terrorismo saudita

Benjamin Netanyahu -- COME, TI SPIEGHI TU, IL FATTO CHE, SIRIA E IRAN,  sono molto riottose, a riconoscere il terrorismo saudita? TE LO DICO IO, loro SONO UN SOLO COMPLOTTO, PER L TUO ANNIENTAMENTO, E SE, tu GRAFFI bene, LA COPERTINA agenda Talmud? TU VEDRAI LA FACCIA DI: BUSH 322 E ROTHSCHILD 666 gufo Baal, dietro tutto questo complotto, che: proprio loro, cercano la tua vita! Certo, in Siria, oggi, loro accusano, la ARABIA SAUDITA, e il suo terrorismo jihadista, ma, questo è stato possibile, soltanto perché, io ho costretto loro a farlo! Si sono impegnati bene gli americani in qusti 66 anni con Israele, per preparare un buon inferno bollente tutt'intorno!


non è intorpidendo le acque, che, si può offendere la lucidità di un mio ragionamento! ] in teoria, questo potrebbe essere stato, anche, un auto attacco! e, comunque, mai nessun crimine, può coprire crimini precedenti! la Sharia rimane, il vero problema, IL FATTORE SCATENANTE! impedimento ad una situazione soluzione strutturale! poi, le conseguenze dell'odio, sono di chi ha detto, "voi siete dhimmi" "voi dovete andare all'inferno, come apostati e idolatri!" e questo i salafiti lo hanno fatto!, a voi non è permesso avere una libertà di coscienza, ed uno status di cittadini normali! e questo la LEGA ARABA LO HA FATTO! ] Senior Official: Arab Teen's Murder Criminal, not Nationalistic. Ex-police official says teen's murder likely inside job, condemns 'irresponsible' reaction of officials blaming Jews. By Arutz Sheva Staff. First Publish: 7/2/2014, Arab riot in response to murder. A senior former police official argues that the abduction and murder of the Arab youth who was found dead Wednesday morning was most likely a criminal act, rejecting the claim that Jewish "revenge" for the murdered Israeli teens lay behind it. The official noted that the family of the murdered 16-year-old was well known to police sources in Jerusalem, adding "it's a problematic family with internal clashes that have been ongoing for many years." "I have no doubt that as time passes it will be clarified that the murder was criminal and nothing more," declared the official, who spoke to Arutz Sheva on condition of anonymity. Several Israeli officials jumped to condemn the murder, including Jerusalem Mayor Nir Barkat, who called it "a grave and barbaric act," adding "this is not our way of doing things." The senior official criticized Barkat sharply for jumping to conclusions and condemning the murder "as if the youth was killed by a Jew in response to the murder of the three Jews in Gush Etzion." When Knesset ministers ascribe the murder as being a "price tag" act, there is serious damage to the image of Israel in the eyes of the world, argued the official. "As a veteran resident of Jerusalem, I'm surprised that the mayor rushed to put out condemnations without clarifying all of the facts. I know the internal conflicts in that family, and we need to wait and not rush to connect the murder of the Arab youth with the abduction in Gush Etzion," added the official. During the ensuing riots in Beit Hanina and Shuafat since the announcement of the murder, several Arab residents reportedly attacked a young local Arab, possibly indicating the internal clashes the source spoke of. Police forces rescued the youth, who did not require medical treatment. The rioters were dispersed by the police force and the assaulted youth left the area. Jumping to conclusions. Nevertheless, Palestinian Authority (PA) Chairman Mahmoud Abbas's spokesperson Nabil Abu Rudeineh lost no time pointing the finger at Israel as being behind the murder, blaming the state for it and demanding that Israel "expose the criminals and bring them to justice." Abbas demanded that Prime Minister Binyamin Netanyahu "condemn the abduction of the Arab youth and his murder, like we condemned the abduction and murder of the three settlers." Abbas's Fatah movement likewise on Wednesday blamed Israel for "the cold blooded abduction and murder of the Arab youth by settlers." Fatah went on to condemn the murder as a "war crime and organized crime," adding it was "a direct result of the continued incitement by the right-wing occupation (Israeli) government and its complete support for settler terror." For his part, Prime Minister Binyamin Netanyahu spoke with Public Security Minister Yitzhak Aharonovich on Wednesday, urging the that the investigation be advanced speedily. Netanyahu called on all sides "not to take the law into their own hands." Riotous reaction to the murder. Quoting eye witnesses, IDF Radio said a black car had stopped by an Arab youth in Jerusalem's Beit Hanina who was hitchhiking and he was forced inside. The car then took off. Some time later, the family of the youth reported him missing, it said. The burnt body of an Arab youth was later found in the Jerusalem Forest area. Police have not formally confirmed the body is that of 16-year-old Mohammed Abu Khder who was kidnapped, reports AFP. Wild rumors and speculation have abounded that the youth was possibly was murdered by Jews as a possible act of revenge after the kidnapping murder of three Jewish teens. However, as the official revealed, reports indicate that the abduction likely was carried out by Arabs and that the murder was an "honor killing" or another kind of criminal murder. Large police forces are combing the area where the body was discovered and hundreds of Arabs from Shuafat are currently rioting. The road between Beit Hanina and Pisgat Ze'ev has been blocked to traffic. In addition, operation of the Light Rail to Beit Hanina and Shuafat has been suspended, due to concern that rioting Arabs may attack the railway and its passengers. The Arab rioting in Shuafat spread to the Temple Mount on Wednesday, where masked Arab rioters threw rocks at police. This led to the decision to close the Mount to visitors. The entrance into Jerusalem from Highway 443 at the Ben Tzion Interchange was also closed off. Three Light Rail stations were destroyed by rioters. Arab pogromists were also reportedly targeting Jewish homes and cars in Pisgat Ze'ev. Later, it was reported that Arab rioters hurled three pipe bombs at police forces. Only one of these appears to have exploded, and police sappers are neutralizing those that did not. No police were reported hurt by the bombs, although a man was hospitalized from the blast. The rioting was reported as continuing strong into the afternoon, with rioters throwing stones, molotov cocktails and another pipe bomb, as police blocked entry to Beit Hanina.
    DELLA TRAGEDIA UMANITARIA, ALLA TROIKA MERKEL NON IMPORTA NIENTE, I SATANISTI CANNIBALI SONO ABITUATI AL SANGUE UMANO SULL'ALTARE DEI SATANA 322 KERRY! Oltre 2mila profughi ucraini giunti in Russia negli ultimi giorni. Più di 2.300 rifugiati provenienti dall'Ucraina sono arrivati nella regione di Rostov negli ultimi giorni. Lo hanno riferito all'amministrazione della regione russa. L'afflusso di profughi dal sud-est dell'Ucraina è aumentato drammaticamente a partire da giugno a seguito dell'inasprimento degli scontri armati tra le forze di sicurezza di Kiev e i separatisti.
Secondo l'attivista a difesa dei diritti dell'infanzia Pavel Astakhov, dall'Ucraina sono arrivati in Russia più di 55mila persone, 15mila dei quali bambini. Tuttavia queste cifre riguardano solamente quelle persone che hanno ricevuto ufficialmente lo status di rifugiato.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
3 minuti fa

