMICI A PORTARE SATANA DELLA CIA E DEI FARISEI A DOMINARE SUL MONDO! non ha nessuna importanza che gli alieni, e i loro sacerdoti di satana della CIA, ENTITà, il GRANDE FRATELLO SPA BANCHE CENTRALI, loro pensano che io sono una specie di super sayan, NON è VERO! IO SONO SOLTANTO UN UOMO NORMALE E VOI SIETE TUTTI FOTTUTI!

Abd Allah, kinG Saudi Arabia -- quale demonio dio, può dare a te, la certezza del paradiso, se, tu sei un nazista, che, non ha la libertà di religione, per fare del male, a persone innocenti, fare del male ai veri ministri di Dio, che, sono mandati da te, da Dio? questo è evidente a tutti, tu sei il demonio, che, tu speri di avere ogni bene, da una guerra mondiale, per essere il complice dei satanisti americani!

Indian priest kidnapped in Afghanistan. Published: June 04, 2014 by Anto Akkara
Suspect arrested; motive unknown. The school in Sohadat, about 30 kilmoetres from Herat city, Afghanistan, that the Jesuit Refugee Service had helped to build. Rev. Alexis Prem Kumar was visiting the school when he was abducted June 2.The school in Sohadat, about 30 kilmoetres from Herat city, Afghanistan, that the Jesuit Refugee Service had helped to build. Rev. Alexis Prem Kumar was visiting the school when he was abducted June 2. Jesuit Refugee Service
An Indian Catholic priest has been kidnapped in Afghanistan, and no information about his location or condition is available. There are reports, however, that authorities have arrested a suspect. Rev. Alexis Prem Kumar, 47, was abducted by gunmen June 2 at a school built and run by the Jesuit Refugee Service at Sohadat village in Afghanistan’s western Herat province, according to the Jesuit Refugee Service. Kumar has been director of the service since 2012.
Rev. Alexis Prem Kumar in an undated photo.Rev. Alexis Prem Kumar in an undated photo.
“On Monday afternoon its country director, Alexis Prem Kumar SJ, was abducted by a group of unidentified men in western Afghanistan,” read a press statement issued June 3 by a Jesuit Refugee Service spokesman.  The title “SJ” stands for Society of Jesus, a Catholic order whose members are more commonly known as Jesuits.
A suspect has been arrested in connection with the kidnapping, according to independent but government-licensed Khaama Press news service, which cited the provincial security chief, Gen. Samiullah Qatra. He said the suspect, whose name was not provided, is being held for questioning, according to Khaama Press.
"We are deeply shocked by Prem's abduction,” said the Jesuit Refugee Service international director, Rev. Peter Balleis. “We are in contact with all the relevant authorities and doing everything possible to ensure his safe and speedy return. Meanwhile, our prayers are with Prem and his family and friends at this difficult time."
”Kidnappings of foreigners are common throughout the country. We only know that he was kidnapped by armed men. They could be Taliban factions or common criminals.”
-- Bishop Giuseppe Moretti, Catholic Superior of Afghanistan
Rev. Stan Fernandes, South Asia regional director for the Refugee Service, in a June 3 press release provided details of the kidnapping:
“Kumar was abducted by a group of unidentified men as he was about to leave Sohadat village after visiting the school that had been set up by the JRS for returnee children, primarily from Iran. The group of unidentified kidnappers surrounded the school campus about 12:45 p.m., fired shots in the air, caught hold of Kumar, and drove off with him in a car. No group has yet claimed responsibility for the abduction,” the press release said.
Syed Akbaruddin, a spokesman for India’s Foreign Ministry, confirmed the abduction. "An Indian national working with an NGO in Herat province of Afghanistan has been kidnapped. Our Mission is pursuing the matter with local authorities," Akbaruddin said.
The Catholic Bishops’ Conference of India issued a brief statement June 4 seeking the “urgent intervention” of newly elected Indian Prime Minister Narendra Modi.
Kumar, originally form India’s southern state of Tamil Nadu, was director of the Jesuit Refugee Service in India from 2005 to May 2011. He took an assignment with the service in Afghanistan in July 2011, and has been head of its Afghanistan operations since 2012.
Since 2008, the Service in Afghanistan has been accompanying returnees home from exile in Iran and Pakistan, and providing education and healthcare services in Bamiyan, Kabul and Herat provinces. It served more than 6,000 people in 2013, according to the Jesuit Refugee Service press release. According to reports, India is engaged in several development projects in Afghanistan, from roadbuilding to construction of the Afghan Parliament building in Kabul. At the same time, Indian targets in Afghanistan have come under repeated attacks. On May 23, four men carrying rocket-propelled grenades were killed in an attack on the Indian Consulate in Herat, which was partially damaged. In August 2013, an assault on the Indian Consulate in the eastern city of Jalalabad killed at least nine people, and in in 2008, suicide bombers attacked the Indian embassy in Kabul, killing about 50 people and injuring dozens.
There have been several other deadly attacks on Indian civilians engaged in road construction work. Rev. Edward Muduvassery, Jesuit Provincial for South Asia, said it’s unknown whether Monday’s kidnapping of Kumar is connected to the pattern of anti-Indian violence. “We have no clue so far regarding the kidnappers or their motive,” Muduvassery said. The Jesuit Refugee Service, he said, has been working in Afghanistan, mostly in education, for nine years. Four Jesuits are posted there.
“Kidnappings of foreigners are common throughout the country,” said Bishop Giuseppe Moretti, the Catholic Superior of Afghanistan, to the Vatican’s missionary news agency Fides. “We only know that he was kidnapped by armed men. They could be Taliban factions or common criminals.”
While an ecumenical Indian Christian email group called ‘Synod’ has called for prayers for the safety of the kidnapped priest, top church officials have urged the government to take urgent steps to ensure his safety and release.
India’s national media initially played down the incident as the kidnapping of an Indian charity worker. After reports in Pakistan’s media alleged the kidnapped priest is an “Indian spy,” however, the Indian news media has turned up the volume of its coverage, with news channels describing it as a challenge to the Indian government.
Akbaruddin, India’s Foreign-Ministry spokesman, denied the spy allegation. He described the kidnapped priest as “an ordinary Indian eking out a living.”
Sashi Taroor, a former India federal minister and former UN undersecretary general, described Afghanistan ‘as a very difficult place’ given the series of attacks on Indian targets.

Homs priest killed by assassins. Published: April 07, 2014. Dutchman refused to leave tiny, beleaguered Christian enclave. Rev. Frans van der Lugt in an undated photo.
Courtesy of Aid to the Church in Need. Frans van der Lugt, a Jesuit priest who refused to leave the embattled city of Homs, Syria, in solidarity with the few Christians still living there, was killed by assassins Monday in his garden. Known among the people as Abouna Francis, the native Dutchman had worked in Syria for more than 40 years. He was 75. “Father Frans was apparently killed by targeted headshots. We have received a phone report from a Christian who was with him in the Old City,” reported Aid to the Church in Need, a Catholic agency, in an April 7 statement that cited another Jesuit in Syria, Rev. Ziad Hillal. Independent news accounts reported that van der Lugt was forcibly removed from his house and pulled into his garden, where he was shot twice through the head. The son of a banker, Van der Lugt arrived in the Middle East in 1966, first living in Lebanon and moving to Homs in the early 1970s. As is common in the Jesuit order, he was a teacher, with an emphasis in working with special-needs students. As the Syrian civil war approached Homs, the priest resolved to stay with the dwindling Christian community that remained. Tens of thousands of Christians across the country, targeted by rebels who consider them allies of the regime of President Bashar al-Assad, have fled their homes during the way, many to other locations in Syria, and others to neighboring Lebanon or Turkey. Video by Dutch public broadcaster Nederlandse Omroep Stichting, on the death of Rev. Frans van der Lugt
Once home to an estimated 60,000 Christians, fewer than 30 remain in the Old City sector of Homs, an ancient town that was a rebel stronghold in the early days of the three-year-old Syrian uprising. The government has regained control of much of the city, while rebels retain a hold on the Old City. During a February interview with Dutch radio, van der Lugt explained his reasons for staying in the besieged Old City sector.
“When I leave, nothing will be left of this building,” he said. “And I don’t want to leave alone the 28 Christians that have remained.” During the interview, the priest described the Old City as almost completely destroyed, and the people as constantly hungry. A recent food delivery by the UN, he said, “isn’t enough at all for the about 2,000 people left.” “They brought pans and cloths the people didn’t need. We need rice, food, that didn’t come in sufficiently. There is a huge lack of food. At our breakfast we eat olives and drink tea. In the afternoon we make soup with what grows between the stones on the street.” “In the evening,” he said, “we just see what we can get.” Even in his advanced age, van der Lugt got around the war-pocked city on his bicycle, tending to the elderly and disabled and trying, like everyone else, to obtain enough food for the day. It was a constant struggle. On Jan. 27, a short video was posted on You Tube in which van der Lugt, sitting before a darkened altar, speaks directly into the camera about the desperate situation in Homs. “One of our biggest problems is hunger,” he said. “There is nothing to eat.” Rev. Hillal, quoted by Aid to the Church in Need, called van der Lugt "a ray of joy and hope to all those trapped in the Old City of Homs, waiting for yet another UN permission to evacuate." "God have mercy on us, who could not save him from sniper fire."


News by: satanic criminal Country, all friends of Obama Gender, for kill ISRAEL ]
Afghanistan Algeria, Argentina Azerbaijan, Bangladesh Bhutan Bolivia, Brunei Darussalam, Burma Cameroon, Central African RepUblic, China Colombia, Cuba Eastern Europe And Eurasia, Egypt Eritrea, Ethiopia Guinea, Honduras India Indonesia International, Iran Iraq Israel Jordan, Kazakhstan, Kenya, Kenya (north-east), Laos Lebanon, Libya Malaysia, Maldives, Mali Mauritania, Mexico Middle East
Morocco Nepal, Niger Nigeria, Nigeria (north), North Korea, North-korea Other: Other Africa, Other Asia, Other Latin America, Other Middle East, Pakistan, Palestinian Territories, Peru, Philippines, Russian Federation, Saudi Arabia, Senegal, Somalia, South Korea, South Sudan, Sri Lanka, Sudan, Sudan (north) Sudan (south) Syria, Tajikistan, Tanzania, Tunisia, Turkey, Turkmenistan, Uganda, Ukraine, Uzbekistan, Vietnam, Yemen
 ordine esecutivo 11110 Unius REI


Homs priest killed by assassins. Published: April 07, 2014. Dutchman refused to leave tiny, beleaguered Christian enclave. Rev. Frans van der Lugt in an undated photo.
Courtesy of Aid to the Church in Need. Frans van der Lugt, a Jesuit priest who refused to leave the embattled city of Homs, Syria, in solidarity with the few Christians still living there, was killed by assassins Monday in his garden. Known among the people as Abouna Francis, the native Dutchman had worked in Syria for more than 40 years. He was 75. “Father Frans was apparently killed by targeted headshots. We have received a phone report from a Christian who was with him in the Old City,” reported Aid to the Church in Need, a Catholic agency, in an April 7 statement that cited another Jesuit in Syria, Rev. Ziad Hillal. Independent news accounts reported that van der Lugt was forcibly removed from his house and pulled into his garden, where he was shot twice through the head. The son of a banker, Van der Lugt arrived in the Middle East in 1966, first living in Lebanon and moving to Homs in the early 1970s. As is common in the Jesuit order, he was a teacher, with an emphasis in working with special-needs students. As the Syrian civil war approached Homs, the priest resolved to stay with the dwindling Christian community that remained. Tens of thousands of Christians across the country, targeted by rebels who consider them allies of the regime of President Bashar al-Assad, have fled their homes during the way, many to other locations in Syria, and others to neighboring Lebanon or Turkey. Video by Dutch public broadcaster Nederlandse Omroep Stichting, on the death of Rev. Frans van der Lugt
Once home to an estimated 60,000 Christians, fewer than 30 remain in the Old City sector of Homs, an ancient town that was a rebel stronghold in the early days of the three-year-old Syrian uprising. The government has regained control of much of the city, while rebels retain a hold on the Old City. During a February interview with Dutch radio, van der Lugt explained his reasons for staying in the besieged Old City sector.
“When I leave, nothing will be left of this building,” he said. “And I don’t want to leave alone the 28 Christians that have remained.” During the interview, the priest described the Old City as almost completely destroyed, and the people as constantly hungry. A recent food delivery by the UN, he said, “isn’t enough at all for the about 2,000 people left.” “They brought pans and cloths the people didn’t need. We need rice, food, that didn’t come in sufficiently. There is a huge lack of food. At our breakfast we eat olives and drink tea. In the afternoon we make soup with what grows between the stones on the street.” “In the evening,” he said, “we just see what we can get.” Even in his advanced age, van der Lugt got around the war-pocked city on his bicycle, tending to the elderly and disabled and trying, like everyone else, to obtain enough food for the day. It was a constant struggle. On Jan. 27, a short video was posted on You Tube in which van der Lugt, sitting before a darkened altar, speaks directly into the camera about the desperate situation in Homs. “One of our biggest problems is hunger,” he said. “There is nothing to eat.” Rev. Hillal, quoted by Aid to the Church in Need, called van der Lugt "a ray of joy and hope to all those trapped in the Old City of Homs, waiting for yet another UN permission to evacuate." "God have mercy on us, who could not save him from sniper fire."
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
54 minuti fa

Abd Allah, kinf Saudi Arabia -- quale demonio dio, può dare a te, la certezza del paradiso, se, tu sei un nazista, che, non ha la libertà di religione, per fare del male, a persone innocenti, fare del male ai veri ministri di Dio, che, sono mandati da te, da Dio? questo è evidente a tutti, tu sei il demonio, che, tu speri di avere ogni bene, da una guerra mondiale, per essere il complice dei satanisti americani!
 Obama cannibale Gender, mi dispiace che, io ti sto rovinando, tutte le bugie, che, tu avresti potuto scrivere: dopo la tua: terza guerra mondiale, imperialismo Rothschild! tu non le potrai aggiungere, alle bugie della teoria della evoluzione, insieme, a tutte le bugie, che, tu hai fatto scrivere, nei libri di storia, circa, gli ultimi 300 anni, perché Albert Pike, laVey, è tuo padre! tu hai eliminato, tutti i simboli cristiani, dai luoghi pubblici (che come in Italia sono un patrimonio della laicità e della identità) e tu hai mandato le streghe a fare il loro insegnamento nelle scuole! ecco perché, gli omicidi negli USA, sono diventati, seriali, come, una catena di montaggio! Voi non siete più, un paese civile, perché, voi avete rinnegato le radici ebraico-cristiane, voi siete gli adoratori di JaBullOn Baal, il tuo gufo al Bohemian Grove! fino a qual punto, così in profondità, è potuto entrare, in te, lo sperma di satana Rothschild 322 Bush? in che modo, voi del sistema massonico: Zapatero Troika Merkel, in che modo, voi avete potuto annientare: politicamente, tutti i cristiani in Occidente? non c'è un solo punto, dall'economico, al politico, dallo spirituale, all'ideale, che, io riesco a stare, in comunione con te! come tu sei diventato un satanista?
 ordine esecutivo 11110 Unius REI


Obama cannibale Gender, mi dispiace che, io ti sto rovinando, tutte le bugie, che, tu avresti potuto scrivere: dopo la tua: terza guerra mondiale, imperialismo Rothschild! tu non le potrai aggiungere, alle bugie della teoria della evoluzione, insieme, a tutte le bugie, che, tu hai fatto scrivere, nei libri di storia, circa, gli ultimi 300 anni, perché Albert Pike, laVey, è tuo padre!
 ordine esecutivo 11110 Unius REI
 Obama cannibale Gender, tu hai eliminato, tutti i simboli cristiani, dai luoghi pubblici (che come in Italia sono un patrimonio della laicità e della identità) e tu hai mandato le streghe a fare il loro insegnamento nelle scuole! ecco perché, gli omicidi negli USA, sono diventati, seriali, come, una catena di montaggio! Voi non siete più, un paese civile, perché, voi avete rinnegato le radici ebraico-cristiane, voi siete gli adoratori di JaBullOn Baal, il tuo gufo al Bohemian Grove!
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
1 ora fa

Obama cannibale Gender, fino a qual punto, così in profondità, è potuto entrare, in te, lo sperma di satana Rothschild 322 Bush?
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
1 ora fa

Obama cannibale Gender, in che modo, voi del sistema massonico: Zapatero Troika Merkel, in che modo, voi avete potuto annientare: politicamente, tutti i cristiani in Occidente?
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
1 ora fa (modificato)

OBAMA -- non c'è un solo punto, dall'economico, al politico, dallo spirituale, all'ideale, che, io riesco a stare in comunione con te! come tu sei diventato un satanista?] [ #Siria , L'esercito fa saltare in area tunnel d 25 metri scavato da terroristi in quartiere Jbeleh a #DeirEzzor neutralizzando decine di loro. 30 giugno
#Siria, Restanti residenti in città #Raqq festeggiano con i terroristi non-Syriani, la creazione del nuova Califfato Islamico dell'#ISIS.
http://youtu.be/NjQNkfn1dEc Siria, Restanti residenti a Raqq e i terroristi non-Siriani, festeggiano il Califfato Islamico
مركز الرقة الإعلامي تابعونا على https://www.facebook.com/r.m.c.alraqa تابعونا على twitter.com/rmcraqqa تابعونا على youtube.com/user/rmcalraqqa تابعونا على y #Iraq , Tv Officiale: Esercito iracheno neutralizza a Kirkuk, capo terroristi #ISIS , Il ceceno Abu Baker Al-Shishani. TG 24 Siria
30 giugno. #Siria , Unità dell'esercito ritrovino tre autobombe di cui due con targhe lebanesi, deposito di armi e strumenti medici e un ospedale da campo nella Valle di Aein Al-Hasin nelle pianure di Qalamoun sul confine siriano-libanese TG 24 Siria
30 giugno · Modificato
The Independent, Robert Fisk si fa beffe della doppiezza di Obama riguardo i terroristi in #Siria e in #Iraq : I combattenti in Siria non sono moderati e sono gli stessi terroristi in Iraq che gli Stati Uniti continuano a sostenere per anni in Siria. Ultim'ora, #ISIL annuncia la nascita dello Stato del Califfato Islamico, nominando, Abu Baker Al-Baghdadi primo califfo dell'Islam, dopo aver abolito il cosiddetto "Stato Islamico nell'Iraq e nel Levante". #Siria , Esercito prende di mira sede #ISIS più importante in località Ma'dan a #Raqqa elimina gran numero di loro distrugge deposito d'armi #Siria , Dopo Kassab operazione qualitativa dell'esercito riporta sicurezza e stabilità al monte strategico Zgharo, sobborgo nord #Lattakia . TG 24 Siria ha condiviso la foto di TG 24 Siria.
28 giugno. #Onu , Al-Jaafari: Rapporto Amos sulla situazione umanitaria in #Siria è scandaloso e fuori contesto
#Onu, Al-Jaafari: Rapporto Amos sulla situazione umanitaria in #Siria è scandaloso e fuori contesto
Il rappresentante permanente della Siria presso le nazioni unite Dr. Bashar al-Jaafari ha criticato la dichiarazione del sottosegretario generale per gli affari umanitari e il coordinatore dei soccorsi d'emergenza delle Nazioni Unite, Valerie Amos, descrivendola come "fuori contesto".
Al-Jaafari ha parlato nel corso della sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite un 'per discutere l'attuazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza no.2139 sulla consegna degli aiuti umanitari in Siria.
Al-Jaafari si è scagliato in particolare contro l'uso del termine "opposizione armata", nel report, per fare riferimento alle organizzazioni che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite aveva già designato come gruppi terroristici, descrivendolo come scandaloso.
Prima del discorso del Dr. al-Jaafari, il sottosegretario generale per gli affari umanitari aveva presentato una relazione in cui ha detto "gruppi di opposizione armata" hanno mirato, recentemente in modo crescente, l'infrastrutture e distrutto strutture di servizio di interesse pubblico in Siria oltre ad una seria di attacchi contro i civili.
Al-Jaafari ha detto che il rapporto è pieno di "errori e lacune pericolose in modo scandaloso".
Egli ha rimesso in discussione le reali intenzioni risiedono dietro l'uso di tale termine che, ha affermato, non era "uno slittamento involontario della lingua o della penna", come la portavoce ufficiale del Segretario generale delle Nazioni Unite ha utilizzato, nonostante "Le numerose lettere ufficiali che abbiamo indirizzate al Segretariato delle Nazioni Unite. "Al-Jaafari ha esortato Amos a "chiamare le cose con il proprio nome", mettendo in discussione i veri motivi per cui la sua relazione si fermava a corto di chiamare questi gruppi con i loro veri nomi. Il Rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite ha espresso sconcerto al "gonfiato ed esagerato" numero di bisognosi in Siria rispetto alle relazioni precedenti, dicendo che il loro numero è saltato improvvisamente, secondo il rapporto, a diventare 10,8 milioni, in aumento di un milioni e mezzo dalle relazioni precedenti.
Al-Jafari ha indicato che la Siria ha fatto sapere al coordinatore residente delle attività delle Nazioni Unite in Siria circa la sua insoddisfazione per il modo in cui alti funzionari delle Nazioni Unite hanno inventato figure "astronomiche, surreali e non verificati" per la situazione umanitaria in Siria che, solleva dubbi sulle intenzioni reali dietro di esso.
Al-Jaafari ha respinto anche nel rapporto il fatto di toccare la questione delle elezioni presidenziali in Siria. "Coloro che hanno preparato la relazione hanno superato il loro mandato umanitario parlando di voto presidenziale, che non ha nulla a che fare con la delibera n. 2139."
Il Rappresentante della Siria alle Nazioni Unite ha biasimato come un paradosso lampante il fallimento della relazione di includere delle informazioni verificate sulla presenza di combattenti non-siriani e le loro attività terroristiche in Siria nonostante le centinaia di lettere che il governo siriano ha inviato al Segretario Generale delle Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, per non parlare di molti rapporti occidentali e le dichiarazioni a questo riguardo.
Il rapporto, inoltre, ignora la causa principale dietro il peggioramento della situazione umanitaria in Siria, che è, al-Jaafari ha detto, la nascita e le crescenti attività terroristiche nel paese.
"I gruppi terroristici hanno preso di mira aree civili, sfollati e residenti, distrutto infrastrutture e danneggiato istituzioni di servizio statali", ha detto, citando la necessità di affrontare il terrorismo come causa principale della crisi umanitaria in alcuni punti caldi della Siria. Invece di mettere in discussione la presenza di terroristi stranieri e l’abilità del governo siriano ad affrontare delle difficoltà nel soddisfare i bisogni umanitari, al-Jaafari ha detto che la relazione avrebbe dovuto chiaramente nominare i paesi sostenitori del terrorismo, tra cui Israele, Qatar, Turchia e Arabia Saudita.
Il fatto che la relazione non è stata capace di menzionare che alcuni paesi avevano imposto misure unilaterali illegali contro il popolo siriano è ancora un altro paradosso che ha continuato esposta la doppiezza dei funzionari di qualche segretariato delle Nazioni Unite.
Al-Jaafari ha detto che alcuni paesi che fingono di preoccuparsi per il popolo siriano hanno scelto di pompare grandi quantità di denaro per finanziare e armare e facilitare l'ingresso di terroristi in Siria, ha detto, avrebbero dovuto essere spesi per finanziare il cash- 2014 "piano di risposta umanitaria concernente".
Egli ha evidenziato gli sforzi del governo siriano in quanto è responsabile per la maggior parte degli aiuti umanitari distribuiti in Siria, il 75 per cento del totale aiuti umanitari distribuiti finora. Rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite ha detto che il governo siriano ha facilitato l'accesso delle organizzazioni delle Nazioni Unite ad alcune zone difficili da raggiungere, vale a dire Aleppo, Idleb e la campagna di Damasco, un approccio che il governo siriano è impegnato a perseguire per alleviare la crisi umanitaria del popolo siriano.
Al-Jaafari ha accolto con favore il ruolo positivo delle Nazioni Unite nel fornire assistenza umanitaria in Siria. "Ma", ha aggiunto, "noi respingiamo decisamente di usare l'ONU per regolamenti di conti con alcuni stati."
Egli ha concluso sottolineando che il governo siriano è pienamente impegnato ai suoi doveri e responsabilità per alleviare il peso della crisi umanitaria del popolo siriano e non risparmierà alcun sforzo per tale scopo fino alla fine, a condizione che questi sforzi non violino le leggi e la sovranità della Siria.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