L'oligarca ucraino Kolomoisky dietro la morte del cameraman russo. L'oligarca ucraino Igor Kolomoisky è dietro la morte del cameraman della tv pubblica russa Anatoly Klyan. Questo punto di vista è stato espresso dal rappresentante ufficiale del Comitato Investigativo della Russia Vladimir Markin.
Oggi il tribunale di Mosca ha emesso un mandato d'arrestato in contumacia al governatore della regione ucraina di Dnepropetrovsk Ucraina, l'oligarca Igor Kolomoisky. In Russia il magnate ucraino è accusato di essere il mandante di omicidi e di usare metodi terroristici e paramilitari. Proprio Kolomoisky è il principale oppositore ad ogni tipo di tregua e contatto con i ribelli separatisti.
Klyan è deceduto nella notte di lunedì all'età di 68, dopo essere rimasto ferito mortalmente nei pressi di Donetsk mentre si trovava insieme ai suoi colleghi giornalisti.
Kiev disposta ad incontrarsi con i leader delle forze separatiste del Donbass. Kiev è pronta a consultazioni con le forze separatiste per trovare una soluzione pacifica nel Donbass in qualsiasi luogo. Lo ha comunicato il vice capo dell'amministrazione presidenziale ucraina Valery Chaly. In precedenza si erano svolti 2 cicli di consultazioni tra i rappresentanti delle Repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk e di Kiev nel cosiddetto formato a tre del gruppo di contatto per la risoluzione della situazione nel Donbass. Entrambi gli incontri si erano svolti a Donetsk alla fine di giugno.
Nella giornata di ieri le autorità bielorusse avevano dichiarato di essere pronte ad ospitare il terzo round di negoziati.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
7 minuti fa

http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505871010/9RIAN_02432406.HR.ru.jpg
Le autorità separatiste di Lugansk segnalano vittime, tra i civili [ TUTTA LA CIVILTà DEMOCRATICA, CHE, LA MERKEL HITLER TROIKA RICORDA DI CONOSCERE! ] A seguito dei raid aerei delle forze di sicurezza ucraine nei pressi di Lugansk è stato registrato un gran numero di vittime civili. Lo hanno comunicato all'ufficio stampa della Repubblica Popolare di Lugansk. Secondo i dati dei separatisti, solo in una delle vie del paese Luganskaya sono morte 10 persone, tra cui una bambina di 5-7 anni.
In precedenza il ministero degli Esteri russo aveva invitato le autorità ucraine a rinunciare ad azioni che causano vittime tra la popolazione civile dell'Ucraina.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
9 minuti fa

LA LEGA ARABA, CON LA SUA MEDIOEVALE CRUDELTà SHARIA, STA DESTABILIZZANDO IL MONDO! ] La polizia francese sgombera un campo di migranti a Calais. La polizia della città francese di Calais ha sgomberato il più grande campo di immigrati clandestini, riporta il giornale Point. La scorsa settimana la magistratura francese aveva permesso di eliminare il centro di accoglienza per clandestini, in funzione dalla fine di maggio per fornire cibo e generi di prima necessità. I giudici hanno motivato la loro disposizione per la lunga permanenza dei migranti e le scarse condizioni di igiene del centro, così come per i rischi alla sicurezza dei residenti locali.
Recentemente nel nord della Francia si è registrato un aumento del numero di immigrati clandestini, per lo più provenienti da Siria, Afghanistan e Paesi africani, che cercano di trasferirsi nel Regno Unito.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
12 minuti fa

INTENZIONALE DISINFORMAZIONE! INTENZIONALMENTE: QUESTA EUROPA DI CRIMINALI FARISEI ROTHSCHILD BILDENBERG, MERKEL TROIKA, INVOCA SU DI SE, LA DISTRUZIONE TOTALE! ] Mosca accusa la NATO di voler giustificare Kiev per la rottura della tregua. Il comando della NATO sta cercando di giustificare la rottura della tregua da parte di Kiev. Secondo il portavoce del ministero degli Esteri della Russia Alexander Lukashevich, la prova di questa affermazione è nelle dichiarazioni del comandante della NATO in Europa Philip Breedlove. Ha parlato in particolare della necessità della NATO di rafforzare i "confini orientali" per la destabilizzazione della situazione in Ucraina a causa della Russia.
Tali dichiarazioni del militare di alto rango, secondo Lukashevich, mirano a fomentare le tensioni in Ucraina. Il portavoce della diplomazia russa ritiene inoltre inaccettabile la diffusione di false informazioni sulla situazione nel confine russo-ucraino.
"Fuoco premeditato contro i giornalisti del canale russo REN TV in Ucraina". Il fuoco contro i giornalisti del canale televisivo russo REN TV, rimasti feriti in Ucraina, è stato aperto intenzionalmente. Lo ha dichiarato il leader della Repubblica Popolare di Lugansk Valery Bolotov. Il giornalista televisivo Denis Kulaga e il cameraman Vadim Yudin erano rimasti feriti martedì nella regione di Lugansk. Vicino il giornalista era esploso un razzo, che gli ha provocato una commozione cerebrale così come al suo operatore.

Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
15 minuti fa

Yandex è UN NUOVO MOTORE DI RICERCA ] [Russia, la Procura Generale scagiona "Yandex" La Procura Generale ha confermato di non aver trovato violazioni nelle attività di Yandex, il più grande motore di ricerca russo, il quale non ha bisogno di registrarsi come media. Le pretese contro Yandex erano relative alla legge "Sui Mass Media". Il promotore della verifica è stato il deputato della Duma (camera bassa del Parlamento) Andrej Lugovoi. Secondo il parlamentare, il motore di ricerca diffonde notizie, pertanto le sue attività dovevano essere conformi alla legge sui mass media.

Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
21 minuti fa

[ QUESTA EUROPA DI CRIMINALI FARISEI ROTHSCHILD BILDENBERG, INVOCA SU DI SE, LA DISTRUZIONE TOTALE! ] http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505853401/9o_974965.jpg. Putin premia alla memoria il cameraman ucciso in Ucraina. Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato il decreto per assegnare al cameraman del canale della tv pubblica russa Anatoly Klyan l'Ordine del Coraggio alla memoria. Lo hanno riferito al Cremlino. Il 68enne Anatoly Klyan è rimasto ucciso la notte del 30 giugno nell'attacco contro un pullman di giornalisti nella regione di Donetsk. Da 40 anni lavorava per la televisione, era stato sia in Jugoslavia che in Iraq ed Afghanistan. Era partito in quella che è stata la sua ultima trasferta a Donetsk il 28 maggio scorso. In precedenza Vladimir Putin aveva firmato il decreto che rilascia l'Ordine del Coraggio postumo ai giornalisti russi rimasti uccisi in Ucraina Igor Kornelyuk ed Anton Voloshin. Entrambi erano rimasti uccisi durante un bombardamento lo scorso 17 giugno nei pressi di Lugansk.
La Merkel minaccia la Russia di sanzioni più severe. Il cancelliere tedesco Angela Merkel non ha di nuovo escluso che nei confronti della Russia potrebbero essere introdotte nuove sanzioni. Lo ha dichiarato dopo i colloqui con il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen. La Merkel ha sottolineato che, la corrispondente decisione non è stata ancora presa. In precedenza un influente associazione economica della Germania, la Commissione orientale dell'Economia tedesca, aveva condotto un sondaggio in base al quale la maggior parte degli imprenditori che fanno affari con la Russia non appoggia l'introduzione del terzo livello di sanzioni economiche.
Washington si sforza affinchè, l'Unione Europea adotti il successivo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Tuttavia tra i partner europei degli Stati Uniti non c'è unità su questo tema.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
29 minuti fa