Baghdadi agli jihadisti, "conquisterete Roma e il mondo intero". 02 LUG 2014. (AGI) - Roma, 2 lug. - Abu Bakr al Baghdadi non si ferma alla Siria e all'Iraq ma punta a Roma: in un audiomessaggio, il 'califfo' dello Stato islamico sprona i musulmani, "se avrete fiducia, conquisterete Roma e il mondo intero, se Allah vuole". Baghdadi esorta i "soldati dello Stato islamico" a "prendere le armi" e "combattere", ricordando che "il modo migliore di versare il sangue e' sulla strada per liberare i musulmani imprigionati". "La comunita' islamica (ummah) guarda il vostro jihad con gli occhi della speranza, e voi avete fratelli ovunque nel mondo a cui sono inflitte ogni forma di tortura, il cui onore e' violato, il cui sangue e' versato". Nell'audio messaggio, al-Baghdadi ricorda che "i prigionieri gridano dal dolore, orfani e vedove si lamentano, le donne che hanno perso i loro bambini versano lacrime". "I luoghi sacri dell'Islam sono violati - aggiunge - i diritti dei musulmani sono usurpati con la forza, in Cina, India, Palestina, Somalia, Penisola arabica, Caucaso, Siria, Egitto, Iraq, Indonesia, Afghanistan, Filippine, Iran (da parte dello sciismo), Pakistan, Tunisia, Libia, Algeria e Marocco, nell'est e nell'ovest". Ed esorta: "cosi' innalzate le vostre ambizioni, o soldati, i vostri fratelli ovunque nel mondo stanno aspettando che voi li salviate".
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

TG 24 Siria Barack Obama finanzia il “terrorismo moderato” - Spondasud
spondasud.it  (Raimondo Schiavone) – Nell’era di Barack Obama nasce il “Terrorismo moderato”. Oramai mancava solo quest’ultima palese contraddizione per consentirci di dare un giudizio chiaro. 1 luglio. #Siria, Barack Obama finanzia il “terrorismo moderato” http://t.co/PI8x7qU5gq Raimondo Schiavone) – Nell’era di Barack Obama nasce il “Terrorismo moderato”. Oramai mancava solo quest’ultima palese contraddizione per consentirci di dare un giudizio chiaro e definitivo sul primo Presidente nero degli Stati Uniti d’America. L’idea di Obama di finanziare i ribelli moderati in fuga dalla Siria, posizionati al confine con il nuovo Califfato islamico dell’Iraq e del Levante governato dall’ISIL, è la cartina di tornasole dell’immensa contraddizione circa la reale volontà americana di combattere il terrorismo integralista islamico. Distinguere fra sanguinari più o meno moderati operanti in Medio Oriente è una tale aberrazione che fa riflettere sui metodi usati nel passato dagli Stati Uniti per combattere il terrorismo nei vari interventi militari che hanno caratterizzato l’ultimo ventennio. Si spiega in questo modo la politica americana altalenante in Afghanistan nei confronti dei Talebani e quella in Iraq tesa, nella prima fase, a foraggiare il dittatore Saddam Hussein e poi ad abbatterlo. Ma in questa logica si spiegano anche numerose azioni militari di alcune fazioni terroristiche nel Mali ed in Libia, dove gli americani hanno giocato con la vita di centina di migliaia di civili come se il dominio sul mondo si esercitasse davvero attraverso una fantomatica ma anche gigantesca partita di “risiko”, dove la spregiudicatezza è l’arma vincente. Unica distinzione fra Obama e i suoi predecessori è la capacità di dichiarare con estrema leggerezza le proprie “porcherie” riuscendo a giustificarle e sostenerle con il credito accumulato alla sua elezione, quando è riuscito ad abbindolare il mondo intero con la sua storia da principe azzurro e la sua maschera da Presidente democratico e nero. Un’eredità che gli consente appunto di poter chiedere al Senato americano, e di giustificare davanti all’opinione pubblica internazionale, una spesa straordinaria finalizzata ad armare dei terroristi con il palese disegno di lanciarli contro altri terroristi. Non curante dell’effetto che tutto ciò può provocare nell’area al confine fra Siria e Iraq già martoriata da una guerra che in questi ultimi tre anni ha fatto migliaia di morti. Dimenticando o facendo finta di farlo, che quei terroristi che i giorni scorsi hanno messo a ferro e fuoco il nord dell’Iraq trucidando civili e militari, sono stati armati ed addestrati in questi anni da forze occidentali attraverso i denari dei Principi del Golfo per combattere contro la Siria di Bashar Al Assad. Mentre Obama continua la sua terribile partita a “risiko” nello scacchiere mediorientale, quel manipolo di guerriglieri armati ed assetati di sangue continua la sua avanzata in Iraq, politicamente incoraggiati proprio da quel Paese che della battaglia al terrorismo islamico integralista aveva fatto una vera e propria “guerra santa” dopo quel fatidico 11 settembre. Se non fosse per l’interposizione delle milizie governative irachene, sostenute dai civili sciiti arrivati in soccorso dell’esercito e dell’aiuto offerto al Governo di Nuri al- Maliki dal Presidente russo Putin, i terroristi dell’ISIL oggi marcerebbero liberamente su Bagdad. Mentre i russi hanno inviato al Governo legittimo Iracheno aerei da combattimento Sukhoi per opporsi all’avanzata dei jihadisti sanguinari, il Presidente Obama ha inviato in Medio Oriente i suoi emissari e, in particolare il Segretario di Stato John Kerry, per delegittimare l’attuale Governo già debole del Presidente eletto in Iraq. Un atto sconsiderato in un momento nel quale la logica politica avrebbe suggerito un sostegno a quel Governo, solo pochi anni fa, lasciato solo a rigenerare un Paese distrutto dagli stessi americani dopo la débâcle della guerra al dittatore Saddam Hussein. Un comportamento, quello americano, teso esclusivamente a continuare a legittimare lo strapotere delle monarchie Sunnite del Golfo a discapito di un possibile dialogo con la Repubblica Islamica dell’Iran, mantenendo ed enfatizzando divisioni del passato, attuando con scientificità il detto romano “Divid et imperat”. La storia, quella vera, ci regalerà molte sorprese sulla vera maschera di Barack Obama, su cosa è veramente stato. Ma nel frattempo le orde jihadiste insanguinano la Mesopotamia come se si girasse un remake di un vecchio film che ricorda le invasioni ottomane del XIV e XV secolo. Raimondo Schiavone (1966). Giornalista. Laurea in giurisprudenza, è segretario generale del Centro Italo Arabo Assadakah. Vice presidente della Camera di Commercio Italo Araba. Esperto in progetti di cooperazione allo sviluppo e relazioni internazionali con i Paesi della Sponda Sud del Mediterraneo. E’ coautore di numerosi volumi, ha curato i saggi  Syria, quello che i media non dicono (Arkadia) e Middle East. Le politiche nel mediterraneo sullo sfondo della guerra in Siria (Arkadia).
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

TG 24 Siria. 1 luglio. Russia consegna all'UNSC progetto di risoluzione impedisce il commercio illegale di petrolio con terroristi in #Siria.
* Mosca, SANA - La Russia ha presentato una bozza di dichiarazione presidenziale al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in cui ha chiesto di impedire l'acquisto illegale del petrolio dai terroristi in Siria. Il progetto ha inoltre sottolineato che qualsiasi esportazione o importazione di greggio senza l'approvazione dello Stato sovrano viola la legge internazionale, esprimendo preoccupazioni per l'aumento del numero di giacimenti di petrolio caduti in mano ai gruppi terroristici in Siria, tra questi gruppi sono lo "Stato islamico in Iraq e Siria ( #ISIS)" e "Jabeht al-Nusra".
Il progetto di dichiarazione presidenziale rinuncia a qualsiasi coinvolgimento palese o dissimulato in queste attività, aggiungendo che il coinvolgimento in tali azioni è come fornire sostegno finanziario ai gruppi che sono stati classificati terroristi dal comitato speciale del Consiglio di sicurezza dell'ONU.
Il progetto richiede l'approvazione di tutti i 15 membri per diventare una dichiarazione presidenziale. In precedenza, il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vitaly Churkin ha detto che i ricavi del commercio di petrolio illegale di solito vanno ai gruppi terroristici nella regione.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

PARATA MERCENARI ISIS PRIMA DELLA CURA DEL SAAF. VIDEO DELLA PARATA DEI MERCENARI JIHADISTI DELL'ISIS-ISIL CON MISSILI E ARMI AMERICANE, BOMBARDATE IERI NEI DEPOSITI DEI TERRORISTI DALL'AVIAZIONE SIRIANA. l'abbiamo detto e ridetto chiaramente: "BOMBARDATE IERI NEI DEPOSITI DEI TERRORISTI" "contro i depositi delle armi americane appena arrivate a Raqqa". URGENTE. #Raqqa #SAAF. Una seconda ondata di attacchi della SAAF sta avvenendo prorpio in questo momento. Si parla di almeno 3 incursioni in diverse localita'
Non ci sono ulteriori dettagli. #Raqqa #ISIS #SAAF. 6 incursioni della SAAF contro i depositi delle armi americane appena arrivate a Raqqa e portati in parata ieri nella citta' occupata dall'ISIS. Le armi facevano parte del bottino del neo califfato in #Iraq
Gli attacchi sono avvenuti in successione rapidissima e da diverse direzioni contemporaneamente. Un bombardamento con 2 missili pesantissimi terra-terra hanno dato il via all'operazione. Sono stati centrati i centri C&C esplorati ieri con finte e sorvoli per preparare le contro misure elettroniche. Testimonianze parlano di operazioni spettacolari dove i Mig e i Sukhoi s'incrociavano come in uno show di pattuglia acrobatica. Enormi colonne di fumo dai depositi colpiti si vedono tutt'ora
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

TG 24 Siria [ TUTTE LE NOTIZIE SOFFOCATE DAI MEDIA OCCIDENTALI! ]
18 ore fa, CRISTIANI IRACHENI E SUNNITI PATRIOTI CURDI DIFENDONO EROICAMENTE IL VILLAGGIO DI BARTALA (Irak) Bartala (20 km. da Mosul, Irak), villaggio di 30.000 anime, interamente cristiano, pronto a difendersi sino alla morte.
In questo villaggio si é rifugiata anche la popolazione sfollata da Mosul, con parenti e famiglie, tutti costretti a fuggire a piedi, attraverso il deserto, per mancanza di auto (rubate o distrutte), o di carburante. La cittadina si è organizzata autonomamente per l'auto-difesa, grazie anche ad un reparto misto di cristiani locali e Peshmerga volontari Kurdi di religione sunnita, non fanatici e favorevoli a un Kurdistan indipendente.
Si tratta di circa 80-100 uomini armati, i quali hanno creato una milizia locale, con qualche Kalashnikov, alcuni lanciagranate e bazooka, ma con tanta buona volontá e un mare di coraggio, il coraggio dei giusti che difendono le proprie case, i propri luoghi di culto e tradizioni, la propria terra. Organizzati in squadre miste, uomini e donne, cristiani e musulmani, hanno creato posti di blocco agli ingressi della cittadina e altrettanti capisaldi nelle quattro chiese esistenti. Ovviamente di questa gente e di questi luoghi cristiani, minacciati da mercenari jihadisti con armi americane, ai media occidentali non interessa nulla: mica si tratta di giovani ebraici studenti di Talmud.. Ricordiamo che dal 2007 ci sono ben circa 2500 militari italiani appostati in Libano, a difesa dei confini Israeliani... come se la colonia sionista in Palestina non sapesse difendersi da sola... Basterebbe dislocare solo poche decine di pará per dare manforte e sostegno morale e tecnico alla popolazione cristiana irachena minacciata d'estinzione da parte dei cannibali di Obama... Giá... dimenticavamo... la colonia Italia corre solo dove il padrone in salsa kosher chiama, ed i suoi menestrelli pennivendoli spendono fiumi d'inchostro solo per vittime 'elette'. http://www.syrianfreepress.net/ http://syrianfreepress.wordpress.com/?p=34806
 ordine esecutivo 11110 Unius REI