QUESTA è LA DIMOSTRAZIONE, DI COME ESISTE UN SOLO COMPLOTTO DI TUTTA LA LEGA ARABA, CONTRO ISRAELE! Iranian General: U.S. Heads Terrorism in the Region. Iran’s Deputy Chief of Staff says that the United States, [ è vero, che, la sharia è il fondamento, di ogni nazismo, e che, i satanisti USA, giocano dentro tutto questo, per fare scivolare tutto all'inferno! Questo è il tipico caso, di chi vede, la pagliuzza nell'occhio del fratello, e poi, lui non vede la trave, che, è nel suo occhio: UMMAH SHARIA NAZI ONU! e poi, per lui, dove sono tutte le responsabilità di tutti i Paesi del Golfo, nel sostegno del terrorismo islamico in Siria? QUESTA è LA DIMOSTRAZIONE DI COME ESISTE UN SOLO COMPLOTTO DI TUTTA LA LEGA ARABA CONTRO ISRAELE! ] which complies with the "Zionists", is responsible for terrorism. By Elad Benari. First Publish: 7/2/2014, Iran’s Deputy Chief of Staff Masoud Jazayeri recently claimed that the United States, encouraged by Israel, is responsible for the terrorism in the Middle East. Jazayeri’s comments were made in a televised interview which aired on Al-Alam TV on June 29. The interview was translated by the Middle East Media Research Institute (MEMRI). “Personally, I believe that terrorism is strongly connect to the U.S. administration, as part of its compliance with the demands by the Zionist Entity, in the short, medium, and long terms. Unfortunately, some European countries, and some of America's lackeys in the region, play a role in this,” claimed Jazayeri. “All the evidence shows that the U.S. heads terrorism in the region,” he continued. “We witnessed this in Lebanon, it was very clear with regard to the Gaza Strip, as well as in Afghanistan, and now it can undoubtedly, be seen in Syria. As you know, the war of terrorism here is a proxy war waged by the U.S., and the same holds true for Iraq.” Referring to the situation in Iraq, where jihadists from the Islamic State of Iraq and the Levant (ISIS) have taken over several cities and are advancing on Baghdad, Jazayeri declared that Tehran was willing to assist Iraq “should the Iraqi government, or the Iraqi people, feel that the current conditions necessitate it.” “With regard to Syria, we have already declared that we would not allow foreign intervention, and would not allow terrorists connected with foreign intelligence agencies to rule Syria or control it. We will not allow such a thing, which is contrary to the Syrian people's will, which was revealed in the elections held a few weeks ago,” he said. “We will apply the same principle to Iraq. Countries and individuals with unbridled ambitions cannot simply show up and draw a map for the region,” stated Jazayeri. Recent reports indicated that Iran had deployed Revolutionary Guards units to Iraq in order to fight Islamists from the ISIS. The Pentagon subsequently said that Iran has sent "small numbers" of operatives into Iraq, but there is no sign of a large deployment of army units. Generale iraniano: US Heads terrorismo nella regione. Iran Vice Capo di Stato Maggiore afferma che gli Stati Uniti, che soddisfa i "sionisti", è responsabile per il terrorismo. Con Elad Benari. Prima di pubblicazione: 2014/07/02, dell'Iran Vice Capo di Stato Maggiore Masoud Jazayeri ha recentemente affermato, che, gli Stati Uniti, incoraggiato da Israele - è responsabile per il terrorismo in Medio Oriente. I commenti di Jazayeri sono state effettuate, in un'intervista televisiva in onda su Al-Alam TV il 29 giugno. L'intervista è stata tradotta dal Middle East Media Research Institute (MEMRI). "Personalmente, credo che, il terrorismo, è fortemente connettersi al governo degli Stati Uniti, come parte della sua conformità, con le richieste da parte sionista Entità, nel breve, medio e lungo termine. Purtroppo, alcuni paesi europei, e alcuni dei lacchè dell'America nella regione, giocano un ruolo in questo ", ha affermato Jazayeri. "Tutte le prove dimostrano che, gli Stati Uniti dirige il terrorismo nella regione", ha continuato. "Abbiamo assistito a questa in Libano, è stato molto chiaro per quanto riguarda, la Striscia di Gaza, così come in Afghanistan, e ora può senza dubbio essere visto in Siria. Come sapete, la guerra del terrorismo, ecco una guerra per procura condotta dagli Stati Uniti, e lo stesso vale per l'Iraq. "Riferendosi alla situazione in Iraq, dove hanno preso jihadisti dello Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIS) su diverse città e stanno avanzando su Baghdad, Jazayeri ha dichiarato che Teheran era disposto ad aiutare l'Iraq "qualora il governo iracheno, o il popolo iracheno, la sensazione che le attuali condizioni richiedono essa." "Per quanto riguarda la Siria, abbiamo già dichiarato che non consentirebbe l'intervento straniero, e non permetterebbe terroristi legati con le agenzie di intelligence straniere per governare la Siria, o controllarlo. Noi non permettiamo una cosa del genere, che, è contraria alla volontà del popolo siriano, che è stato rivelato nelle elezioni tenute qualche settimana fa, "ha detto. "Noi applicare lo stesso principio in Iraq. Paesi e individui con ambizioni sfrenate non possono semplicemente presentarsi e disegnare una mappa per la regione ", ha dichiarato Jazayeri. Recenti rapporti indicano che l'Iran aveva schierato unità di Guardie Rivoluzionarie in Iraq per combattere gli islamisti dal ISIS. Il Pentagono ha poi detto che l'Iran ha inviato "piccole quantità" di operatori in Iraq, ma non vi è alcun segno di un grande spiegamento di unità dell'esercito.
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
50 minuti fa

QUESTO Mahmoud Abbas, è UN IRRESPONSABILE! A PRESCINDERE DALLA REALTà DEL FATTO, è NEL METODO: la sua criminale responsabilità, CHE, Mahmoud Abbas, lui SI DOVREBBE DIMETTERE ,IMMEDIATAMENTE! IN QUESTO MODO, LUI BUTTA BENZINA SUL FUOCO, SENZA CHE, è PER NIENTE CHIARA, LA DINAMICA CRIMINALE DEL FATTO! ] proprio lui: Mahmoud Abbas, per mettersi a fare il presidente di Hamas [ Rockets Rain on Israel as Hamas Vows Revenge.[[ Palestinian Authority (PA) Chairman Mahmoud Abbas accused Israelis of taking "revenge" on a Palestinian Arab teen following the horrific murders of teenagers Naftali Frenkel, Gilad Sha'ar, and Eyal Yifrah.]] Barrage hits Israel hours after Hamas threatens action over murder of Arab teen. Reports emerge that IAF may be retaliating. By Arutz Sheva Staff  7/2/2014, A total of eleven rockets have fallen on Israeli soil from Gaza since early Wednesday, with six fired in the past two hours. Hamas terrorists have fired 9 mortar shells and one Kassam rocket into the Eshkol and Sha'ar HaNegev regions Wednesday. No damage and no injuries have been reported. Additional explosions have been heard throughout the day. It is possible that additional rockets have been fired, but fell short of Israeli soil. A continuous rain of rockets have been fired on Israel this week. Fifteen rockets were fired over Sunday night and Monday morning from Gaza, prompting Israeli security forces to announce that Hamas was directly behind the rocket fire - the first official announcement since the end of the counter-terror Operation Pillar of Defense in November 2012. Last week, several rockets caused a massive fire at a plastics factory in Sderot. Four workers managed to escape the factories before they were set ablaze. Hamas has not taken responsibility for the rocket fire. Wednesday's rocket fire increased just hours after Hamas vowed revenge on Israel, after international media and Palestinian Authority (PA) Chairman Mahmoud Abbas accused Israelis of taking "revenge" on a Palestinian Arab teen following the horrific murders of teenagers Naftali Frenkel, Gilad Sha'ar, and Eyal Yifrah. According to Walla! News, the IAF has begun responding to the rocket fire, and have eliminated one terror target. The IDF has not confirmed this retaliatory strike yet. Tensions escalate. 16-year-old Mohammed Abu Khder was found in the Jerusalem Forest earlier Wednesday after allegedly being forced into a black car outside Beit Hanina. Israeli leaders - including the mayor of Jerusalem and Prime Minister Netanyahu - rushed to condemn the murder, after rumor circulated that it was the work of Jewish extremists looking for "revenge" over the abduction and murder of three Israeli teens Naftali Frenkel, Gilad Sha'ar and Eyal Yifrah. Palestinian Authority (PA) Chairman Mahmoud Abbas, as well as some in the international media, have since repeated those claims as fact. But Israeli police have said it is far from clear at this point whether the attack was "nationalistic" or "criminal" in nature, and urged "responsibility" over reporting on it. without specifying further. One retired police officer familiar with the family involved and the Beit Hanina area who spoke to Arutz Sheva on condition of anonymity Wednesday afternoon stated that in his opinion the murder is most likely the work of internal clashes within the boy's family. But those claims remain unconfirmed as well, and the police investigation into the killing is still ongoing. Meanwhile, the news has led to an immense show of violence, with Israeli Arabs rioting throughout Jerusalem and lobbing bombs and projectiles at police officers.
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
1 ora fa