1 luglio, Putin: pronti a difendere i nostri interessi, ma preferiamo il dialogo. Martedì il Presidente della Russia ha visitato il Ministero degli Esteri, in Piazza Smolenskaya a Mosca, per assistere alla tradizionale riunione degli ambasciatori e dei rappresentanti permanenti della Russia. Nel corso della riunione Putin ha parlato dei principali obiettivi della diplomazia russa. Questi obiettivi rimangono invariati: la Russia continua ad adoperarsi per il consolidamento della pace e il mantenimento della stabilità e della sicurezza su scala globale e regionale. Tuttavia, negli ultimi tempi, il perseguimento di questi scopi diventa sempre più difficile, ha rilevato Vladimir Putin. Sulla mappa del mondo sta crescendo il numero delle regioni dove la situazione è cronicamente instabile. Un deficit di sicurezza affligge l’Europa, il Vicino e Medio Oriente, l’Asia meridionale, la regione Asia-Pacifico, l’Africa. Si manifestano squilibri sistemici dell’economia, del sistema finanziario e del commercio internazionale. Continua il processo di erosione dei valori tradizionali, morali e spirituali. Difficilmente si può dubitare del fatto che il modello del mondo unipolare è fallito. I popoli e gli Stati, in maniera sempre più risoluta, dichiarano di voler decidere da soli la propria sorte, di voler salvaguardare la loro civiltà e la loro identità culturale, ma ciò va contro il tentativo di taluni Paesi di continuare a dominare la sfera militare, la politica, le finanze, l’economia e l’ideologia. La Russia si pronuncia a favore della supremazia del diritto con il ruolo guida dell’ONU. Il diritto internazionale deve essere obbligatorio per tutti e non deve essere applicato in maniera selettiva per l’imposizione degli interessi di alcuni Stati o gruppi di Stati privilegiati. La cosa più importante è che questo diritto deve essere interpretato in maniera univoca. “Non è possibile interpretarlo oggi in un modo e domani in un altro per compiacere le congiunture politiche del momento”, - ha dichiarato Vladmir Putin. Secondo il Presidente, la situazione in Ucraina è una conseguenza di questa politica irresponsabile.
Dobbiamo renderci conto con chiarezza che gli eventi in Ucraina, provocati dall’esterno, sono un’espressione concentrata della famigerata politica di contenimento che affonda le sue radici nel passato lontano. Questa politica, purtroppo, non è stata terminata neanche dopo la fine della guerra fredda. In Ucraina era sorto un pericolo per i nostri connazionali, russi e di altre nazionalità, la loro lingua, storia, cultura e i loro legittimi diritti garantiti tra l’altro dalle convenzioni europee. Sto parlando delle persone che si identificano con il cosiddetto “mondo russo”. Visto il modo in cui si è sviluppata la situazione in Ucraina, che tipo di reazione si aspettavano da noi i nostri partner? Certo, non potevamo lasciare gli abitanti della Crimea e di Sebastopoli soli di fronte ai soprusi e l’aggressività dei nazionalisti radicali. Non potevamo permettere che venisse seriamente limitato il nostro accesso al mar Nero, che sulla terra di Crimea, a Sebastopoli, terra della gloria dei soldati e dei marinai russi, sbarcassero (e penso che sarebbe stato abbastanza presto) le truppe della NATO e che venisse modificato, in maniera radicale, il rapporto di forze nell’area del mar Nero. Cioè, in sostanza, permettere che venisse cancellato tutto quello per cui la Russia aveva lottato sin dai tempi di Pietro I (e forse anche dai tempi più lontani). Voglio che tutti capiscano che anche in futuro il nostro paese difenderà energicamente i diritti dei russi, nostri connazionali all’estero, usando per questo tutto l’arsenale dei mezzi a nostra disposizione, da quelli politici ed economici alle operazioni umanitarie e al diritto all’autodifesa che sono previsti dal diritto internazionale. Tengo a precisare: quanto accaduto in Ucraina è il culmine delle tendenze negative della politica internazionale. Queste tendenze si stavano moltiplicando da anni e noi avevamo avvertito tutti. Purtroppo, le nostre previsioni si stanno avverando.Dietro i discorsi sulla libertà di scelta e sul futuro europeo del Paese si nascondono i tentativi di trasformare l’Ucraina in un territorio controllato con tutte le relative conseguenze politiche, economiche e sociali. “Mi duole del fatto che milioni di persone semplici debbano pagare per questi giochi politici”,- ha sottolineato il leader russo. In questa situazione l’Europa deve provvedere a una “rete di salvataggio” per evitare il ripeteresi di tragedie simili a quelle ucraina, irachena, siriana o libanese. Il Presidente ha rilevato che persino nei paesi dell’Europa occidentale e orientale, dove la situazione è abbastanza buona, non mancano contrasti latenti di natura etnica e sociale. Secondo Putin, queste divergenze potrebbero dar luogo a conflitti, alla propagazione dell’estremismo ed essere strumentalizzate da giocatori esterni per far vacillare la situazione politica e sociale e operare un cambio di potere illegittimo e non democratico. Vladimir Putin ha esortato l’Occidente ad usare nell’arena internazionale nuove regole di gioco, più giuste e basate sulla parità. Il Presidente è convinto che il modello basato sul doppio standard non sia efficiente, neanche nei rapporti con la Russia. Mosca è pronta a lavorare in varie sedi internazionali, ma soltanto se si terrà conto dei suoi interessi: il ruolo di un osservatore esterno, ha rilevato Putin, non fa per Mosca. Negli ultimi vent’anni i nostri partner ci hanno parlato delle loro buone intenzioni, dicendo che erano pronti a sviluppare insieme la cooperazione strategica. Al tempo stesso, però, hanno allargato la NATO, hanno spostato lo spazio politico-militare da loro controllato sempre più vicino alle nostre frontiere. Quando noi, giustamente, chiedevamo se non era il caso di discutere dei problemi, ci dicevano: no, la cosa non vi riguarda. Coloro che continuano a parlare della loro esclusività non gradiscono la politica indipendente della Russia. L’hanno confermato gli eventi in Ucraina, come hanno confermato che il modello, pieno di doppi standard, dei rapporti con la Russia non funziona. Ciò nonostante, spero che alla fine possa vincere il pragmatismo. Occorre sbarazzarsi delle ambizioni, della voglia di costruire una caserma mondiale, di mettere tutti in riga, di imporre le proprie regole di vita e di comportamento della società. Bisogna finalmente iniziare a costruire i rapporti sulla base della parità, del rispetto reciproco e della reciprocità degli interessi. È ora di riconoscere il diritto reciproco ad essere diversi e il diritto di ogni Paese a costruire la propria vita secondo le proprie idee e non sulla base delle istruzioni dettate con insistenza da qualcuno. Lo sviluppo del mondo non può essere unificato, ha detto il Presidente russo, ma possiamo e dobbiamo cercare dei punti di convergenza, vedere nell’altro non solo un concorrente ma anche un partner, sviluppare la cooperazione tra i vari Stati e le loro associazioni e strutture integrative.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

2 luglio 2014, Esperti occidentali: la Russia deve tener duro. Per la Russia l’unica cosa giusta è continuare a sostenere con fermezza la propria posizione e far valere i suoi principi nei rapporti con l’Occidente, sul quale ricade la colpa dello spargimento di sangue in Ucraina. È così che si può riassumere i commenti fatti da analisti occidentali dopo il discorso pronunciato da Vladimir Putin durante la riunione degli ambasciatori e dei rappresentanti permanenti della Federazione Russa, convocata dal Ministero degli Esteri. Il tema centrale dell’intervento di Putin è stato determinato dalla situazione degli ultimi tempi. L’attenzione dei diplomatici è attirata oggi sull’Ucraina dove, come si è saputo, s’incrociano gli interessi della maggioranza delle potenze mondiali. Il Presidente ha rilevato che dietro i discorsi sulla libertà di scelta e sul futuro europeo si nascondono i tentativi di fare dell’Ucraina un territorio controllato, con tutte le conseguenze che ne derivano. Secondo Vladimir Putin, anche l’Europa, in questo gioco, non è un soggetto autonomo: c’è chi la sta usando per conseguire dei propri interessi. In questa situazione Mosca non deve pensare troppo a quello che dirà l’Occidente, crede l’osservatore politico serbo Miodrag Zarkovic.
Spesso noi dimentichiamo che in sostanza viviamo in tempi di guerra. Non sempre è una guerra armata. Talvolta viene condotta con mezzi economici, altre volte con mezzi politici, ma il più delle volte con tutti e due. A mio giudizio sarebbe un errore dare troppa importanza a quello che l’Occidente pensa della Russia. Quindi, sarebbe un errore anche corteggiare l’Europa Occidentale e gli USA e pensare che sia possibile fargli cambiare idea. Penso che l’unico modo per difendersi sia assumere una posizione ferma, di principio, e tener duro senza compromessi.
È del tutto ovvio che in Ucraina non esiste neanche una parvenza della lotta per i valori democratici, continua l’esperto. Gli ideali per i quali i manifestanti del Maidan avevano lottato durante l’inverno scorso sono spariti senza traccia, nessuno di essi è stato implementato. Nei confronti dell’Occidente, che ha fatto scatenare la guerra in Ucraina, ci vuole una linea dura. Rivolgendosi ai diplomatici il Presidente Putin ha osservato che né Kiev né Washington non vogliono che il mondo sappia la verità su quanto sta accadendo nel centro dell’Europa. Non si fermano di fronte a niente e hanno persino scatenato una vera caccia ai giornalisti russi e di altri Paesi. In genere, secondo Putin, la situazione in Ucraina è un’espressione concentrata dalla ben nota politica di “contenimento” della Russia. Con il leader russo concorda pienamente il direttore del Centro analitico britannico Bruges Group; Robert Oulds.
Far sapere la verità sull’Ucraina non conviene in primo luogo alla NATO. L’Occidente ha sponsorizzato il Maidan, ha promesso agli ucraini un’area di libero scambio, ma dell’integrazione con l’Europa non è stata detta neanche una parola I media occidentali, ovviamente, non ne parlano. È la stessa politica che è stata più volte testata in altri territori. All’America non piace la voce della Russia indipendente che si sente nel mondo, vuole isolare Mosca, metterla con le spalle al muro.
Intanto la tensione in Ucraina sta crescendo. Kiev ha ignorato la proposta della Russia di dislocare nei posti di blocco, in territorio russo, dei rappresentanti dell’Ucraina e dell’OSCE, sebbene questa proposta fosse stata appoggiata dai ministri degli Esteri di Germania e Francia. Anzi, il Presidente Poroshenko ha deciso di non prorogare il cessate il fuoco nel Sud-Est del Paese. Con questo, ha rilevato Putin, per la prima volta si è assunto la responsabilità non solo militare, ma anche politica. Questo scenario non è assolutamente nell’interesse dell’Europa, anche se l’Europa, come tutto dimostra, si rifiuta di riconoscerlo, fa osservare il politologo Peter Schulze dell’Università di Gottinga in Germania.L’operazione contro il Sud-Est dell’Ucraina, che Kiev sta svolgendo su ampia scala, non può essere nell’interesse di Germania, Francia o Polonia. I dirigenti della Russia si sono trovati in una situazione molto pericolosa. Spinta da Washington, l’UE sta presentando alla Russia un ultimatum: premere su ribelli, ma Mosca non può accettare questa condizione. A questo punto è logico chiedere: a chi giova, chi sta conducendo questo gioco?Le iniziative di Mosca sono state ignorate, l’armistizio non è stato prorogato... Sono tutte azioni dirette contro la Russia.
Mosca ne è perfettamente consapevole. Putin crede che l’Europa abbia bisogno di un nuovo sistema di sicurezza. Secondo il Presidente, in Europa è necessario escludere la minima possibilità di rivolte anticostituzionali e di ingerenza negli affari interni degli Stati sovrani. L’Europa ha bisogno di una “rete di salvataggio” per evitare che i precedenti di Iraq, Libia, Siria e Ucraina si trasformino in una malattia contagiosa.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

se, IL SISTEMA BANCARIO RUSSO, GARANTISSE, PER QUESTA MONETA VIRTUALE, ESSA AVREBBE UN ENORME SUCCESSO, PERCHé, LO SANNO TUTTI, CHE, DEL FMI SPA ROTHSCHILD ORMAI, NON CI SI PUò PIù FIDARE! ]
Danneggiata frontiera russa dopo bombardamento nel territorio ucraino. La frontiera russa "Novoshakhtinsk" è rimasta danneggiata a seguito di un bombardamento sul territorio dell'Ucraina, ha dichiarato Vasily Malayev, un rappresentante delle guardie di confine della Russia nella regione di Rostov. "A seguito di un attacco al valico di frontiera contiguo a quello russo "Novoshakhtinsk" sono esplosi alcuni razzi," - ha detto Malayev.
Ha aggiunto che sono stati subiti danni all'edificio della frontiera russa, mentre nessun doganiere è rimasto ferito.
L'ambasciatore dell'Italia in Russia prevede ritorno della Russia al G8. L'ambasciatore italiano in Russia, Cesare Maria Ragaglini non esclude la ripresa della partecipazione della Russia al G8. Secondo il diplomatico italiano, è fondamentale il contributo di Mosca nelle questioni più importanti di politica internazionale, come la Siria e l'Iran.
Allo stesso tempo ha riferito che la ripresa del G8 con la Russia è una decisione da prendere insieme con gli altri partner del G7.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_07_03/Lambasciatore-dellItalia-in-Russia-prevede-ritorno-della-Russia-al-G8-0593/
se,  IL SISTEMA BANCARIO RUSSO, GARANTISSE, PER QUESTA MONETA VIRTUALE, ESSA AVREBBE UN ENORME SUCCESSO, PERCHé, LO SANNO TUTTI, CHE, DEL FMI SPA ROTHSCHILD ORMAI, NON CI SI PUò PIù FIDARE!
La Banca Centrale russa studierà le valute virtuali. Le monete web potrebbero finire sotto il controllo legislativo in Russia. Lo ha dichiarato il vice presidente della Banca Centrale della Russia Georgy Luntovsky al Congresso bancario internazionale.
Secondo lui, la Banca Centrale ed il governo stanno studiando il fenomeno delle valute virtuali. Luntovsky ha ammesso che non possono essere vietate. "Forse sono il futuro," - crede. Tuttavia ha avvertito che "subito le novità vengono sfruttate dalla criminalità."
In precedenza la Banca Centrale aveva consigliato ai russi di non usare questo tipo di valuta, in particolare i Bitcoin.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505881571/9RIAN_02454505.HR.ru.jpg
Dall'inizio dell'operazione speciale nel Donbass 160 vittime tra i civili. Secondo i dati preliminari, 160 civili sono rimasti uccisi durante i raid in Ucraina orientale. Lo ha riferito il vice capo dell'amministrazione regionale di Donetsk Elena Petryaeva
Totalmente hanno perso la vita 279 persone, tra cui 262 uomini, 13 donne e 4 bambini. Risultano disperse 93 persone. I militari caduti sono 26. Secondo la Petryaeva, si tratta di vittime per cui è stata fatta l'autopsia dal medico legale.
Per quanto riguarda le perdite dei militari, della Guardia Nazionale, del ministero dell'Interno, della SBU (servizi segreti ucraini) e delle guardie di frontiera si occupano di tenere aggiornati i dati gli uomini delle forze di sicurezza.
Mercoledì scorso il comando delle forze di sicurezza di Kiev aveva riferito che dall'inizio dell'operazione speciale erano rimasti uccisi esattamente 200 uomini, mentre oltre 600 erano rimasti feriti.
Gli Stati Uniti introducono sanzioni contro deputato della Duma. Le autorità statunitensi hanno imposto sanzioni contro il deputato della Duma (camera bassa del Parlamento) Adam Delimkhanov. E' sospettato di avere legami con il gruppo criminale "Bratsky Krug" (“Circolo fraterno”). Questa organizzazione comprende dirigenti e alti membri di diversi gruppi criminali eurasiatici situati nei Paesi dell'ex Unione Sovietica, ma attivi in tutta Europa, Medio Oriente, Africa ed America Latina.
L'anno scorso per legami con il “Circolo fraterno” le autorità americane avevano imposto sanzioni al cantante russo Grigory Leps. A Washington erano convinti che il cantante per diversi anni fosse impegnato nel trasporto illegale di contanti per i capi della banda criminale.
USA, sondaggio rivela: Obama peggior presidente del dopoguerra. Gli americani credono che il presidente Barack Obama sia il peggior presidente dal dopoguerra. Questi risultati emergono da un sondaggio condotto dalla Quinnipiac University.
Il 33% degli intervistati ritiene che Obama sia il presidente americano più debole degli ultimi 70 anni. Al secondo posto con il 28% si trova il suo predecessore George W. Bush. Gli americani considerano il presidente più autorevole Ronald Reagan, che ha guidato gli Stati Uniti per 2 mandati dal 1981 al 1989.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 ore fa

Benjamin Netanyahu - everyone knows about my decision: 1. in Waiting, that, Sharia Ummah jihad terrorism UN OIC Caliphate, their whole galaxy jihadist, that, is all the ARAB LEAGUE, without, freedom of religion is abolished, all over the world! 2. And that, therefore, it is possible for two peoples, to share the same land! 3. All Palestinians may be deported to Syria, at the moment! 4. ARAB LEAGUE These criminals must understand, that innocent blood can not flow in vain, because of their terrorism Sharia! So, for every jew died, because, of terrorism, they must lose a part of their territory! 5. is Why, in these 66 years of terrorism, in reality, they have lost everything! 6. Palestinians no longer have any territory, they have lost everything! 7. But, it will never end Islamic terrorism in the world, until, CABA, and Dome of the Rock, will remain standing! Benjamin Netanyahu - tutti conoscono la mia deliberazione: 1. nella attesa, che, la Sharia jihad Ummah terrorismo ONU OCI Califfato, tutta la loro galassia JIHADISTA che, è tutta la LEGA ARABA, senza libertà di religione, venga abolita, in tutto il mondo! 2. e che, quindi, sia possibile, per due popoli condividere, la stessa terra! 3. tutti i palestinesi, possono essere deportati in Siria, momentaneamente! 4. Questi criminali LEGA ARABA, devono comprendere, che, non può scorrere sangue innocente, inutilmente, a causa del loro terrorismo sharia! Quindi, per ogni ebreo morto, per colpa del terrorismo, loro devono perdere una parte del loro territorio! 5. ecco perché, in questi 66 anni di terrorismo, in realtà, loro hanno perso tutto! 6. paestinesi non hanno più nessun territorio, loro hanno perso tutto!
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
3 ore fa

Technion Students Urge Expulsion of Student Who Supported Kidnap. Students at the Technion reject an 'apology' by an Arab student who praised the kidnap and murder of three Israeli teens. By Yosef Berger. 7/3/2014, Technion Computer Science building. Students at the Technion said Wednesday that they did not accept an “apology” by Murad Abu al-Hija, whose infamous Facebook post praising the murderers of Israeli teens Eyal Yifrah (19), Naftali Frenkel (16), and Gilad Sha'ar (16) got him in into hot water. Technion student Moshe Stern said that there had been “thousands of negative reactions to what al-Hija wrote, and many students have asked the administration to eject him from the school. We need to act against people like this who seek to harm us.". Al-Hija posted on his Facebook page a status praising the kidnappers and murderers of the Israeli teens, with the kidnappings resulting in “3 goals for Palestine without taking part in the World Cup.” He posted photos of the three murdered youths next to the status. Speaking to Arutz Sheva, Stern said that “especially for a medical student, as al-Hija is, you need a certain ethical code, with the motivation and desire to save lives. How could patients rely on a doctor like this who has so little regard for human life? I certainly would not want to undergo treatment by this person. We truly hope that he will be ejected from the Technion and that no other university in Israel will accept him.” In a new post, al-Hija tried to explain away his earlier activity. "The media reported that after the bodies of the three murdered boys were found, I posted my Facebook status which allegedly mocked the incident and uploaded a picture of the murdered boys," he said, according to Israel Hayom. "This is a crude and manipulative distortion, which caused a wave of criticism and threats towards me. This is the truth: I posted the status the day after the kidnapping, on June 13, and it did not include the pictures of the boys. It was a kind of black humor, a bad joke, so I deleted the status a few hours later on my own initiative,” said al-Hija. Danny Manger, head of the Technion Students' Union, said that he and all students “condemn the damaging posting of a student who expressed joy at the terror attack. We expect the Technion administration and all students to remove from its midst all expressions of support for terror, incitement, or racism. Our hearts are with the families of the murdered teens.”
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
3 ore fa

Binyamin -- Binyamin - you've got the wall, and that now it, must work! you can use all the Christians, who have escaped the Islamic slave traders, from the terror of the Egyptian desert! all those who are in the south, in your camps! tu hai il muro, e questo adesso deve funzionare! tu puoi usare tutti, i cristiani, che, sono sfuggiti ai trafficanti di schiavi islamici, provenienti dal terrore del deserto egiziano! tutti quelli, che, sono a sud, nei tuoi campi di raccolta! ] Binyamin Official: For Better or Worse, We Need Arab Workers. Construction in Judea and Samaria has come to a screaming halt as heads of the Binyamin Regional Council evaluate the security situation. By Yosef Berger
First Publish: 7/3/2014, Construction in Ariel, Samaria, Construction in Judea and Samaria is a victim of mass Arab rioting in Jerusalem. For security reasons, all Arab laborers have been banned for the time being from Jewish towns in Judea and Samaria. Arab laborers constitute a large portion of the building crews on many construction projects in the towns, so the order effectively suspends construction on many of the projects until further notice. Speaking to Arutz Sheva, Avigdor Shatz, head of the security department of the Binyamin Regional Council said that the situation was changeable, but for now, security issues indicated that this was the best move. “Our purpose is to reduce tension between Israelis and Palestinians, based on the recent security issues that have arisen. We will reevaluate this decision again Thursday afternoon,” he said. The Council considered the matter for many hours before deciding on the ban, and did not take the matter lightly. “This is damaging all around – to the economic development of towns, to the contractors, and to the Palestinian workers. But security has to be the prime concern," Shatz said. The issues, he said, did not just revolve around the murder of an Arab teen Wednesday, the impetus for mass Arab rioting in Jerusalem, but extended back to the beginning of the kidnapping-murder terror attack, in which Israeli teens Eyal Yifrah, Naftali Frenkel, and Gilad Sha'ar were killed. “Already at the beginning, some towns in the region banned Arab workers because of the emotions involved,” said Shatz. “In towns where the Arabs continued to work there were many complaints by residents on the presence of the workers.” During “normal times, however, the Council is not overly concerned about security issues. “Residents of our towns need to know that we check out all workers thoroughly before granting them a work permit,” Shatz said. “For better or worse, the Palestinians are thoroughly integrated in the construction economy that serves us. Our interest is to expand our towns, and these are the workers available – so we must strike the correct balance between those two needs. Everything is done in conjunction with the IDF, so security is a primary issue for us.” Regarding the current situation, he added, the Council was in “wait and see” mode, and hopes to be able to admit the workers in the coming days.
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
3 ore fa