non è intorpidendo le acque, che, si può offendere la lucidità di un mio ragionamento! ] in teoria, questo potrebbe essere stato, anche, un auto attacco! e, comunque, mai nessun crimine, può coprire crimini precedenti! la Sharia rimane, il vero problema, IL FATTORE SCATENANTE! impedimento ad una situazione soluzione strutturale! poi, le conseguenze dell'odio, sono di chi ha detto, "voi siete dhimmi" "voi dovete andare all'inferno, come apostati e idolatri!" e questo i salafiti lo hanno fatto!, a voi non è permesso avere una libertà di coscienza, ed uno status di cittadini normali! e questo la LEGA ARABA LO HA FATTO! ] Senior Official: Arab Teen's Murder Criminal, not Nationalistic. Ex-police official says teen's murder likely inside job, condemns 'irresponsible' reaction of officials blaming Jews. By Arutz Sheva Staff. First Publish: 7/2/2014, Arab riot in response to murder. A senior former police official argues that the abduction and murder of the Arab youth who was found dead Wednesday morning was most likely a criminal act, rejecting the claim that Jewish "revenge" for the murdered Israeli teens lay behind it. The official noted that the family of the murdered 16-year-old was well known to police sources in Jerusalem, adding "it's a problematic family with internal clashes that have been ongoing for many years." "I have no doubt that as time passes it will be clarified that the murder was criminal and nothing more," declared the official, who spoke to Arutz Sheva on condition of anonymity. Several Israeli officials jumped to condemn the murder, including Jerusalem Mayor Nir Barkat, who called it "a grave and barbaric act," adding "this is not our way of doing things." The senior official criticized Barkat sharply for jumping to conclusions and condemning the murder "as if the youth was killed by a Jew in response to the murder of the three Jews in Gush Etzion." When Knesset ministers ascribe the murder as being a "price tag" act, there is serious damage to the image of Israel in the eyes of the world, argued the official. "As a veteran resident of Jerusalem, I'm surprised that the mayor rushed to put out condemnations without clarifying all of the facts. I know the internal conflicts in that family, and we need to wait and not rush to connect the murder of the Arab youth with the abduction in Gush Etzion," added the official. During the ensuing riots in Beit Hanina and Shuafat since the announcement of the murder, several Arab residents reportedly attacked a young local Arab, possibly indicating the internal clashes the source spoke of. Police forces rescued the youth, who did not require medical treatment. The rioters were dispersed by the police force and the assaulted youth left the area. Jumping to conclusions. Nevertheless, Palestinian Authority (PA) Chairman Mahmoud Abbas's spokesperson Nabil Abu Rudeineh lost no time pointing the finger at Israel as being behind the murder, blaming the state for it and demanding that Israel "expose the criminals and bring them to justice." Abbas demanded that Prime Minister Binyamin Netanyahu "condemn the abduction of the Arab youth and his murder, like we condemned the abduction and murder of the three settlers." Abbas's Fatah movement likewise on Wednesday blamed Israel for "the cold blooded abduction and murder of the Arab youth by settlers." Fatah went on to condemn the murder as a "war crime and organized crime," adding it was "a direct result of the continued incitement by the right-wing occupation (Israeli) government and its complete support for settler terror." For his part, Prime Minister Binyamin Netanyahu spoke with Public Security Minister Yitzhak Aharonovich on Wednesday, urging the that the investigation be advanced speedily. Netanyahu called on all sides "not to take the law into their own hands." Riotous reaction to the murder. Quoting eye witnesses, IDF Radio said a black car had stopped by an Arab youth in Jerusalem's Beit Hanina who was hitchhiking and he was forced inside. The car then took off. Some time later, the family of the youth reported him missing, it said. The burnt body of an Arab youth was later found in the Jerusalem Forest area. Police have not formally confirmed the body is that of 16-year-old Mohammed Abu Khder who was kidnapped, reports AFP. Wild rumors and speculation have abounded that the youth was possibly was murdered by Jews as a possible act of revenge after the kidnapping murder of three Jewish teens. However, as the official revealed, reports indicate that the abduction likely was carried out by Arabs and that the murder was an "honor killing" or another kind of criminal murder. Large police forces are combing the area where the body was discovered and hundreds of Arabs from Shuafat are currently rioting. The road between Beit Hanina and Pisgat Ze'ev has been blocked to traffic. In addition, operation of the Light Rail to Beit Hanina and Shuafat has been suspended, due to concern that rioting Arabs may attack the railway and its passengers. The Arab rioting in Shuafat spread to the Temple Mount on Wednesday, where masked Arab rioters threw rocks at police. This led to the decision to close the Mount to visitors. The entrance into Jerusalem from Highway 443 at the Ben Tzion Interchange was also closed off. Three Light Rail stations were destroyed by rioters. Arab pogromists were also reportedly targeting Jewish homes and cars in Pisgat Ze'ev. Later, it was reported that Arab rioters hurled three pipe bombs at police forces. Only one of these appears to have exploded, and police sappers are neutralizing those that did not. No police were reported hurt by the bombs, although a man was hospitalized from the blast. The rioting was reported as continuing strong into the afternoon, with rioters throwing stones, molotov cocktails and another pipe bomb, as police blocked entry to Beit Hanina.
 ·
Rispondi
 ·
ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