someone mistakenly might think that this is a problem for the Israelis, and that, in any case, they have some blame in all this! [[ In fact, Jews are predisposed to live, in peace with all! but, this is the truth, they have had to fight to save their lives, everything, that Christian martyrs can not do in the world, because the Pharisees Rothschilds, and, the Salafis, have designed their genocide, into indifference, and complicity of the European Masons Merkel troika Bildenberg! In fact, all of them, are the antichrist!]] someone mistakenly might think that this is a problem for the Israelis, and that, in any case, they have some blame in all thi!? I have said not! THIS IS, THE DELIRIUM ISLAMIC: sharia caliphate imperialism UN OCI, Ummah, ARAB LEAGUE, they will prey AS ENEMIES, ALL MANKIND, WHY, THEY ONLY HAVE THE RIGHT TO KILL THE OTHER.
 SO, IF THE OTHER,  IS only, DEFENDING himself? MUST BE CUT OFF, killed. FROM THE UMMAH SHARIA (in deed, 400 Christian martyrs are exterminated, every day of the year and none of them is defended, or defend himself)! IN FACT, muslims nazi, DO NOT HAVE THE FREEDOM OF RELIGION! ]'' A moral chasm separating us from our enemies,'' said Israeli Prime Minister Benyamin Netanyahu in the funeral of the three boys killed in West Bank. '' They celebrate death, and our lives. They glorify cruelty ', we have, the mercy'.''That 's the basis of our strength,'' said the Israeli prime minister in meirto to the discovery of the bodies of three Jewish boys kidnapped June 12 in the West Bank. Today we held the funeral in Nof Ayalon, to Elad and Talmon, the places of origin of the three victims. Benjamin Netanyahu - I do not have a problem with the power! I have the power of rational logic, I represent only myself, HOWEVER, I can change the world, because, Rothschild has shaped the legal structures of the world to destroy it! so, EVERYONE SHOULD BE AWARE: "THE LEGAL STRUCTURES, OF THE WORLD, MUST BE CHANGED!" UN ... SHARIA OCI, HAS FINALLY DESTROYED, all HUMAN RIGHTS, so, in mode INTERNATIONALLY, there remained only the bullying of the U.S.! all peoples, are pushed into despair debt (public and private) as a result of the scam money: banking seigniorage, corporations Rothschild Bildenberg troika Merkel cannibal. ] AND, i NEED TO TALK, TO YOU!
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
3 ore fa

infatti, ebrei, sono predisposti a vivere in pace insieme a tutti! ma, questo è la verità, loro hanno dovuto combattere per salvare la loro vita, tutto quello che, martiri cristiani non possono fare in tutto il mondo perché farisei Rothscild e salafiti, hanno progettato il loro genocidio, nella indifferenza e complicità dei massoni bildenberg europei! infatti, tutti loro sono l'anticristo!
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
3 ore fa

''Un baratro morale ci separa dai nostri nemici'' ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu nei funerali dei tre ragazzi uccisi in Cisgiordania. ''Loro celebrano la morte, noi la vita. Loro inneggiano alla crudelta', noi alla pieta' ''. ''Questa e' la base della nostra forza'', ha affermato il premier israeliano in merito al ritrovamento, dei corpi di tre ragazzi ebrei rapiti il 12 giugno in Cisgiordania. Oggi, si svolgono i funerali a Nof Ayalon, ad Elad ed a Talmon, i luoghi di origine delle tre vittime.] [ Raid di Israele durante la notte. Colpiti 15 obiettivi di Hamas nelle Striscia. Portavoce, lanciati oltre 20 razzi; 10 feriti nella Striscia
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
3 ore fa (modificato)

qualcuno, erroneamente, potrebbe pensare, che, questo è un problema, per gli israeliani, e che, comunque, loro hanno delle colpe, in tutto questo! NO! QUESTO è IL DELIRIO ISLAMICO sharia califfato imperialismo ONU OCI, LEGA ARABA, loro PREDERANNO COME NEMICI, TUTTO IL GENERE UMANO, PERCHé, SOLTANTO LORO, HANNO IL DIRITTO DI UCCIDERE GLI ALTRI, QUINDI, SE, GLI ALTRI SI DIFENDONO? DEVONO ESSERE STERMINATI DALLA UMMAH SHARIA (400 martiri cristiani sono sterminati, ogni giorno dell'anno eppure nessuno di loro si difende)! INFATTI, LORO NON HANNO LA LIBERTà DI RELIGIONE! ]] Benjamin Netanyahu - I do not have a problem with the power! I have the power of rational logic, I represent only myself, HOWEVER, I can change the world, because, Rothschild has shaped the legal structures of the world to destroy it! so, EVERYONE SHOULD BE AWARE: "THE LEGAL STRUCTURES, OF THE WORLD, MUST BE CHANGED!" UN ... SHARIA OCI, HAS FINALLY DESTROYED, all HUMAN RIGHTS, so, in mode INTERNATIONALLY, there remained only the bullying of the U.S.! all peoples, are pushed into despair debt (public and private) as a result of the scam money: banking seigniorage, corporations Rothschild Bildenberg troika Merkel cannibal. ] AND, i NEED TO TALK, TO YOU! ] [ Islamic Jihad: 'Settlers' Are Legitimate Targets. Islamic Jihad says “settlers” are a “legitimate target” for “the resistance”, blames Israel for Arab teen's death. By Elad Benari. 7/3/2014, Islamic Jihad terrorists in Gaza. The Islamic Jihad terrorist group said on Wednesday that “settlers” were a “legitimate target” for “the resistance”, the Ma’an news agency reported. In a statement, Islamic Jihad held Israeli authorities and the army responsible for what it said were “continuous attacks on Palestinians, their lands and religious sites.” The statement condemned the “crime” of the murder of Mohammed Abu Khdeir, which the group blamed on Israel and said was “a continuation of a series of crimes by the Israeli army and settlers.” The burnt body of 16-year-old Abu Khdeir was found in the Jerusalem Forest area on Wednesday morning. While there is speculation that he was murdered by Jews as a possible act of revenge after the kidnapping murder of three Jewish teens, there are also reports that the abduction was carried out by Arabs and that the murder was an "honor killing" or another kind of criminal murder. Earlier on Wednesday, Hamas vowed that Israel "will pay" for the murder of the Arab teen. "We send our message to the Zionist entity and its leaders, which hold direct responsibility (for the murder), that our people will not let this crime pass, nor all the killings and destruction by your settlers," the Islamist movement said. "You will pay the price for these crimes." Earlier Wednesday, senior Palestinian Authority officials were also quick to blame Israel, including Palestinian Authority chief Mahmoud Abbas's official spokesman.
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

Miracle in Sderot: Rocket damage in Sderot. Rocket Hits Day Camp, No One Injured
Children evacuated as extensive damage caused to building housing kids' summer camp - but miraculously none were injured. By Yaakov Levi. First Publish: 7/3/2014, A Kassam rocket fired by Gaza Arab terrorists struck a building in Sderot Thursday morning. No one was injured, but a home suffered extensive damage. The home is being used this summer as the base for a summer day camp. Miraculously, the rocket did not explode, and all the damage was sustained from the impact of the rocket. Children were set to come to the building for their day in camp just a few minutes after the attack. It was the second building to be hit in Sderot since midnight. At least eight rockets fired by Gaza Arab terrorists hit areas within Israel. Two of the rockets fired Thursday morning were deflected by Iron Dome missiles. Overnight Wednesday, several other rockets hit Israel, with one causing damage to a building in Sderot. No one was injured in that attack, and electricity was cut off to several buildings in the area. The Red Alert warning system sounded several times during the early hours of Thursday morning. In response to the rocket attacks, IDF forces struck early Thursday in Gaza. Gaza sources reported several injuries in the IDF strike. The security cabinet met again Wednesday night to discuss the current security situation. The cabinet has yet to announce any decisions about the situation in Gaza or the fierce rioting in Jerusalem Wednesday in the wake of the discovery of the body of an Arab teen earlier Wednesday.
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

Benjamin Netanyahu - I do not have a problem with the power! I have the power of rational logic, I represent only myself, HOWEVER, I can change the world, because, Rothschild has shaped the legal structures of the world to destroy it! so, EVERYONE SHOULD BE AWARE: "THE LEGAL STRUCTURES, OF THE WORLD, MUST BE CHANGED!" UN ... SHARIA OCI, HAS FINALLY DESTROYED, all HUMAN RIGHTS, so, in mode INTERNATIONALLY, there remained only the bullying of the U.S.! all peoples, are pushed into despair debt (public and private) as a result of the scam money: banking seigniorage, corporations Rothschild Bildenberg troika Merkel cannibal. ] AND, i NEED TO TALK, TO YOU!
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

Benjamin Netanyahu -- io non ho un problema, con il potere! io ho il potere della logica razionale, io rappresento soltanto me stesso, TUTTAVIA, io posso cambiare il mondo, perché, Rothschild ha plasmato le strutture giuridiche del mondo per distruggerlo! QUINDI TUTTI DEVONO ESSERE CONSAPEVOLI: "LE STRUTTURE GIURIDICHE DEL MONDO DEVONO ESSERE CAMBIATE!" ... ONU SHARIA OCI, HA DEFINITIVAMENTE DISTRUTTO I DIRITTI UMANI, quindi, A LIVELLO INTERNAZIONALE, ci è rimasto soltanto, il bullismo degli USA! mente i popoli, sono spinti nella disperazione del debito (pubblico e privato) a motivo della truffa monetaria. ] ED IO AVREI BISOGNO DI PARLARE CON TE!
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505854709/2023-07-01T091527Z_2107468078_GM1EA711BU601_RTRMADP_3_SYRIA-CRISIS-IRAQ.JPG ] 2 luglio 2014, In Iraq i fondamentalisti sunniti annunciano di avere un missile balistico. Il gruppo radicale sunnita Stato I slamico dell'Iraq e del Levante (ISIL) ha annunciato di aver a sua disposizione un missile balistico. Lo riporta il canale tv Al Arabiya. I membri del movimento hanno diffuso su internet un video che mostra come per le strade della città di Rakka passi un camion con a bordo un missile, molto probabilmente un «R-17». I ribelli hanno anche postato le foto con cui dimostrano di aver sottratto all'esercito iracheno di Mosul 3 obici americani «M198».
Nelle ultime settimane i gruppi radicali sunniti sono riusciti a conquistare diverse città irachene, così come il territorio al confine con la Siria e la Giordania. Il 29 giugno ISIL ha annunciato la creazione di un califfato islamico nei territori occupati.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_07_02/In-Iraq-i-fondamentalisti-sunniti-annunciano-di-avere-un-missile-balistico-0380/
https://i1.ytimg.com/vi/xeiUx5hEBe8/mqdefault.jpg
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
12 ore fa

ovviamente, dietro ogni tragedia colossale, ci sono sempre, i satanisti americani ed i loro complici massoni europei! ] Kiev nega vittime tra i civili nella regione di Lugansk. Le notizie riguardanti le numerose vittime tra i civili a seguito degli attacchi delle forze ucraine non sono vere. Lo ha dichiarato il vice ministro della Difesa ucraino Mykhailo Koval. In precedenza i separatisti della Repubblica Popolare di Lugansk avevano riferito che a seguito degli attacchi aerei delle forze armate ucraine nei pressi dei paesi vicino Lugansk era stato registrato un gran numero di vittime civili. Secondo un rappresentante dei separatisti, solo in una delle vie del centro di Luganskaya sono rimasti uccisi circa 10 civili, tra cui un bambino.
http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505881695/9RIAN_02444052.LR.ru.jpg
Fine tregua, Medvedev sicuro: Poroshenko ha commesso un errore drammatico. Il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko ha fatto un errore drammatico, rompendo la tregua nel Paese. Questo errore porterà nuove vittime, su cui dovrà assumersi la propria responsabilità. Ha scritto queste parole il primo ministro russo Dmitry Medvedev sulla sua pagina Facebook. Ha inoltre richiamato l'attenzione sulle decine di migliaia di profughi fuggiti dall'Ucraina in Russia. "La propaganda americana sostiene che vanno “a riposare dalle nonne". E' un cinismo senza limiti, "- ha rilevato, Commentando i dati dell'ONU, che ha stimato il numero di rifugiati a 110mila, il Dipartimento di Stato americano aveva suggerito che non si trattava di profughi, ma di semplici turisti che non fuggono dalla guerra, ma vanno a fare visita in Russia alle "proprie nonne".
2 luglio 2014, Lavrov: la perdita di vite umane è il prezzo della fine della tregua in Ucraina.In 2 giorni abbiamo appreso che in Ucraina il prezzo della mancanza di una tregua si misura in vite umane. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov dopo una riunione a quattro con i ministri degli Esteri di Germania, Francia e Ucraina. Secondo lui, le parti non sono riuscite ad accordarsi su una dichiarazione comune per risolvere il conflitto nel sud-est dell'Ucraina. Lavrov ha detto che il cessate il fuoco non è fine a sé stesso, ma è necessario per evitare vittime civili.
A sua volta il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier ha detto che la prossima riunione del gruppo di contatto per risolvere la crisi nella parte orientale dell'Ucraina si svolgerà questa settimana, entro il 5 luglio. Ha elogiato la disponibilità della Russia a cooperare per garantire la stabilità nel confine russo-ucraino.

Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
12 ore fa

non è possibile, fare affari con i nazi islamici SHARIA, e poi dire: "cosa c'è di male?" PERCHé TU HAI FATTO DI TE STESSO, IL COMPLICE, DEL SANGUE INNOCENTE DI MARTIRI CRISTIANI, CHE LORO HANNO VERSATO! ] PUTIN TI RIMPROVERA LO SPIRITO SANTO, ECCO PERCHé, LA MALEDIZIONE DEL SANGUE INNOCENTE RIPOSA, anche, CONTRO, DI TE!  [ 2 luglio 2014, Mosca ritiene possibile un accordo sul nucleare iraniano entro il 20 luglio.   Mosca ritiene che preparare un nuovo accordo sul programma nucleare iraniano entro il 20 luglio sia del tutto fattibile. Lo ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Sergej Ryabkov al suo arrivo nella capitale austriaca. "E' dimostrato, tra l'altro, dallo spirito emerso nel gruppo dei 6 mediatori durante la riunione di coordinamento a Bruxelles," - ha rilevato Ryabkov. Un altro round di colloqui per risolvere la questione del nucleare iraniana tra Teheran e il “sestetto” di mediatori internazionali inizierà a Vienna e secondo le previsioni durerà fino al 20 luglio.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
12 ore fa

IL MALE, CHE, I FARISEI HANNO FATTO, CONTRO, ISRAELE, dall'uscita dell'Esodo di Egitto, ad oggi? NON PUò ESSERE QUANTIFICATO! HANNO PERSEGUITATO A MORTE I CRISTIANI, COSTRUENDO, ED ALIMENTANDO, QUESTO ODIO, TRA, EBREI E CRISTIANI, CHE, NON HA NESSUNA GIUSTIFICaZIONE TEOLOGICA, ECC..  hanno distrutto la società cristiana, facendola soffocare dalla società parassitaria massonica bildenberg! IN REALTà, LA LEGA ARABA è SOLTANTO, UN OGGETTO, UNO STRUMENTO, MA, LA MANO OMICIDA, è SEMPRE la mano DEI ROTHSCHILD! IO DEVO SCRIVERE LA PAROLA "FINE"  contro, QUESTA STORIA DI FARISEI NEL MONDO! a tutti voi spetta soltanto la decisione, se voi volete vivere o morire, perché, io per annientare i farisei? io non ho bisogno di nessuno! ]  Kadima Head Slams PM for 'Eroding Israel's Deterrence'. Shaul Mofaz, former IDF Chief of Staff and Defense Minister, says Netanyahu's policy led to abduction, rockets; 'no country would allow it.' By Ari Yashar. 7/2/2014, Kadima leader Shaul Mofaz on Wednesday blamed Prime Minister Binyamin Netanyahu for undermining Israel's deterrence of terrorism, in the wake of the funeral the day before of the three teens who were abducted and murdered by Hamas terrorists. Mofaz, a former Defense Minister and IDF Chief of Staff, stated "Netanyahu's policy in recent years has caused Israel's deterrence to be eroded. The fact that Shabak (Israel Security Agency) foiled 44 abduction attempts in the last year and a half is very alarming proof." "The abduction of the youths isn't just another attack. It's a serious signal as to the situation of Israel's deterrence. In these awful 18 days, dozens of rockets were fired on communities in the state of Israel. No country would allow that," added Mofaz. Indeed the uptick in rocket fire from Gaza since the three teens were kidnapped included a mortar salvo during the funeral on Tuesday. A total of 15 rockets were fired at Israel by Gaza terrorists overnight Sunday and on Monday morning; security sources on Monday announced that Hamas launched the attack, reportedly marking a first since the end of Operation Pillar of Defense in November 2012. While there has been a steady stream of rocket fire even since the Operation Pillar of Defense "ceasefire" that was brokered by Egypt, the Gaza-based Islamic Jihad terror group and terrorist factions other than Hamas have largely claimed the attacks. The wave of rockets comes after a particularly damaging attack Saturday night, in which a rocket directly hit a plastics factory in Sderot, burning it down completely and injuring three people lightly. Last month Mofaz commented on the statements by Arab MK Hanin Zoabi (Balad), in which she justified the kidnapping and said the kidnappers were "not terrorists." "Hanin Zoabi, we've had it up to here with you," Mofaz said. "I did not plan to pay any attention to your stupid statements but I find it hard to hold it in and I must correct you – that is terrorism and you are encouraging terrorism. You belong in jail." Kadima Testa Slam PM per 'deterrenza di Israele Eroding'. Shaul Mofaz, ex capo di stato maggiore dell'IDF e il ministro della Difesa, dice che la politica di Netanyahu ha portato alla sottrazione, razzi; 'nessun paese avrebbe permesso.' By Ari Yashar. 2014/07/02, Leader di Kadima Shaul Mofaz il Mercoledì accusato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per minare la deterrenza di Israele di terrorismo, sulla scia del funerale il giorno prima dei tre ragazzi che sono stati rapiti e uccisi dai terroristi di Hamas. Mofaz, ex ministro della Difesa e Forze di Difesa israeliane Capo di Stato Maggiore, ha dichiarato: "La politica di Netanyahu negli ultimi anni ha causato la deterrenza di Israele ad essere eroso. Il fatto che Shabak (Israel Security Agency) ha sventato 44 tentativi di rapimento nel corso dell'ultimo anno e mezzo è molto allarmante prova." "Il rapimento dei giovani non è solo un altro attacco. Si tratta di un segnale grave per quanto riguarda la situazione della deterrenza di Israele. In questi terribili 18 giorni, decine di razzi sono stati sparati sulle comunità nello stato di Israele. Nessun paese consentirebbe che, "ha aggiunto Mofaz. Infatti l'incremento nell'adozione lancio di razzi da Gaza poiché i tre ragazzi sono stati rapiti inclusa una salva di mortaio durante il funerale il Martedì. Un totale di 15 razzi sono stati sparati contro Israele da parte di terroristi di Gaza domenica notte e il Lunedi mattina; fonti della sicurezza il Lunedi annunciato che Hamas ha lanciato l'attacco, riferito segnando un prima dalla fine dell'operazione Pilastro di Difesa nel mese di novembre 2012. Mentre vi è stato un flusso costante di lancio di razzi anche dopo l'operazione Pilastro della Difesa "cessate il fuoco", che è stato mediato dall'Egitto, il gruppo terroristico della Jihad islamica di Gaza e di altre fazioni terroristiche di Hamas hanno ampiamente rivendicato gli attentati.
L'ondata di razzi arriva dopo un attacco particolarmente dannoso Sabato sera, in cui un razzo ha colpito direttamente una fabbrica di materie plastiche a Sderot, bruciandola completamente e ferendo tre persone leggermente. Il mese scorso Mofaz ha commentato le dichiarazioni di arabo MK Hanin Zoabi (Balad), in cui si giustificava il rapimento e ha detto che i rapitori non erano "terroristi". "Hanin Zoabi, abbiamo avuto fino a qui con voi", ha detto Mofaz. "Non ho intenzione di prestare attenzione alle vostre affermazioni stupide, ma trovo difficile da tenere dentro e devo correggerti. Cioè il terrorismo e si stanno incoraggiando il terrorismo, Tu appartieni in carcere"
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
13 ore fa

Odio e vendetta, dichiarano tutti i sentimenti di Satana! Al tempo stesso, se, io non rimuovo le cause, che, possono fare nascere, nuovi: aberranti, REITERATI, delitti del genere, poi, se, io non rimuovo le cause, perché, il delitto, non, possa più essere reiterato, poi, la colpa è della politica! anche, io sarò un assassino, con, il mio atteggiamento, di: omertà, buonismo, pacifista, io mi renderò il complice del male! NON HA IMPORTANZA, QUALE POSSA ESSERE IL PREZZO, CHE, DEVE ESSERE PAGATO, MA, IO COME POLITICO, IO DEVO RISOLVERE, DEFINITIVAMENTE, IN MODO STRUTTUALE LE CRITICITà! QUINDI MI FANNO PENA LE INUTILI REAZIONI DI Benjamin Netanyahu, PERCHé è SOLTANTO LA SHARIA CHE DEVE ESSERE ABBATTUTA! QUINDI è CONTRO LA ARABIA SAUDITA, CHE, LUI DEVE SPARARE BENE! ] [  Chief Ashkenazi Rabbi David Lau Calls for Restraint Amid Tensions Over Murders. Chief Ashkenazi Rabbi calls on Israelis to let security forces do their job and locate the terrorists who murdered three teens. By Yishai Karov. 7/3/2014, Rabbi David Lau, the Chief Ashkenazi Rabbi of Israel, on Wednesday called on Israelis to exercise restraint amid calls for revenge on Arabs over the murder of three Israeli teenagers by Hamas terrorists. “The discourse about revenge is wrong morally, ethically and halakhically,” said Rabbi Lau. "We have to trust that the security forces will do their job properly and not think at all about taking revenge which can lead the entire region down a dangerous path,” he added. “Our revenge will be in the punishment of the murderers and in continuing the wonderful way of uniting hearts and strengthening the Jewish faith,” said the Chief Rabbi. The comments come as an investigation continues into the abduction and murder of an Arab youth found Wednesday morning. While there has been speculation that the youth was murdered by Jews as a possible act of revenge after the kidnapping murder of the three Jewish teens, there have also been reports that the abduction was carried out by Arabs and that the murder was an "honor killing" or another kind of criminal murder. Capo askenazita rabbino David Lau richieste di moderazione tra tensioni Più Murders. Capo Rabbino askenazita invita gli israeliani a lasciare le forze di sicurezza fanno il loro lavoro e individuare i terroristi che hanno ucciso tre ragazzi. Con Yishai Karov. 2014/07/03, il rabbino David Lau, il Capo Rabbino askenazita di Israele, il Mercoledì ha invitato gli israeliani alla moderazione tra chiede vendetta contro gli arabi per l'omicidio di tre adolescenti israeliani da parte di terroristi di Hamas. "Il discorso di vendetta è sbagliato moralmente, eticamente e halakhically", ha detto il rabbino Lau. "Dobbiamo avere fiducia che le forze di sicurezza faranno il loro lavoro correttamente e non pensare affatto di vendetta che può portare l'intera regione lungo un sentiero pericoloso", ha aggiunto. "La nostra vendetta sarà nella punizione degli assassini ed in continuando il meraviglioso modo di unire i cuori e rafforzare la fede ebraica ", ha detto il rabbino capo. I commenti venire come un'indagine continua nel rapimento e omicidio di un giovane arabo trovati Mercoledì mattina. Mentre non vi è stata la speculazione che il giovane è stato ucciso da gli ebrei come un possibile atto di vendetta dopo l'assassinio rapimento dei tre ragazzi ebrei, ci sono state anche segnalazioni che il rapimento è stata effettuata dagli arabi e che l'omicidio era un "delitto d'onore" o un altro tipo di omicidio criminale.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
13 ore fa