1 luglio 2014, Iraq: dalla dittatura alla Califfato DEI SATANISTI AMERICANI! ] Inseguendo il fantasma delle armi chimiche di Saddam Hussein l’esercito americano ha distrutto l'Iraq in quanto Stato e lo ha trasformato in un altro nido di terrorismo islamico. A chi e perché serviva il crollo del regime di Saddam? Nei primi anni 2000, l'amministrazione neo-conservatrice degli Stati Uniti è stata affascinata da una nuova idea per cui gli americani decisero di riformare il Medio Oriente. Questo piano prevedeva il ridisegno della struttura degli Stati mediorientali che doveva avvenire in due modi: il convinto supporto per i regimi disposti a essere inclusi nell'orbita di influenza americana e la soppressione del potere dei governanti ostinati che per la maggior parte erano dittatori del petrolio. Uno di questi era il ribelle leader iracheno Saddam Hussein, il cui Paese, secondo gli americani, aveva un disperato bisogno di "democratizzazione", dice l'esperto dell’Istituto Orientale di Valutazione e Analisi Strategiche Sergej Demidenko:
Questa strategia ha comportato benefici economici come l'accesso al petrolio iracheno, controllare e dettare i prezzi nel mercato globale dell'energia. Il controllo dell’Iraq avrebbe comportato il controllo dell'OPEC perché l'Iraq possedeva, a quel tempo, la seconda più grande riserva dopo l'Arabia Saudita. In secondo luogo, questa strategia implica la necessità di rendere la regione più fedele non solo agli Stati Uniti, ma anche al "miliardo d'oro" in generale. In terzo luogo, la necessità di limitare varie implicite minacce e sfide che provengono da questa regione. Vale a dire la diffusione del terrorismo, armi di distruzione di massa, le malattie e la migrazione illegale. Tuttavia gli americani non si aspettavano che alla fine tutto ciò li avrebbe condotti ad una "crociata" contro Hussein. Sconfiggendo l'esercito iracheno, tra l’altro non il più debole nella regione, gli Stati Uniti sono diventati impotenti a contenere il collasso dello Stato iracheno. Del resto Washington non ha specificamente impedito la distruzione del Paese e il suo scivolare verso una guerra intestina. Tuttavia, secondo Sergej Demidenko, gli americani non pensavano alle conseguenze: Quando invasero nel 2003, essi non avevano minimamente previsto ciò che si sarebbe potuto verificare. Il fenomeno dell'operazione irachena è spiegato nel fatto che progettarono bene la parte militare e non pensarono a ciò che sarebbe potuto succedere dopo. In quel momento, l'amministrazione americana era profondamente permeata dalla convinzione comune che la democrazia in quanto tale avrebbe raddrizzato tutto. Azzerare Hussein, istituire un Parlamento e tutto si risolve. Ma ciò che è buono per gli Stati Uniti, è un male per le comunità arcaiche. Ma il problema è che non erano pronti. Lo Stato ha cominciato a frantumarsi da solo.
Abitudine generale degli americani è prima agire e poi pensare e questo recentemente è diventato il segno distintivo della politica estera di Washington. E senza questa immediatezza dell’azione americana, la situazione in Iraq avrebbe potuto essere molto diversa, dice il direttore della sezione dell'Asia Centrale e del Medio Oriente dell'Istituto russo degli studi strategici Elena Suponina: Gli americani sono molto convinti delle nozioni teoriche circa la possibilità di esportare la democrazia, di insegnare a qualcuno a vivere diversamente. Sì, l'Iraq era una dittatura. Ma non era così necessario insegnare agli iracheni di vivere in libertà. Non era proprio necessario insegnare loro come vivere. Si sarebbe arrivati ​​a cambiare il Paese, prima o poi sarebbe arrivata la necessità di una riforma. Gli iracheni sarebbe addivenuti a questo. Ma questo non doveva avvenire. I massivi attacchi aerei, i bombardamenti a tappeto di città e villaggi da parte della US Army ha condotto il ricco Paese mediorientale dell'Iraq in un buco nero, dove solo pochi anni dopo ha cominciato ad attrarre i terroristi di ogni colore. E il risultato finale non è così piacevole per l'America: si è rafforzato uno dei gruppi terroristici più militanti: "Lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante", che ha annunciato la creazione di un califfato jihadista sul suolo iracheno. http://italian.ruvr.ru/2014_07_01/Iraq-dalla-dittatura-alla-Califfato-0058/
 
ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

Benjamin Netanyahu -- [ trova e punisci in modo esemplare i responsabili! MA, IO RIBADISCO, CHE, BISOGNA TROVARE UNA SOLUZIONE STRUTTURALE, DEFINITIVA! ] In Israele ignoti hanno rapito e ucciso un adolescente palestinese. Lo riporta l'agenzia RIA Novosti. Il ragazzo palestinese è stato rapito nella notte di mercoledì nella parte orientale di Gerusalemme. Diverse ore dopo il corpo del teenager è stato ritrovato in un'altra zona della città.

ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

Un convoglio di profughi provenienti da Kramatorsk, che, cercava di raggiungere l'Oblast' di Vladimir, è stato attaccato a 20 chilometri dal confine russo. Lo ha riferito il commissario per i diritti dell'infanzia dell'Oblast' di Vladimir Gennady Prokhorychev.
Secondo lui, il fatto è avvenuto questa notte. Hanno aperto il fuoco contro un auto delle forze separatiste, in testa al convoglio. "Quindi hanno deciso di non far correre rischi a donne e bambini, pertanto, sono stati costretti a ritornare a Krasnodon" - ha detto Prokhorychev. http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505852371/2023-06-25T194854Z_1284731287_GM1EA6Q09CX01_RTRMADP_3_UKRAINE-CRISIS.JPG
Nell'attacco nessuno è rimasto ferito. I pullman diretti nella regione di Vladimir trasportavano 84 profughi di Kramatorsk, tra cui 46 bambini.

ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505866696/9RIAN_02456196.HR.jpg
La Russia invita l'Ucraina a non bombardare le città pacifiche. Mosca esorta Kiev ad abbandonare le azioni che provocano vittime, tra la popolazione civile dell'Ucraina. Lo hanno dichiarato al ministro degli Esteri russo. "Ancora una volta chiediamo con insistenza alle autorità ucraine, se sono in grado di valutare le conseguenze della loro politica criminale, di rinunciare al bombardamento delle città e dei villaggi pacifici e di ripristinare una vera tregua per salvaguardare la vita della popolazione", si afferma nel comunicato della diplomazia russa. "Risolvere i problemi politici dell'Ucraina attraverso l'eliminazione fisica dei suoi cittadini non soddisfa le norme della società civile europea, su cui punta Kiev", ritengono al ministero.

ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

GIUSTAMENTE Russia, accusa, la Casa Bianca di interferire nella situazione in Ucraina. giustamente! e la Europa ne pagherà tutte le conseguenze di questa politica scellerata! Crisi ucraina, “fallimentare la politica di sanzioni contro la Russia”

ordine esecutivo 11110 Unius REI
4 ore fa

Kerry to Iran: Deal Possible, but Time is Running Out.[[ Re Abd Allah Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, [ SE, VOI PENSATE DI SALVARE IL GENERE UMANO, ACCORDATEVI SUBITO! IO HO GIà SALVATO L'IRAN, UNA VOLTA, ORA, NON LO FARò PIù! ]] U.S. Secretary of State warns Iran that a nuclear deal is still possible, but time is running out. By Elad Benari. First Publish: 7/2/2014, U.S. Secretary of State John Kerry is warning Iran that a nuclear deal is still possible, but time is running out. In an editorial piece which appeared in The Washington Post on Monday, Kerry wrote, “All along, these negotiations have been about a choice for Iran’s leaders. They can agree to the steps necessary to assure the world that their country’s nuclear program will be exclusively peaceful and not be used to build a weapon, or they can squander a historic opportunity to end Iran’s economic and diplomatic isolation and improve the lives of their people.” “Diplomacy and leadership are marked by tough calls. This shouldn’t be one of them,” wrote Kerry.
“Iranian officials have stated repeatedly and unambiguously that they have no intention of building a nuclear weapon and that their nuclear activities are designed solely to fulfill civilian needs. Assuming that’s true, it’s not a hard proposition to prove.” “Throughout these talks, Iran’s negotiators have been serious. Iran has also defied the expectations of some by meeting its obligations under the Joint Plan of Action, which has allowed time and space for the comprehensive negotiations to proceed. Specifically, Iran has been eliminating its stockpile of higher levels of enriched uranium, limited its enrichment capability by not installing or starting up additional centrifuges, refrained from making further advances at its enrichment facilities and heavy-water reactor, and allowed new and more frequent inspections.”
“In exchange, the European Union and the P5+1 have provided limited financial relief to Iran, even as the architecture of international sanctions and the vast majority of sanctions themselves remained firmly in place,” Kerry added.
“Now Iran must choose,” he declared. “During the comprehensive negotiations, the world has sought nothing more than for Iran to back up its words with concrete and verifiable actions. We have, over the past several months, proposed a series of reasonable, verifiable and easily achievable measures that would ensure Iran cannot obtain a nuclear weapon and that its program is limited to peaceful purposes. In return, Iran would be granted phased relief from nuclear-related sanctions.”
“What will Iran choose? Despite many months of discussion, we don’t know yet. We do know that substantial gaps still exist between what Iran’s negotiators say they are willing to do and what they must do to achieve a comprehensive agreement. We also know that their public optimism about the potential outcome of these negotiations has not been matched, to date, by the positions they have articulated behind closed doors,” said Kerry. He revealed that there is a “discrepancy between Iran’s professed intent with respect to its nuclear program and the actual content of that program to date. The divide between what Iran says and what it has done underscores why these negotiations are necessary and why the international community united to impose sanctions in the first place.”
“Iran’s claim that the world should simply trust its words ignores the fact that the International Atomic Energy Agency has reported since 2002 on dozens of violations by Iran of its international nonproliferation obligations, starting in the early 1980s,” noted Kerry. “The UN Security Council responded by adopting four resolutions under Chapter VII, requiring Iran to take steps to address these violations. These issues cannot be dismissed; they must be addressed by the Iranians if a comprehensive solution is to be reached. These are not just the expectations of any one country, but of the community of nations.” “To gain relief from sanctions, the world is simply asking Iran to demonstrate that its nuclear activities are what it claims them to be,” he wrote, adding that the negotiations with Iran have a chance to succeed “but time is running short.”
Iran and the six powers, also known as the P5+1, have been striving to turn an interim deal signed in November into a comprehensive settlement by July 20.
So far there has been little progress and Iran’s foreign minister, Mohammad Javad Zarif, said following the last round that Iran rejected the West’s "excessive demands". At the same time, Zarif previously indicated that the sides have started drafting a comprehensive agreement, though “there are still many differences” over the text. Under Secretary of State for Political Affairs Wendy Sherman, who has been leading the U.S. team in the negotiations with Iran, recently indicated that it is unclear whether Iran is ready to take the steps necessary to assure the world its nuclear ambitions are entirely peaceful.
Sherman said the fifth round of Vienna talks produced a "working document" that is "heavily bracketed" due to remaining disagreements, making clear much work remains to reach a deal.
Israel, meanwhile, has repeatedly warned against the impending nuclear deal between Iran and the West. Prime Minister Binyamin Netanyahu reiterated his warnings this week.

ordine esecutivo 11110 Unius REI
5 ore fa

Bat-Galim Sha'ar: Failures Go Right to the Top. The mother of murdered teen Gilad Sha'ar confronted top security officials, pleading for answers about how the system failed her son. By Yaakov Levi. First Publish: 7/2/2014, Re Abd Allah Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, [ NOI sappiamo tutti che il Regno di Dio, è impostato in maniera gerarchica, infatti è un REGNO! anche, la democrazia, se, non viene trasformata in anarchia, dai bildenberg farisei demoni Illuminati, potrebbe avere un concetto gerarchico efficace di autorità!

ordine esecutivo 11110 Unius REI

Re Abd Allah Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, [ in realtà, il destino del mondo dipende dalle vostre scelte politiche, ma, è Israele, che, ha nelle sue mani l'ago della bilancia! SE, GLI ATTUALI ASSETTI DEL MONDO, NON VERRANNO CAMBIATI, MORIREMO TUTTI!

ordine esecutivo 11110 Unius REI

Re Abd Allah Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, [ perché, voi scendete dalle nuvole, come, se, voi sentite da me, per la prima volta, questo insegnamento? ] io ho sempre detto ed espresso questo concetto, sono anni che, io dico questo!