Benjamin Netanyahu -- si è vero, oggi Israele, è un abominio satanico, di farisei Illuminati complotto, di anticristo, sistema massonico, ecc.. , PERò C'è UN ALTRA VERITà, CHE IO NON TI HO MAI DETTO! ciononostante, Israele, oggi, è ciò che, di meglio, esiste, al mondo! è quello che, comunque, più si avvicina al Regno di Dio.. ora, non appartiene al ministero di Unius REI, di buttare il bambino insieme, all'acqua sporca! e se, tu pensi?, questo, è lo stesso atteggiamento, di JHWH, che, prese nel suo sangue questa bambina i Israele, e la salvò, perché, alla sua nascita Rothschild, la butto via, con dentro, tutto il suo sangue, come, un panno immondo! ECCO PERCHé, NOI NON DOBBIAMO AMARE QUALCOSA, CHE MERITA DI ESSERE AMATO, PERCHé, NON ESISTE OGGI, NEL MONDO, QUALCOSA DEL GENERE, MA, AMANDO, CON LA FORZA DELLA NOSTRA FEDE, NOI POSSIAMO RENDERE DEGNO DEL NOSTRO AMORE, LA PERSONA AMATA! quindi, noi tutti i Leaders del mondo, tutti i Politici, tutti gli uomini in autorità, noi possiamo creare qualcosa, che, può essere degno di essere amato! in questo modo, noi non lasceremo mai, ai salafiti, ed, ai farisei, un genere umano da distruggere! Se, poi, il FMI, Spa, crollerà per questo, non avendo, miliardi di persone da stritolare? poi, questo non è un nostro problema! io la penso così!
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
13 ore fa

in ogni modo, non è possibile mantenere l'equilibrio mentale, in una situazione: di così alta intensità emotiva, e questa, situazione è senza speranza, perché, continua da 66 anni, sempre, in modo ininterrotto! Quindi, è tutta la LEGA ARABA, che, spinge continuamente, per il genocidio: contro israeliani, quando dice: "entità sionista!" cosa entità? ] MA, IL VERO OBIETTIVO, NON è UCCIDERE ISRAELE, LA LORO INFESTAZIONE islamico DEMONICA, è DI OTTENERE LA CONQUITA DEL MONDO! QUINDI, UCCIDIRE ISRAELE, Roma, ecc. sono SOLTANTO UN OSTACOLO, DA SUPERARE, uno dopo l'altro, MAGARI AL PIù PRESTO! Da questo punto di vista SOMMAMENTE FARISEI E SALAFITI, sono gli unici, che, loro sperano, in un migliore bottino, in una guerra mondiale! nell'islamico FENOMENo DI INFESTAZIONE DEMONICA, OGNUNO, GIOCA, IN SUO RUOLO, SU UN TEATRO TRAGICO, MA, IN REALTà TUTTO DEVE CONVERGERE, AL CALIFFATO Ummah.. QUINDI QUELLO CHE, NELLA IPOCRISIA, LA LEGA ARABA, NON PUò DIRE, POI, gli JIHADISTI LO RIVELANO, INFATTI, TRA IRAQ E SIRIA, DI FATTO, HANNO REALIZZATO UN SOLO CALIFFATO! Police Reject Claims of Leaking Teen's Call to Save Face
Call from Gilad Sha'ar leaked without police knowledge, Israel Police states, condemning 'insensitivity' to bereaved families. By Tova Dvorin, Yaakov Levi. First Publish: 7/2/2014,  [ Murdered (L to R): Eyal Yifrah, Gilad Sha'ar, Naftali Frenkel ] The Israeli Police released a statement firmly rejecting rumors that they leaked the full phone call made by murdered teen Gilad Sha'ar hy"d made to police hotline 100, claiming on Wednesday night that the leak was not theirs. "Further publications have aired relating to the dissemination of the phone call the night of the kidnapping, as if made ​​by the Israeli police," the statement began. "We strongly reject the argument that intelligence and facts were nothing but manipulation in an attempt to take the blame from the police."
"Our conduct regarding the intention to make the tape [of the call] was based on considerations of the best interests of the investigation, in coordination with ISA [Israeli Security Agency or Shin Bet - ed.] and compassion to the families and no more."
The statement added that the decision to publish the call Tuesday night, during the teens' burial, was "insensitive." "It goes without saying that the timing of the publication while bringing the abductees to their burial lacks sensitivity towards families, and was in no way done by the Israeli police," it added. The call, which took place at 10:25 p.m. on June 12, lasted in total for 2:09 minutes - most of which was comprised of the police trying to resume contact after the caller was abruptly cut off. Some of the tape consists of garbled pleas by Gilad for help, with the police respondent saying “hello?” in response, apparently not understanding what is being said to him. Eventually he does get the message and asks the youth where he is, but at that point, Gilad is cut off. In the background, various noises are heard including shouts by the kidnappers at the youths to “keep their heads down,” an Israel Radio program, and several gunshots – and, it was revealed Wednesday afternoon, singing by the terrorists. Police apparently thought  that the call was a hoax,, and ignored it until the parents of one of the youths filed a missing person's report at 3:00 a.m. It was still several hours before police connected the frantic call with the report. The Israel Police have faced intense criticism over the abduction, even after five officers were dismissed following an internal investigation.
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
13 ore fa

Catching Our Eye. Afghani Christian convert, being hunted. The NY Times has a story about Josef a former Muslim, from Afghanistan, who converted to Christianity and is now fleeing for his life for having changed his faith. He spent a year seeking refuge in four European countries, but at each stop he was rejected. He has no protection from his government, and his family in both Afghanistan and Pakistani are actively trying to kill him for apostasy. ‘The few people who practice the faith in Afghanistan do so in private for fear of persecution, attending one of a handful of underground churches that are believed to be operating in the country. Expatriates use chapels on embassy grounds, but those are effectively inaccessible to Afghans. Only a few Afghan converts have surfaced in the past decade, and the government has typically dealt with them swiftly and silently: They are asked to recant, and if they refuse, they are expelled, usually to India, where an Afghan church flourishes in New Delhi.’’
 http://india.blogs.nytimes.com/2013/07/22/an-afghan-church-grows-in-delhi//oTimes%20article.
http://mobile.nytimes.com/2014/06/22/world/asia/afghanistan-a-christian-convert-on-the-run.html?smid=fb-share&_r=1&referrer
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
13 ore fa

Sudan government's official links with janjaweed. Janjaweed, militias who have terrorised Darfur for years, have been made an official force by the Sudan government, according to a report by the Enough Project, a U.S based genocide-prevention group. "The Sudanese government has abandoned the fig leaf that the janjaweed don’t operate under their command and control," said the Enough Project. "After spending years trying to distance themselves from these forces of terror, the regime is not even bothering to deny their association with these war criminals anymore." For example, it says, the rebels wear state-issued uniforms and boast about their exploits on Facebook. The report states what is different this time is the government’s transparent role in inciting violence. It also claims a current growing crisis is a repeat of Darfur's 2003 conflict, and includes recent satellite imagery of hundreds of burned down huts in March 2014.
http://enoughproject.org/blogs/janjaweed-torches-south-darfur-idp-camp-next-unamid-base/oEarlier%20Enough%20Project%20report
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
13 ore fa

Ethiopian wife killed for Christian conversion. Maria Yusuf, from Boreda, Ethiopia, was killed after her husband beat her for her refusal to recant her Christian faith on June 22.
Yusuf was Muslim when she got married, but she became a Christian two years ago – people who convert from Islam are often placed under tremendous pressure to recant their faith. A Christian acquaintance arrived at the scene of the crime just before Maria died to hear her say repeatedly, "He killed me." The husband has been arrested and Yusuf’s autopsy has not yet been made public. According to Open Doors Maria endured regular beating from her husband for converting to Christianity, a situation she had earlier reported to the police. Despite Christians making up the majority of the population in the area they have been facing considerable pressure from local Muslims and officials.
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
17 ore fa

Benjamin Netanyahu -- COME, TI SPIEGHI TU, IL FATTO CHE, SIRIA E IRAN,  sono molto riottose, a riconoscere il terrorismo saudita? TE LO DICO IO, loro SONO UN SOLO COMPLOTTO, PER L TUO ANNIENTAMENTO, E SE, tu GRAFFI bene, LA COPERTINA agenda Talmud? TU VEDRAI LA FACCIA DI: BUSH 322 E ROTHSCHILD 666 gufo Baal, dietro tutto questo complotto, che: proprio loro, cercano la tua vita! Certo, in Siria, oggi, loro accusano, la ARABIA SAUDITA, e il suo terrorismo jihadista, ma, questo è stato possibile, soltanto perché, io ho costretto loro a farlo! Si sono impegnati bene gli americani in qusti 66 anni con Israele, per preparare un buon inferno bollente tutt'intorno!
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
17 ore fa

DELLA TRAGEDIA UMANITARIA, ALLA TROIKA MERKEL NON IMPORTA NIENTE, I SATANISTI CANNIBALI SONO ABITUATI AL SANGUE UMANO SULL'ALTARE DEI SATANA 322 KERRY! Oltre 2mila profughi ucraini giunti in Russia negli ultimi giorni. Più di 2.300 rifugiati provenienti dall'Ucraina sono arrivati nella regione di Rostov negli ultimi giorni. Lo hanno riferito all'amministrazione della regione russa. L'afflusso di profughi dal sud-est dell'Ucraina è aumentato drammaticamente a partire da giugno a seguito dell'inasprimento degli scontri armati tra le forze di sicurezza di Kiev e i separatisti.
Secondo l'attivista a difesa dei diritti dell'infanzia Pavel Astakhov, dall'Ucraina sono arrivati in Russia più di 55mila persone, 15mila dei quali bambini. Tuttavia queste cifre riguardano solamente quelle persone che hanno ricevuto ufficialmente lo status di rifugiato.

ordine esecutivo 11110 Unius REI


L'oligarca ucraino Kolomoisky dietro la morte del cameraman russo. L'oligarca ucraino Igor Kolomoisky è dietro la morte del cameraman della tv pubblica russa Anatoly Klyan. Questo punto di vista è stato espresso dal rappresentante ufficiale del Comitato Investigativo della Russia Vladimir Markin.
Oggi il tribunale di Mosca ha emesso un mandato d'arrestato in contumacia al governatore della regione ucraina di Dnepropetrovsk Ucraina, l'oligarca Igor Kolomoisky. In Russia il magnate ucraino è accusato di essere il mandante di omicidi e di usare metodi terroristici e paramilitari. Proprio Kolomoisky è il principale oppositore ad ogni tipo di tregua e contatto con i ribelli separatisti.
Klyan è deceduto nella notte di lunedì all'età di 68, dopo essere rimasto ferito mortalmente nei pressi di Donetsk mentre si trovava insieme ai suoi colleghi giornalisti.
Kiev disposta ad incontrarsi con i leader delle forze separatiste del Donbass. Kiev è pronta a consultazioni con le forze separatiste per trovare una soluzione pacifica nel Donbass in qualsiasi luogo. Lo ha comunicato il vice capo dell'amministrazione presidenziale ucraina Valery Chaly. In precedenza si erano svolti 2 cicli di consultazioni tra i rappresentanti delle Repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk e di Kiev nel cosiddetto formato a tre del gruppo di contatto per la risoluzione della situazione nel Donbass. Entrambi gli incontri si erano svolti a Donetsk alla fine di giugno.
Nella giornata di ieri le autorità bielorusse avevano dichiarato di essere pronte ad ospitare il terzo round di negoziati.